La meditazione musicale

musica-cervello3

Hai mai sentito parlare di “meditazione musicale“? No? E’ normale, è un nome che mi sono inventato da poco. Perché in realtà l’uomo utilizza la musica da millenni per entrare in connessione con se stesso e con la natura. Ecco come puoi farlo anche tu…

Bene, ci tengo tanto a ribadire che da sempre noi esseri umani abbiamo usato la musica come mezzo di contemplazione, per cui ne i fautori della mindfulness e ne psinel (cioè il sottoscritto) hanno inventato nulla di nuovo.

Ma si tratta di una saggezza troppo importante per essere tralasciata o messa in disparte dall’utilizzo che facciamo normalmente oggi della musica.

No, non c’è niente di male ad ascoltare la musica per “gasarsi”, per motivarsi, per svagarsi, per diver-tirsi (nel senso di divergere) o semplicemente per distrarsi dalle incombenze della vita.

Tuttavia esistono tanti altri modi per utilizzarla, uno di questi è per allenarci a restare nel presente. Vedi, secondo me…

…la “musica è vita e la vita è musica”!

Lo so, sembra una frase da “bacio perugina” ma in realtà le cose stanno proprio così. Tutta la vita ha un ritmo, un tempo, una musicalità! E le ricerche in psicologia lo dimostrano sempre più.

Guarda il video della Deanna Choi una collega che ci parla un po’ dei benefici della musica sul cervello:

Come sempre si tratta di un video fantastico del TED (chissà se un giorno mi chiameranno mai per parteciparvi) dove, fra un brano e l’altro la brava collega ci parla della musica come “una cosa migliore del sesso”.

Ovviamente sta facendo una semplice analogia, perché a quanto pare la musica va a stimolare zone del cervello simili (se non del tutto identiche) a quelle del sesso.

Sappiamo in realtà che molte attività fanno la stessa cosa, dal mangiare cioccolato a giocare d’azzardo (cosa che ti stra sconsiglio per un milione di motivi, soprattutto con i giochetti legalizzati…brrrr).

Fra gli argomenti più interessanti a favore del “potere della musica” c’è sicuramente quello dell’aumento della neuro-plasticità cerebrale… ma perché parlarne così tanto?

Cioè… perché esaltare un meccanismo fisiologico di adattamento all’ambiente come la neuro-plasticità in un sito che parla di crescita personale?

Perché senza questa benedetta neuro-plasticità non c’è alcuna crescita o alcuno sviluppo personale. Si tratta, per dirlo in termini tecnici: “del substrato fisiologico che sostiene ogni cambiamento psicologico”…

…ecco perché è così importante. E qualsiasi cosa faciliti questa plasticità facilità di conseguenza ogni percorso di sviluppo personale!

La musica sembra avere effetti benefici in ogni momento della nostra vita, dal ventre materno (ci sono studi che lo dimostrano) sino alla più tarda età… e ci aiuta a preservare anche il cervello.

Quindi che meraviglia pensare di utilizzarla, anche per “meditare”:)

E la prima meditazione che salta in mente è di certo “informale”, perché fortunatamente siamo circondati dalla musica e possiamo accedervi in qualsiasi momento.

Ti è mai capitato di ascoltare un brano ed esserne completamente catturato? No nel senso di “essere catturato dalle associazioni” legate alla musica…

…ma nel senso che la “musica” era diventata l’unica protagonista della tua percezione? Ecco, in quel preciso momento, eri presente, eri nel fantomatico “qui ed ora”!

E’ un po’ questo l’esercizio di oggi. Se sei un appassionato di musica di certo ti sarai reso conto che spesso ascolti la musica in quel modo, magari “isolando gli strumenti”.

E’ un “gioco” che personalmente faccio dall’adolescenza, quello di cercare di ascoltare ogni singolo strumento. Ricordo che all’inizio non era facile ma poi con il tempo “ci ho preso l’orecchio“.

No, non è necessario saper scomporre un’intera orchestra di musica classica o una “big band” (sono quelle band con tanti componenti che suonano).

Ma ti basta anche solo ascoltare il tuo pezzo di musica preferito, del tuo gruppo preferito. Si, ok oggi c’è una valanga di “elettronica” in ogni brano che difficilmente ci permette di distinguere “gli strumenti”.

Allora scegli pezzi dal vivo, suonati da persone in carne ed ossa.

Nel podcast ti ho raccontato quando faccia bene “giocare con uno strumento” anche se non lo sai propriamente suonare. Su questo ci sono una valanga di studi.

Ricerche che puntano tutte nel dirci che chi suona ha grandi vantaggi psicologici. Questo non significa che i musicisti siano più “equilibrati” di altre persone (di solito le cose non stanno così;))…

…ma significa che se proprio vuoi “tenere allenato il cervello” ci sono pochi esercizi così efficaci come l’apprendimento di uno strumento. Ed indovina che cosa succede se impari a suonare uno strumento?

Diventi sempre più bravo a riconoscere anche gli altri strumenti. Diventando più competente diventi anche maggiormente “influenzabile dalla musica”.

Con “influenzabile” non intendo che questa possa fare “chissà che cosa”, ma nel senso che quando sai far una certa cosa, quei famosi neuroni specchio funzionano meglio.

Diversi studi hanno provato che se un “non chitarrista” guarda un video di chitarristi, gli si attivano i neuroni specchio ma non come in uno che “saprebbe più o meno suonare quello strumento”.

La famosa “simulazione incarnata” di Vittorio Gallese ci indica quanto avviene questo fenomeno. E ci dice che, più siamo “competenti” in una determinata area e più il nostro “sistema a specchio risponde”.

Questo “sistema specchio” è lo stesso che facilita l’apprendimento di tutto ciò che osserviamo… e più le cose che guardiamo “assomigliano a cose che sappiamo fare e meglio funziona la simulazione”.

Che cosa assomiglia molto alla musica? Una delle cose più interessanti per noi è la comunicazione interpersonale. Con la capacità di comprendere “i turni di parola” (quanto tocca a te o a me parlare in una interazione)…

…con la capacità di ascoltare ciò che ci viene detto. Aumentando l’abilità nell’utilizzo di pause, ritmo, dinamica nella voce…ed anche di interpretare meglio queste “azioni comunicative”.

Concludendo: ascoltare e suonare “la musica” è qualcosa che facciamo dagli albori dei tempi, forse ancora prima di avere un linguaggio ben strutturato.

Le ricerche dimostrano sempre più che l’ascolto musicale ed ancora di più l’apprendimento musicale, ci permettono di tenere allenato il cervello sotto molti punti di vista.

E, come ogni stimolo che avviene nel “qui ed ora”, la musica può essere utilizzata come “punto di focalizzazione per meditare”.

Insomma così tanti vantaggi in un’unica azione! Se come molti miei coetanei hai lasciato perdere l’ascolto (o la pratica) musicale, magari perché “sei cresciuto ed hai cose più importanti da fare”…

…tieni a mente che ascoltare o praticare la musica, può essere qualcosa di vantaggioso a qualsiasi età. Rispolvera i tuoi vinili, tira fuori dal baule la tua chitarra, e ritorna adolescente di tanto in tanto.

Il tuo cervello e la tua crescita personale ti ringrazieranno 🙂

A presto
Genna

 

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Manipolare Il Tempo Mentale
Meditazione e giudizio
Come aumentare la soddisfazione nella tua vita!
Non conoscere… per vivere meglio?
6 Commenti
  • Ciao Gennaro 🙂 ogni podcast per me è qualcosa di eccezionale, ma con questo hai veramente fatto centro nel mio cuore! 😀 Come avrai capito sono un musicista, la musica è la mia vita e ascoltare questo podcast devo dirti che mi ha emozionato! Oltre a suonare ascolto davvero molto, e questo spesso mi porta ad avere costantemente un brano o una semplice melodia che mi gira per la testa (quest’ultima cosa non so se effettivamente sia proprio un bene, che dici? ) Non vedo l’ora di fare l’esercizio con consapevolezza! Grazie per quello che fai 🙂
    Ps. Viva Mozart! 😀

    • Grazie Andrea 🙂

      Il motivetto che continua a ronzare nella testa è qualcosa di “tipico di chi ascolta e bazzica in mezzo a tanta musica”. Chiaramente, se stai meditando non devi seguire quel motivetto, ma neanche cercare di scacciarlo… ancora una volta, lo noti e gentilmente ritorni a ciò che stavi facendo.

  • Ciao genna, bel podcast…….
    La parte che mi è piaciuta di più,(e che spesso ti sento dire) è dove spieghi che il distrarsi è il momento dove ci alleniamo……
    A pensarci bene sembra l’opposto; ma è proprio così….😊
    Le nostre cadute o ricadute le leggiamo come conferme di nostre incapacità o fallimenti dove non vediamo crescite…. Ma in realtà mentre ci accorgiamo di essere fuori strada è lì che ci abituiamo a tornare dentro…. Più sbagliamo è più impariamo… Una chiave di lettura dei nostri sbagli TOTALMENTE OPPOSTA A QUELLA CHE SOLITAMENTE VEDIAMO!😉
    Un pilota di moto seppure ripercorre sempre lo stesso circuito non si scoraggia … Ma prende come esempio il giro precedente X migliorare quello che sta facendo😅.
    Il resto del podcast è molto bello e condivido pienamente ciò che ci riporti alla mente.
    Grazie genna

  • Ciao genna
    È sempre un piacere sentire i tuoi podcast?! Stavolta però mi hai preso in contropiede. Devo ammettere che il mio rapporto con la musica è sempre stato un po’ conflittuale. In passato ho provato flauto, chitarra, pianoforte ma nessuna soddisfazione ne entusiasmo. Però ammetto che spesso mi ritrovo a cantare a squarciagola alcune canzoni e mi sento rinascere. A volte per le parole e a volte per il ritmo.
    Alcune sono dolci e si trasformano in un abbraccio dall’interno altre invece mi danno proprio la carica.
    Non credo che mi lancerò su uno strumento ma spero tu mi concederai anche il ripiego vocale?!
    Grazie ancora per la tua costanza e le promesse che costantemente mantieni.
    Vorrei chiederti se sulla base della tua esperienza esistono parole o frasi che caricano o motivano praticamente chiunque o se invece l’effetto di certe parole è molto più soggettivo?!?!

    • Ciao Giorgia,
      certo anche il canto a squarciagola è contemplato per riattivare in te un pizzico di “desiderio musicale”!
      Prova anche l’esercizio dell’ascolto, quello è il pezzo forte.

      Azz che domanda impegnativa, allora ci stavo anche scrivendo un podcast… in linea generale le “parole calde” sono soggettive e rispecchiano chi siamo, che cosa amiamo, i nostri valori ecc. Però probabilmente esistono immagini comuni, come gli archetipi di Jung. Ma questo “è un delirio” che troverai in un futuro podcast.

      Grazie

      • Allora rimango in trepidante attesa ad ORECCHIE APERTE!!!!!
        Oggi allora un po di ascolto mindfull…….
        Sei grande (e supertempesivo nella risposta!!!)

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK