Archivio Tag: teoria della PNL

PNL: “errore – lo stato risorsa come addizione aritmetica”

L’altro giorno stavo facendo un po’ di ordine e mi spunta fuori un bellissimo libro di Steve Andreas “la costruzione del significato”, un super pippone fra logica, PNL e psicologia del cambiamento, davvero bello. Lo sfoglio rapidamente e vedo che in una pagina, almeno 8 anni fa avevo sottolineato con 3 asterischi (per segno di ultra rilevanza), un paragrafo intitolato “la fallacia della teoria aritmetica degli stati”. L’ho trovato talmente interessante che ho deciso di condividere discuterlo con chi è appassionato dell’argomento.…

Leggi di più

PNL: La dietrologia …

Ciao,

da quanto tempo conosci la PNL? Molti quando la incontrano ne sono particolarmente affascinanti ma allo stesso tempo “spaventati”. Il timore deriva dal fatto chela PNL viene, molto spesso, presentata come una sorta di panacea attraverso la quale è possibile: guarire in pochi minuti, fare più soldi, piacere a tutti, svelare le menzogne…ecc…ecc..

Oltretutto, come se non bastasse la PNL ha adottato molti aspetti delle sette religiose. Rituali, neologismi, livelli di crescita (le certificazioni) e il grande guru (Bandler). Lo so…lo so…molte organizzazioni sono disegnate sullo stesso modello, ma pensaci, se arrivi da fuori e non sai che cosa è la PNL, tutte ste cose ti fanno un’attimino pensare!…

Leggi di più

PNL: Canali Rappresentazionali e Ricerca…

Ciao,

sai che cosa sono i canali rappresentazionali in PNL? sonoi canali attraverso i quali passano le informazioni dalla”realtà esterna” al tuo cervello…in pratica i sensi. Questi,secondo la PNL creerebbero delle rappresentazioniinterne che possono essere modificate permigliorare la vita…

La teoria della PNL può sembrare bizzarra a chi conoscei meccanismi della memoria, e sa che nella testa nonabbiamo ne fotografie e ne suoni…ma brandelli di inputcon i quali ricostruiamo il ricordo. Ma è di poco tempofa uno studio eccezionale che può fare luce su questo “dilemma”.

Markus Keifer della Università tedesca Ulm ha condottouno studio molto interessante: ha monitorato dei soggettiattraverso la risonanza magnetica mentre stavano leggendodelle parole, riconducibili a suoni.…

Leggi di più

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK