Intelligenza e uso del cellulare sono legati?

 

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzi molto il tuo smartphone per dare risposta alle tue domande? Una recente ricerca ha cercato di dimostrare che chi utilizza maggiormente la tecnologia per “trovare risposte” è mediamente meno intelligente. Questo dato non stupisce chiconosce il cervello umano e la famosissimamassima “se non lo usi lo perdi”. E tu, quantoutilizzi il tuo smartphone? Buona ascolto 😉

Iscriviti al podcast di psinel

Lo studio che ho citato è stato condotto da Barr e dai suoicolleghi della Università di Waterloo in Canda. I quali hanno reclutato 660 soggetti a cui sono state poste alcune domande sulla loro dipendenza dal cellulare. Prima di queste domande tutti i partecipanti sono stati sottoposti a diversi test per valutarne le abilità verbali e analitiche.

In breve: i soggetti che ricorrevano maggiormente al cellulare per “avere risposte” avevano anche meno abilità psicologiche (verbali e analitiche).Per comprendere questo effetto è utile pensare al cervello come ad una sorta di macchina che ha come obiettivo primario il “risparmio energetico“.

Se “il cervello” deve scegliere fra due strade, una facile ed una difficile tenderà a scegliere la prima, quella facile!

E’ un concetto evolutivo, risparmiare energia serve per sopravvivere, per farne “scorta” da utilizzare nei momenti di emergenza. Questa tendenza non ha solo lo svantaggio di farti scegliere “la via facile” ma ha anche molti vantaggi, come ad esempio, il fidarti del tuo “intuito” ecc.

L’esempio più vicino a noi, con cui molti di noi hanno fatto “i conti”, è appunto il calcolo mentale. I nostri nonni non potevano usare le calcolatrici a scuola, anche se avessero avuto i soldi per comprarne una e la competenza per utilizzarla, i professori erano convinti chela calcolatrice li avrebbe resi più stupidi e non in grado di fare i calcoli a mente…

…ed avevano ragione 😉 Infatti meno ti sforzi a fare qualcosa e meno diventi abile in quella cosa. Un principio chiarissimo in ogni tipo di attività umana. Tuttavia però, per il famoso risparmio energetico la calcolatrice è più che utile, ci fa risparmiare tempo e fa calcoli più precisi di come potremmo farli a mente. Il prezzo è stato “perdere il calcolo a mente”…

…e la domanda seguente è: “ci è ancora utile avere grandi abilità di calcolo mentale? “forse un professore di matematica risponderebbe che “ovviamente è utile”. Si ma fino a che punto? Fino al punto da far calcolare i nostri interessi in banca a mente? cosa impossibile o meglio lungae davvero macchinosa?

Prima di rispondere (in parte a queste) domande voglio mostrarti un video per “recuperare un po’il famoso calcolo” ed aiutare anche i tuoi figli a non perdere questa abilità…

L’hai visto? meraviglioso, non potevo resistere a ripresentarti questo video… non c’entra troppo con il tema del podcast, ma contiene preziose informazioni che dimostrano come si possa,attraverso i “giusti metodi” allenare “domini di competenza” (citando la prof.) minati dalla tecnologia.

Come ti raccontavo nel podcast questo tipo didiatriba è millenaria. Infatti lo stesso Socrate (che continua a ritornare da un po’ di tempo qui su psinel) era contrario alla scrittura. Sia lui che il suo allievo più noto, Platone, erano del tutto convinti che la divulgazione della parola scritta e della scrittura in se, avrebbe resto la gente più stupida e smemorata.

Potremmo immaginare un mondo moderno senza la scrittura? Chiaramente no, si di certoavremmo inventato altre cose, ma tutto ciò checi circonda in questo momento, web compresonon esisterebbe. La scrittura ha permesso alle persone di scambiarsi informazioni e questo ha permesso lo sviluppo delle società e delle diverse culture.

Il potere di questi “artefatti umani” non sta nell’artefatto in se… se ad esempio ti scrivi un post-it per ricordarti qualcosa di importante e poi, magari te ne ricordi solo grazie a questo tuo appunto, di chi è il merito? E’ tuo o delpost-it? Questa domanda è molto interessante (non è mia l’ho presa dall’Elefante invisibile di Mantovani, che ho studiato con piacere per un esame di tanti anni fa).

In poche parole il merito sta nel tipo di utilizzoche fai di quell’oggetto. Il “merito” è tuo che lo hai utilizzato al meglio per ottimizzare le tue”cose”. Se il post-it ti ha permesso di arrivare all’appuntamento e nei giorni precedenti di non pensare continuamente all’orario di quell’appuntamento, allora è grazie a te che questo artefatto è stato utile.

Potremmo pensare che il “merito” stia in una zona di mezzo che si crea fra te e l’oggetto che hai scelto per “appuntare l’orario”. Ma sei stato tu a farlo, a scegliere di utilizzare attivamente quello strumento che avevi a disposizione.

Quindi il discorso è sempre lo stesso, non ètanto lo strumento in se ma come lo usiamo econ quali intenzioni. “Si però Genna in questomodo perdiamo delle abilità mentali preziose”si in parte è vero, ma se usiamo bene questetecnologie ne apprendiamo di nuove. Tuttala storia del pensiero umano è un continuo perdere e ritrovare abilità mentali…

…il nostro cervello ha una qualità incredibileche solo negli ultimi decenni è stata studiatae comprovata: la plasticità cerebrale. E’ colpa sua se perdiamo “ciò che non usiamo” ma è anche grazie a lei che ci possiamo adattare in ogni situazione. Oggi non utilizzare internet per avere risposte e magari allenarsi ad avere una memoria enciclopedica…

…non serve a un bel niente! Si magari puoi andare a fare il fenomeno in qualche show televisivo, ma nei fatti avere una conoscenza enciclopedica basata di quelle in stile “idiot_savant” non è utile…forse lo era ai tempi di Pico della Mirandola, ma non oggi. Lo soche questo sconvolge gli intellettuali ditutto il mondo, ma le cose sonocambiate!

E se nel futuro dovessi assumere qualcuno per una mia attività, di certo sceglierei uno bravo a fare ricerche sul web piuttosto di uno con una memoria da elefante. Attenzione però, non sceglierei mai un candidato che non è in grado di pensare e che ha costantemente bisogno della tecnologia per farlo…

…se vuoi tenere allenato il cervello, segui iconsigli del podcast e fammi sapere che cosane pensi lasciando un tuo commento qui sotto.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Gustavo Rol e la Crescita Personale
Crescita Personale: “Sbaglia …che ti passa!” :)
Formazione: Intervista a Marcello Mancini
La vera differenza fra Valori e Obiettivi nella crescita personale…
6 Commenti
  • La mia opinione riguardo la tecnologia che rende stupidi:

    E’ naturale, come hai scritto, che l’essere umano sceglie la via più breve e comoda. Quindi questo può portarci ad un “instupidimento” generale rispetto a chi prima non utilizzava quella data tecnologia.

    I tempi cambiano, la tecnologia e l’intelligenza legata ad essa, in ogni ambiente, cambia.

    Non si diventa più stupidi mi pare di aver capito.
    Solo la nostra mente si adatta col tempo che vive.

    • Ciao Mariano,
      in teoria dovrei dire di si, ma in realtà tutto l’ambiente cambia e quindi non si può
      creare un nesso causale, dove diciamo che la tecnologia rende stupidi perché il nostro
      cervello tende all’economia.

  • Ciao ragazzi…scusate l'assenza ma sono molto occupato…per fortuna 🙂

    @ Sergio, hai sintetizzato perfettamente e in modo semplice come la penso…grazie!

    @ Mas mor, hai ragione è una domanda insita nella questione che ho tirato in ballo. E forse si una delle abilità che più ci servirebbe sviluppare è l'empatia.

    Si è vero, la trasformazione è un'arte che però, come ogni arte, può avvantaggiarsi della tecnologia 😉

    @ Bellavita: ahahaha si è difficile farlo ma è anche uno dei pochi modi per non scrivere sempre le stesse cose 😉 dopo tanti anni di blogging forse non esiste un argomento che non abbia ancora sfiorato (cose che abbiano a che fare con la vision di psinel).

    E si…iTunes è fetente, non facile da usare per chi non è un appassionato apple (neanche io lo sono;)) Tranquilla, i commenti sul blog e i mi piace vanno più che bene …grazie 🙂

    Genna

  • Ciao a tutti… Gennaro sei un grande…. Sei riuscito a far entrare un argomento apparentemente inutile con la crescita personale!
    Dal tuo discorso ho intravvisto un potenziale che mi può essere d'aiuto…… Quando dici che se non teniamo allenato una zona di noi; finiremo col ridurre questa capacità. E la soluzione a ciò è semplicemente la pratica!!!
    Bene, io ci ho visto" se vivi stati d'animo non troppo piacevoli, un buon metodo per affrontarli è viverli ( starci un po' dentro). Così ci alleniamo a questa situazione…..
    Grazie Gennaro x il tuo lavoro che ci regali ogni settimana; e scusa se non riesco a darti le stelle di gradimento che ti meriti. Ho provato più volte ma non mi lascia votare dal podcast.

  • Prima della domanda se la tecnologia rende "stupidi"…bisognerebbe chiedersi…."cosa migliorerebbe la Ns. società"?

    …la risposta è l'empatia…che però viene dopo lo studio di sè..che è contemporaneo alla meditazione sui Ns. comportamenti.

    Complimenti Genna x gli argomenti che tratti cioè l'arte della trasformazione…purtroppo è un'arte e come tale è un pò difficilotta.

    cia

  • Ciao Genna, complimenti per l'articolo. I tuoi contenuti sono sempre interessanti.

    Concordo pienamente con quanto hai scritto, l'importante è come viene utilizzata la tecnologia che di per se è uno strumento dalle infinite potenzialità. Non bisogna abusarne ma limitarsi ad utilizzare questo fantastico strumento nel modo più conveniente.

    A presto, Sergio

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK