Meditazione e longevità: anche i premi nobel ormai parlano del meditare…

Ciao,

e se anche i premi Nobel parlassero dei benefici della meditazione?

E’ proprio ciò che sta accadendo ormai da decadi sotto i nostri occhi. Fior fior di scienziati di tutto il mondo parlano della nostra cara meditazione.

In particolare una equipe di biochimici che hanno visto il Nobel si sono fatti un bel po’ di domande interessante sugli effetti che la meditazione ha sull’invecchiamento delle cellule. Uno studio davvero sorprendente su come la meditazione sia in grado di farci stare meglio…

…sappiamo ormai da tempo che la meditazione è  in grado di ridurre lo stress, migliorare la concentrazione, ridurre le “ruminazioni”, alzare le difese immunitarie ecc.

Gli studi di Richard Davidson, che ho citato più volte, ci mostrano chiaramente che la meditazione mindfulness è in grado di modificare il funzionamento e a volte la anatomia del cervello.

Per cui non dovremmo stupirci quando qualcuno scopre che la meditazione ha un effetto diretto sulla struttura ed il funzionamento cellulare. Se a scuola hai studiato un po’ di biologia forse ricorderai che la crescita cellulare (e la sua riproduzione – mitosi e meiosi) sono guidate da una serie di fattori, fra questi c’è la lunghezza dei telomeri (si una scuola un po’ avanzata).

 

Questi telomeri sono le parti finali dei cromosomi, parti che sembravano non servire a nulla ma che via via si è scoperto essere molto importanti per la conservazione dei dati che vengono trasmessi dal DNA. Senza di essi,ad ogni nuova replicazione cellulare vi sarebbe la perdita di informazioni. Ed infatti via via che invecchiamo i nostri telomeri si accorciano. Lo studio che sto citando si è chiesto se gli stressor della vita avessero un qualche effetto sulla lunghezza di questi filamenti…

…ed ha scoperto che lo stress li rende più corti, qualsiasi fonte di stress, dalle più generali condizioni socio-economiche ad un pesante lutto familiare. La misura di questi telomeri sembra essere una buona fonte di informazioni sulla salute e soprattutto sulla “età biologica della cellula”. Alla luce di queste scoperte i ricercatori sono chiesti…

ma se lo stress accorcia i telomeri una pratica anti-stress potrebbe preservarne la lunghezza? e a quanto pare semplici pratiche di meditazione, anche svolte per pochi mesi(le classiche 8 settimane) hanno un effetto fisioanatomico sui telomeri…in altre parole si accorciano meno nel tempo, cioè rendono più longeva la cellula e di conseguenza l’intero organismo.

La pioniera nonché Nobel per la medicina nel2009 Elizabeth Blakburn. La quale insieme al suo team hanno vinto il Nobel studiando proprio i cromosomi ed i telomeri. La cosa interessante è notare che sulla descrizione di Wikipedia è si citato lo studio sullo stress psicologico e la lunghezza dei telomeri, ma non si fa cenno alla meditazione. Come infatti dice la stessa Blackburn:

le persone non sono a loro agio nel parlare dimeditazione“… il tutto è nato dalle osservazionidi una collega psichiatra Elissa Epel la quale,leggendo gli studi della Blackburn si è chiestase la lunghezza dei telomeri potesse essere unmisura indiretta della “debolezza psichica allo stress dei suoi pazienti“. E dopo 10 anni dicollaborazione hanno tirato fuori questi datiche si possono riassumere velocemente in…

…la lunghezza dei telomeri è indirettamente proporzionale alla quantità di stress subito. In altre parole, più riusciamo a far fronte allo stress e più lunghi restano i telomeri. E più lunghi sono questi telomeri  e più è longeva la forma biologica che li trasporta…cioè i meditanti. Abbiamo quindi una nuova evidenza scientifica dei benefici della meditazione e a darcela è un premio Nobel (e non è il Dalai Lama;))…

…resta da chiedersi quante altre pratiche siano in grado di “mantenere la lunghezza di questi telomeri“. Sarebbe interessante analizzare non solo le condizioni di vita, ma anche altri tipi di pratiche, magari confrontando stili di meditazione o pratiche di crescita personale e psicoterapiche.

Questa è solo una delle tante misure indirette di quanto facciano bene determinate pratiche psicologiche fortunatamente gli indici dei benefici di queste metodiche sono sempre di più: frequenza cardiaca,pressione sanguigna, conduttanza cutanea, ecc.

Da quando il comportamento umano è anche indagato a livello scientifico nascono ogni giorno macchinari diversi per studiare come”siamo fatti”.  Ma la cosa che più interessano i lettori si psinel è avere l’ennesima riprova che meditare fa bene!

Fammi sapere cosa ne pensi, magari hai già la tua età e mediti da tempo, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi di questo collegamento fra età e meditazione.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Rilassamento: 8 Consigli Per Rilassarsi…
Meditazione e Flow: similutidini e differenze fra presenza e stati di flusso
PNL e Mindfulness: I sottili legami nel mondo della crescita personale
Meditazione e rilassamento: similitudini e differenze…
7 Commenti
  • Grazie Giovanni,
    ho letto primo libro citato qualche tempo fa, se non sbaglio ci ho dedicato qualche post nei primi passi di psinel. Invece il secondo non lo conosco e vado a dargli un'occhiata.

  • Penso che la forza della pratica, in questo caso la meditazione, sia nella pratica stessa, scusa il gioco di parole, oltre a tutti gli effetti benefici al livello fisiologico, ho la convinzione che avere il potere di cucirsi un tempo per se per osservarsi, anche solo per 10 minuti, visto i numerosi stimoli esterni, sia di per sè una gran botta di autostima o almeno rispetto per se stessi.
    Nel frattempo grazie anche ai tuoi innumerevoli articoli ed esercizi mi sono creato una mia meditazione (meditazione Biodinamica integrata) e fra qualche settimana partirà il corso, n'è approfitto per dare un mio consiglio di lettura..Molecole di Emozione della Biologa Candace Pert e Somatic Experience di P. Levine
    Thanx
    Giovanni

  • Grandi questo è l'atteggiamento giusto 🙂

    Eh si, solo chi ha meditato e poi abbandonato la pratica sa quanto era bello quando si praticava :))

    Lorenzo, si ci sono molte persone che insistono sull'unione di yoga e meditazione. Personalmente non l'ho mai provato ma sono certo che possa dare grandi benefici…se fatto con i "maestri giusti".

    No non ho letto quel libro di Chopra…

    Marina, la costanza è il sale della meditazione…anzi la meditazione è costanza, è la disponibilità di metterti li tutti i giorni a fare qualcosa che sai che ti farà bene (ma senza aspettarti nulla, un bel paradosso)… è come andare in palestra, è noioso andarci sempre, però dopo un anno che ci vai come ti senti? si a volte ci sono "i dolorini muscolari"…ma passano per dare enormi risultati.

    Ti ho motivata? 🙂

    Grazie a tutti per i vostri commenti
    Genna

  • Questi articoli sulle evidenze scientifiche sono molto interessanti. Leggo spesso di studi che confermano i benefici della meditazione direttamente sul cervello, e ogni volta mi sembra qualcosa di sorprendente (ed estremamente affascinante).
    Io ho cominciato da poco a provare la meditazione, ma sono poco costante. Però ogni volta che leggo articoli come questo mi sento più motivata a farne una pratica quotidiana.

  • Per esperienza personale ho notato che meditare 20 min. al giorno porta molti benefici, che si moltiplicano se uniti ad una pratica quotidiana di yoga.
    Personalmente ho abbattuto stress,senso di inadeguatezza,ansia e stanchezza fisica. Inoltre ho molta piú facilità a concentrarmi nel momento presente.
    Sto leggendo attualmente il libro "Super brain" di Deepak Chopra and Rudolph E. Tanzi ed anche qui accenna alla meditazione.
    Questo libro aiuta a capire meglio le connessioni cervello, mente e corpo.
    Ve lo consiglio.
    Lo hai letto Genna? Che ne pensi?
    Ciao!

  • Quando facevo meditazione ero più orientata e presente a me stessa. mi ANDDAVAMEGLIO ANCHE LAVITA.
    Ero più serena. Poi col passare degli anni, con gli accadimenti della vita: lutti, perdite, malattie mi sono lasciata prendere dallo sconforto, dal vittimismo e ho trascurato la meditazione, pensando erroneamente che mi facesse perdere tempo e ho cominciato a correre, a rincorrere la vita, senza guardarmi dentro, facendomi del vittimismo. Ora ho capito, speriamo e ricomincerò a guardarmi dentro, a fare meditazione e non colpevolizzare più gli altri.

  • Mi riprometto sempre di cominciare ma non riesco a mantenere l'impegno… ora ho deciso fermamente che dal 1° settembre si comincia. Anche se ho gia esperienza in merito comincerò con qualcosa di leggero, il concentrarmi sulla respirazione e prestare attenzione solo al respiro.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK