Gestione delle emozioni: Come trasformare la rabbia in assertività

gestione-rabbia-assertività

Ti arrabbi facilmente? Oppure al contrario che “non riesci arrabbiarti? Da anni si sente parlare di “gestione delle emozioni” ma tutti hanno puntato il dito contro tutte quelle emozioni che chiamiamo “negative”, come la rabbia. Quasi che provarla sia sbagliato! Oggi voglio mostrarti come trasformare la tua rabbia in energia per migliorare quella abilità che viene definita come “assertività“.

Sei riuscito ad ascoltarlo? Scommetto che sotto sotto lo hai sempre saputo che le emozioni negative non sono “negative di per se”, altrimenti perché siamo così presi da queste?

Una risposta potrebbe essere di carattere evolutivo: fino a qualche secolo fa la rabbia ci aiutava a difenderci dai pericoli, oggi i pericoli sono molti meno e quindi “non ci serve più”…

…ma questo non è affatto vero, la rabbia non serve solo per sopravvivere, ma per raggiungere i nostri obiettivi personali. Infatti ci arrabbiamo di brutto proprio quando qualcosa o qualcuno, ci mettono i “bastoni fra le ruote”.

Le emozioni “negative” non sono “cattive di per se” ma servono per attivare le risorse del tuo organismo oltre che a fungere da segnali di questa stessa attivazione.

Ovviamente ci sono situazioni in cui ci attiviamo senza un reale motivo, perché ci siamo per così dire “condizionati negativamente”, ma non è questo di cui voglio parlarti. Ma voglio puntare il dito verso tutte le piccole e grandi emozioni negative che possiamo provare.

Le quali fungono come una sorta di spia che in modo conscio o inconscio attivano le risorse dell’organismo. La rabbia attiva risorse per combattere o fuggire tuttavia in questi decenni di psicologia positiva e di crescita personale, sembra quasi sbagliato provare rabbia.

Hai mai sentito dire che la rabbia è un “veleno che beve chi la prova”? Ed in effetti ci sono studi che provano che quando uno si arrabbia altera il proprio organismo in modo “negativo”…ma…

…in realtà quell’alterazione è passeggera e serve per mobilizzare le risorse fisiche e psicologiche per agire. Come ti raccontavo nella scorsa puntata dedicata all’evitare di evitare… voglio un dare il giusto credito alle “emozioni negative” le quali, se gestite correttamente diventano delle vere e proprie risorse personali.

Il caso più eclatante è quello dell’assertività, essere assertivi (come abbiamo detto più volte) significa “far rispettare i propri diritti, senza però calpestare quelli degli altri”. Nel podcast ti ho parlato di due tipologie diverse di persone che si “arrabbiano”:

gli infiammabili e gli ignifughi. I primi, prendono fuoco facilmente e, dopo poco “perdono la testa”. Mentre i secondi, al contrario sembrano bloccarsi di fronte alle emozioni.  Entrambe queste “categorie” devono imparare a gestire la rabbia in modo differente.

I primi devono apprendere come evitare di finire nel “blackout emozionale” mentre i secondi devono “lasciarsi andare” ed entrare maggiormente in contatto con le loro emozioni, facendo si che si esprimano.

Gli “infiammabili” devono scoprire come tirare il freno e gli “ignifughi” come lasciarlo andare.   Sono anni che ti parlo sia di “gestione della rabbia” e sia di “assertività”.

E sono convinto che le due cose abbiano molto a che fare, chi non riesce a gestire la propria rabbia avrà difficoltà nell’essere assertivo.

Gli infiammabili rischieranno di sembrare dei dittatori e gli ignifughi degli sfigati che non si sanno difendere. Negli anni ho scoperto che, se le persone riescono ad allenarsi nella gestione della rabbia, diventano naturalmente più assertive ed è questo il cuore della 78° puntata del podcast.

Se per anni ti sei sentito prigioniero della tua rabbia o hai pensato di non essere in grado di esprimerla, i consigli che hai ascoltato nell’audio possono realmente cambiarti la vita. Ci sono solo alcuni piccoli avvertimenti:  

Il primo è legato al fatto che alcune persone hanno bisogno di un training vero e proprio per scoprire come regolare le proprie emozioni. Come fai a sapere se fai parte di questi?

O lo sai già perché in passato ci hai provato in diversi modi oppure perché, applicando questi consigli non hai nessun tipo di miglioramento.  In questo caso rivolgiti ad un professionista che sia avvezzo a questo punto di vista!

Il secondo motivo è legato al fatto che la gente desidera avere una soluzione, rapida ed indolore. Mi dispiace dirti che qui serve invece pratica nel tempo e tanta applicazione, devi essere disposto a guardare in faccia come realmente gestisci la tua rabbia e fino a che punto puoi arrivare.

Devi essere disposto a metterti li e meditare e fare gli esercizi per un lungo periodo (diciamo minimo 6 mesi).  Insomma non è una passeggiata, non è un tipo di soluzione “magica”. Ma si tratta di un lavoro che possiamo fare con calma e dedizione, chi riuscirà scoprirà (spesso in modo davvero sorprendente) che la propria rabbia, può essere una risorsa di forza ed energia che prima non aveva mai espresso in modo completo.  

Sei pronto a scoprire una nuova fonte di energia che utilizzi da sempre ma senza saperlo?

Applica i consigli, leggi il Qde e facci sapere quali sono i tuoi risultati… e se ti è piaciuto il podcast, anche in versione ridotta, clicca su mi piace ed aiutami a far crescere psinel.  

A presto
Genna  

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Come gestire i tuoi pensieri attraverso la defusione cognitiva
Depressione: 4 consigli per prevenirla e “raggiungere la felicità”
Come diventare meno “impressionabile”
Disturbi d’ Ansia: “confronto sociale e autostima”
14 Commenti
  • Ciao Gennaro ho scoperto per puro caso il tuo blog e ammetto di essere stato molto fortunato.
    Ho letto il tuo articolo sulla gestione delle emozioni e l’ho trovato molto utile ed interessante. Anch’io ho un piccolo blog che tratta di crescita personale, produttività e life hacks ed ho avuto modo di trattare la tematica della rabbia e come usarla a nostro vantaggio senza esserne usati.
    Grazie mille per il bell’articolo e alla prossima.

    William

  • Grazie dottore ★★★★★★★★★★★★★★

  • In un momento di rabbia , dopo esser stata provocata, ho provato a concentrarmi su un punto del mio corpo (mani) e mi è stato utilissimo .grazie

  • Mi piace…queste insegnamenti nel quotidiano aiutano molto!!! ☆☆☆☆☆☆☆☆☆
    Sofia

  • Mi piace!! ☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆
    Lidia

  • Mi piace!!!☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆☆
    Maria

  • Mi piace!!!!!☆☆☆☆☆☆☆
    Maria

  • Grazie Daniele,
    il Qde è il "quaderno degli esercizi" che regalo tutte
    le settimane agli iscritti al sito. Per iscriverti
    devi inserire la tua email qui in alto a destra 😉

  • Daniele Mariotto
    Rispondi

    Dov'è/Cos'è il Qde?

  • Daniele Mariotto
    Rispondi

    Tranquillo che non dà fastidio la voce come è adesso
    (anche se non sei nel solito posto)

  • Ciao a tutti…

    @ Lorenzo Gorini: assolutamente si, gestendo le emozioni negative
    diventiamo sicuramente più bravi a vivere e goderci quelle
    positive. Grazie per la tua bella testimonianza 🙂

    @ Alchi: assolutamente si Alfred Adler, uno degli allievi di Freud
    ci ha fatto tutta una teoria sul "senso di inferiorità" e dice
    più o meno ciò che tu hai intuito.

  • Ciao Gennaro.
    Scusa se ti faccio una domanda che non centra con questo post.
    Volevo sapere se una passione puo essere scatenata da un interesse
    e se un interesse può nascere da una mancanza.
    Ad esempio : sono sfortunato con le donne mi ingegno e studio la seduzione,
    mi appassiono della materia e divento esperto.
    Oppure da bambino ero debole a scuola, mi sono applicato nelle arti marziali,
    da grande mi sono appassionato e sono diventato un campione.
    Come si innesca la spinta motivazionale in questi casi?
    Grazie.

  • Complimenti Genna bel podcast!
    Personalmente essendo sportivo ho visto dei miglioramenti proprio giocando a calcio. Lo faccio a livello dilettantistico ma cmq una decina di anni fa non riuscivo a fare bene come in questi ultimi anni proprio per colpa della rabbia gestita male. E credo che inconsciamente la gestione che ho avuto negli ultimi anni mi ha aiutato anche fuori dal campo nella vita e nel lavoro di tutti i giorni.
    Ho inoltre notato che questa gestione delle emozioni si è poi rafforzata grazie alla meditazione da 4 anni a questa parte….sarà un caso?
    Condivido in pieno i tuoi consigli e cercheró di utilizzarli per aumentare l'assertività!
    Gestendo meglio le emozioni negative puó essere che troviamo inconsciamente delle tecniche per vivere al meglio anche quelle positive ed aiutare la nostra crescita personale?

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK