Cambiare il carattere… è possibile?

E’ davvero possibile cambiare il carattere di una persona? Eppure un vecchio detto recitava:”chi nasce quadrato non può morire rotondo”.

Lo so, se segui psinel da tempo è uno degli argomenti su cui ho più discusso. Ma oggi mentre mi aggiravo per il web sono finito su una pubblicazione scientifica che cercava di dimostrare “quanto, attraverso la volontà si possa modificare il carattere”…Clicca qui sotto e buon ascolto:

Iscriviti al podcast di psinel

Sei riuscito ad ascoltarlo? Immagino già gli appassionati di psicologia dire: “ehi ma non si può fare un discorso del genere se non si definisce che cosa significa carattere”. Ed in effetti avrebbero ragione, diciamo in modo molto semplice che per carattere s’intende una serie di tratti di personalità più o meno stabili nel tempo.

Negli ultimi anni la ricerca in psicologia ha provato in molti modi quanto questi “tratti”siano plastici. Questa sembra la storia di un po’ tutti gli studi sulla “mente umana”. Ad esempio fino a qualche decennio fa tutti erano convinti che si nascesse “con un certo cervello” e si morisse sempre con quello.

Non solo, le cellule di quel cervello (i noti neuroni) erano visti come non riproducibili. Mentre tutti gli altri apparati hanno una sorta di turn-over prestabilito che va dagli organi meno specializzati, come la pelle che cambia spessissimo a quelli più specializzati come il fegato che cambia più lentamente. Fino ad arrivare al cervello “che non cambia”.

Ed invece oggi sappiamo che non è affatto così, il nostro cervello cambia, anche adesso, mentre leggi queste parole. Ogni micro apprendimento che fai si traduce in una serie di modificazioni biochimiche concrete. Oggi chiamiamo questo processo “neuroplasticità” ed è una delle scoperte più interessanti di questo secolo.

Ma non è solo il cervello fisico a cambiare …infatti come ti raccontavo in questo post, anchei nostri tratti di personalità, con il tempo cambiano. Lo so che sai che “tutto cambia” ma a volte bisogna mettere il dito nella piaga per rendere un concetto più presente. Più andiamo avanti con la ricerca e più ci accorgiamo che ciò che prima pensavamo essere “stabile e granitico” è in realtà in continuo mutamento. Anche la trascrizione del DNA che in teoria doveva restare identica (epigenetica).

In questa puntata del podcast ti racconto uno studio che mette in mostra questa “mutevolezza” anche psicologica, del carattere. E di come, attraverso“la volontà” si possa iniziare a fare dei piccoli passi verso un “cambiamento”. Lo studio in realtà ci mostra che i “cambiamenti” sono molto piccoli e non ci mostra dei dati nel lungo termine (detti longitudinali).

La volontà è dunque una parte di questo processo di “cambiamento” che a me piace più assimilare ad una crescita. Perché in realtà “il cambiamento”è insito nella nostra natura, ma “linguisticamente”(nella nostra razionalità) cambiare significa diventare “altro”, diventare qualcosa di diverso. Mentre personalmente non credo che si diventi”altro” ma che si diventi realmente “se stessi”.

Ovviamente non è scontato “diventare noi stessi”anzi, è più facile imitare i modelli che la società e la cultura ci tramandano. Per questo ti ho di nuovo rotto le scatole con la meditazione, cioè con la “consapevolezza”, senza la quale, ogni intervento di crescita personale (secondo lamia modesta opinione) difficilmente ha”gioco facile”.

“Ma come Genna, tutti i cambiamenti che ho fatto e subito sino ad oggi, sono avvenuti senza che io me ne rendessi conto”. Si è vero che perla maggior parte del tempo, continuiamo a cambiare “silenziosamente”. Ma una persona che lavora su se stessa, come immagino sia tu caro “psinellino”;), deve sapere come sta evolvendo, in quale direzione sta andando!

Tutta la vita è una continua crescita, ti sei mai accorto che via via che diventi “più grande”modifichi come vedi “gli eventi che ti capitano”? Addirittura alcune ricerche hanno dimostrato che le persone “più felici” hanno più di 60 anni. In una società che “odia gli anziani” direi che si tratta di un dato molto interessante…

…crescendo, maturando, perdiamo si delle abilità delle capacità fisiche, la velocità del pensiero ecc.Ma sembra che si acquisisca via via una maggioreconsapevolezza che rende la vita “migliore”.Per quanto mi riguarda questa è l’ennesima prova del fatto che è la “consapevolezza di se stessi” a renderci “migliori”. E’ la famosa”saggezza degli anziani”…

…che potremmo riassumere in un sempliceconcetto “esperienza“. Ma non possiamo dire che si tratti solo di “apprendimento di cose da sapere e da fare” ma si tratta di un processo di auto-conoscenza che ci porta ad essere delle persone “migliori”. Altrimenti uno che sa piùcose di te sarebbe automaticamente più saggio o più “maturo”…

…ti basta fare un salto a conoscere chi insegna in luoghi prestigiosi (come le Università) per renderti conto che questa equazione non è del tutto lineare. Cioè la conoscenza non va di paripasso con la “saggezza” o la “maturità“. Per questo sono convito che nel nostro processo di crescita e cambiamento la variabile più importante sia la consapevolezza…

…e da molti secoli abbiamo degli esercizi che la facilitano… uno di questi è la meditazione.

Concludendo: gli studi presentati dimostrano che è possibile “migliorare i propri tratti di personalità” ponendoci sopra “attenzione e consapevolezza”. Ma al contrario di quanto dichiarato dai ricercatori, secondo me, la sola “forza di volontà” non basta!

E’ necessario tornare a quella “sensazione”…Fammi sapere cosa ne pensi lasciando un tuo commento qui sotto. Se hai ascoltato l’audio sai che hai un’opportunità imperdibile: fare domande ad un super esperto di psicologia…mi raccomando non lasciartela sfuggire 😉

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Mangiarsi le Unghie: 8 passi per cambiare un vizio spiacevole
Psicologia e parapsicologia: “posso leggerti nel pensiero?”
Lo stress è “una sega mentale”? :)
La SCRITTURA Espressiva: come trasformare il “Diario” in uno strumento di “Consapevolezza”
9 Commenti
  • Merzenich è un grande scienziato, per la sua opera dovremmo essergli tutti grati, perchè allarga le frontiere delle persone. La neuroplasticità è affascinante. L’attenzione nutre la mente, concentrarsi sulle cose ci aiuta a rafforzare il pensiero che su di esse esercitiamo. Bisogna avere il coraggio di mettere i remi in acqua e remare. Kandel per me è l’iniziatore di una nuova epoca, il pensiero cambia il soggetto, lo modifica dall’interno. Una cosa che mi affascina, che non ho ben compreso, è il concetto di Engramma. La traccia che l’esperienza lascia nel cervello, che lo modifica.

  • Ciao Gennaro. secondo la mia opinione da profano, credo che la maggior parte delle persone ultra sesantenni sia gia in pensione e abbia dovuto non per sua scelta affrontare un cambiamento. si è ritrovato con più tempo libero (perciò piu tempo da dedicare a se stessi) e con meno doveri. Di conseguenza hanno avuto l'opportunità (non tutti)di avvicinarsi alla consapevolezza di cio che è reale.
    A proposito di personalità, hai mai notato la similitudine tra i disturbi di personalità di Sigmund Freud e l'enneagramma?
    ciao e a presto.

  • Buongiorno "psinellini" 🙂

    @ Paolo: dipende quando ti sei iscritto…non sono tanti per ora, per cui se mi mandi una mail in privato te li invio.

    @ Tony: Grazie mille, faccio del mio meglio anche se non sempre riesco a tradurre la mole di cose interessanti che ci sono in questo campo…in pratica.

    Sono anni che porto avanti questo lavoro, chi è davvero appassionato dell'argomento mi conosce, chi invece è un "appassionato della domenica", scappa subito davanti alla mole di materiale presente sul blog. Per questo ti ringrazio doppiamente.

    Buona giornata ragazzi
    Genna

  • Buongiorno,

    ho scoperto in questi giorni questo Blog e devo dire che mi sembra tra i più validi che ho visto in giro sulla psicologia e crescita personale.
    Scrivo semplicemente per ringraziarti perchè, come saprai, in rete si trova di tutto e di più su questi argomenti, ma raramente affrontati con serietà e rigore scientifico.
    Secondo me, la cosa bella del tuo blog sono gli esercizi pratici che possono aiutare veramente.
    Complimenti e buon proseguimento!

    Ciao

    Tony

  • Paolo Mangiapane
    Rispondi

    Ciao Gennaro, sono uno dei tuoi ultimi appassionati di PsiNeL. Mi sono iscritto al tuo podcast ma non ho ricevuto l'e-mail di quest'ultimo articolo. Sono interessato a leggere il Qde, anzi, vorrei leggere tutti i Qde di tua produzione, è possibile?

  • Paolo Mangiapane
    Rispondi

    Ciao Gennaro, sono uno dei tuoi ultimi appassionati di PsiNeL. Mi sono iscritto al tuo podcast ma non ho ricevuto l'e-mail di quest'ultimo articolo. Sono interessato a leggere il Qde, anzi, vorrei leggere tutti i Qde di tua produzione, è possibile?

  • Grazie Luigi,
    mmm se non sbaglio dalla 69° puntata.

    Grazie Danilo
    per l'ottima sintesi 🙂

  • Sicuramente l'Intenzione di voler cambiare e migliorare aiuta molto. La meditazione è un ottima via…in sintesi: il cambiamento è una costante, il miglioramento è una scelta. In linea generale o scegli di cambiare volontariamente o ci pensa la vita. Quindi meglio lavorare su se stessi e abbracciare il cambiamento prima che diventi una necessità 🙂

  • Utile il Qde…da quando hai iniziato a pubblicare i Qde? Grazie Luigi

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK