Le basi della PNL…sono più interessanti della PNL stessa?

Per anni su questo blog di ho parlato ti PNL perché è stata la prima psico-tecnologia che sono stato in grado di “padroneggiare”. Nel post di oggi voglio mostrati qualcosa che potrebbe farti strabuzzare gli occhi, cioè che le basi della PNL (cioè i terapeuti che sono stati modellati) sono molto più interessanti e spesso più utili della PNL stessa 😉

Quando si parla di “basi di una teoria” si fa riferimento alla sua epistemologia, cioè delle sue origini e delle sue fondamenta teoriche. La PNL non ha un terreno solido perché la sua epistemologia è confusa, tuttavia il gruppo Meta (il primo gruppo di piennellisti) ha da sempre dichiarato apertamente di aver tratto i loro esercizi dai “terapeuti più efficaci” di quel periodo…

…in questi anni ho studiato in modo approfondito Milton Erickson, del quale ti ho già parlato fin troppo ed anche il lavoro di Fritz Perls, di cui invece ti ho parlato poco. Di Virginia Satir ho visto qualche video e letto solo un libro, per cui non ne so molto. Ma ti basta prendere anche solo uno di questi geni per scoprire quasi da subito da dove arriva il magico modo d’interagire della PNL.

Basta guardare come parlava e rispondeva Fritz Perls per rivedere l’atteggiamento con cui sia Bandler che Grinder conducevano i loro primi seminari.  Allo stesso modo ti “basta studiare:”Teoria e pratica della Gestalt” per renderti conto della differenza fra: quelle che vengono comunemente chiamate “basi della PNL” e quelle che sono realmente le sue premesse teoriche…

…in altre parole, leggendo quel libro ti rendi più che conto della genialità degli autori e di come sono giunti ai loro “esperimenti” e a quel tipo di atteggimento. Non lo hanno fatto perché era il”modo giusto di comunicare” come potrebbero pensare gli appassionati della PNL ma perché dietro c’è un profondo studio psicologico e soprattutto filosofico. Lo so che può sembrare strano ma così è…almeno per Perls…

…infatti Perls è un europeo emigrato negli USA e con se porta tutta la cultura europea. Infatti il libro che ho citato è pesante, soprattutto nella sua versione moderna dove Goodman (colui che ha preso i frammenti di Perls) ha voluto invertire le due parti originali. Che iniziavano con una serie di tecniche identiche a quelle della PNL ma per motivi “epistemologici” l’autore ha voluto iniziare dalla teoria…rendendo il libro davvero ermetico.

Comunque sia in quel libro ci trovi moltissimedi quelle idee che più tardi veranno chiamate“PNL”. Lo stesso puoi farlo studiando Erickson ma qui ci trovi molto più sensazionalismo, un po’ perché Erickson, pur facendo parte di una famiglia di immigrati, è nato e cresciuto in America. Quindi meno teorico e molto più pragmatico, come forse saprai Erickson ci ha lasciato un sacco di aneddoti e di casi clinici.

Se hai studiato un po’ di materiale di Erickson non ti sarà sfuggito che gli autori della PNL (soprattutto Bandler) non hanno solo preso la tecnica ma anche gli aneddoti di Erickson. Elo hanno descritto un po’ come un mago, che viste le sue sfortune e le sue doti riesce a fare cose al limite del paranormale. Ed in parte è un po’ vero; le capacità cliniche di Erickson non sono aneddoti ma puoi vederle nei video e leggerle fra gli scritti dei testimoni.

Tuttavia se si studiano le Opere di Erickson,altri super mattonazzi anche molto noiosi ;-)si capisce chiaramente che Milton non è “nato imparato” ma ci è arrivato con una miriade di ore di pratica e di studio. E ciò che la PNL ha preso da lui è soltanto una parte di tutto ciò che faceva…e tornando alla gestalt, da “una sola parte difficilmente si evince il tutto”…

…”Si basta assaggiare il pezzo di un melone per capire se il melone è buono” ma prima di raggiungere questa capacità devi averne mangiati di meloni 😉 Non solo, se sei un vero esperto devi riconoscere che da quei sapori si percepisce la qualità del terreno, se hanno preso più o meno pioggia ecc. Tutta una serie di qualità che si apprendono solo con pratica ma anche studio!

Così, restando in metafora “chi s’imbatte nella PNL scopre un pezzo di melone molto buono e saporito. Questo a volte, ancora prima di aver assaggiato davvero altri pezzi di melone”. Ciò che è successo a me è proprio questo, ho per così dire assaggiato la PNL e mi è piaciuta a tal punto da iniziare a cercare altri  “pezzi di questo melone” per scoprire che questi erano molto più gustosi e saporiti dei primi…

…ed anzi, che questi “bocconi approfonditi” mi hanno portato a scoprire tutte le sfumature degli assaggi precedenti. E assaggia oggi ed assaggia domani ho iniziato a distinguere per bene questi sapori e a comprendere che alcuni di questi,senza il giusto accompagnamento, sanno davvero di poco. Se come me hai iniziato il tuo viaggio nella crescita personale con la PNL…

… e come me hai constato i loro limiti evita discoraggiarti e dai un’occhiata alle vere fonti diquel sapere. Le fonti ufficiali come i lavori di Erickson, Perls e Satir, ed anche  quelle meno ufficiali come gli studi del MRI di Palo Alto e tutte le sue derivazioni. Facendolo ti renderai facilmente conto che le “basi della PNL” sono molto più interessanti della PNL stessa o in altre parole…scopri quanto è profonda la tana del bian coniglio 😉

Non mi credi? vuoi le prove? mmm difficile, però posso tentare…torna a trovarmi presto!

Sei appassionato di PNL? l’hai conosciuta solo qualche mese fa? allora mi dispiace mostrarti quanta strada hai ancora da fare, se invece sei uno che ne ha masticata tanta o addirittura troppa,allora magari storcerai il naso a leggere questo post delirante. Se così fosse, lasciami un commento e fammi sapere le tue opinioni…

Piccolo aggiornamento:

Attualmente sono convinto che la PNL abbia raccolto molte teorie interessanti ma che, basandosi sul primo modello cognitivista, si sia completamente persa “la terza generazione cognitiva”.

Ad oggi penso che la PNL potrebbe essere definita come uno strumento di defusione cognitiva, più che come una “modifica degli schemi mentali”.

…a presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: “il modeling…copiare è meglio?”
PNL e Mindfulness: I sottili legami nel mondo della crescita personale
Richard Bandler: “come superare brillantemente gli esami”
PNL: “Pulp Fiction e il linguaggio ipnotico” :-)
8 Commenti
  • Ave Nicola 😉 sicuramente si ed anzi ci butterei volentieri Jung in mezzo …insomma na grande e bella insalata a mista…

    Ciao Gabroz: non posso che essere d'accordo anche con te…ahaha eh già se sei dissociato o lo sei o non lo sei, piccolo dilemma che in PNL non si pone, visto che diventiamo coscienti della dissociazione che di solito è inconscia…ottima riflessione 😉

  • Concordo. Aggiungo che della pnl è un ottimo strumento per terapeuti ma un pessimo strumento per guarire se stessi. Tutte quelle tecniche perdono di significato se non si è in grado di dissociarsi, e credo che questo concetto dovrebbe essere stampato a caratteri cubitali sulla copertina di ogni libro di autoaiuto. Fossi stato in bandler avrei modellato Gurdjeff….. Se attingiamo dalle risorse che scatenano il problema, non saremo mai in grado di risolverlo! E spesso anche le tecniche dissociative non sottolineano bene che bisognerebbe stare attenti a non pensare di pensare di essere dissociati….. 🙂

  • Ciao Genna,
    quel che dici è vero: le basi sono spesso (o talvolta) migliori della stessa PNL, ma questo vale anche per la stessa stessa evoluzione della PNL: in particolare, la "PNL Generativa" di Roye Fraser, la stessa "PNL Evolutiva" di Dilts, oltre che i lavori degli Andreas.
    Riguardo ai "profeti" della PNL, metterei, tra gli altri: Assagioli (Psicosintesi), Robert Anton Wilson, lo stesso Josè Silva (Silva Mind Control)e Gendlin(Focusing), oltre che le varie Terapie Brevi Strategiche (dentro le quali, malgré Giorgio Nardone, includerei la PNL…).
    Ad Maiora…
    Nicola Perchiazzi

  • @ Minkia Mouse: eh già, scopri quanto è profonda la tana del bianconiglio 😉 ps. Il tuo Nik mi fa sempre morire dal ridere ;)))

    @ Andrea: Bateson era un antropologo e studiava le varie logiche del comportamento umano non solo il linguaggio. Per quanto riguarda la linguistica B&G si sono rifatti ad alcune teorie (oggi superate) formulate al periodo da Chomsky. Altre basi ultra interessanti da approfondire 😉

  • Ciao Genna,
    se ricordo bene, anche Bateson è stato modellato dai co-creatori della PNL, son curioso di leggere anche i suoi scritti… So che Bateson era un linguista, giusto?
    Grazie,
    Andrea

  • è vero, le basi della pnl sono molto più succose, e ti permettono di goderti la pnl ancora più a fondo.

    Come mi è capitato di dire, non solo in merito a B&G, ma anche ad altri grandi (della musica, della terapia, etc etc) è che: "se vuoi pensare come X devi studiare quello che ha studiato X", non quello che dice o quello che fa, adesso. (scherzo, ma con questo "adesso" ho anche dato un comando ipnotico sull'agire:D)

    Devo ripromettermi d mettere le mani su Fritz, su Erickson ci sono, sulla Satir abbastanza, ma su Fritz proprio no. Da rimediare.

    Grazie Genna, è sempre interessante leggerti.

  • Ciao Giuseppe,
    in realtà mica ti ho smentito 😉

  • Ciao Genna,
    mi è molto piaciuto il tuo post – o delirio, come preferisci.
    Sono un semplice amatore e temo superficiale conoscitore della materia, lo ammetto (nella vita faccio tutt'altro); tuttavia, da quel che ho frequentato ti dirò che non mi ha mai abbandonato l'impressione che la PNL, in sè, fosse per lo più una raccolta di ottimi ingredienti in salsa marketing.
    Felice, come sempre, di essere smentito da chi ne sa di più.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK