Il potere della musica per una società migliore

Ciao,

oggi voglio parlarti di una delle cose che più mi fabattere il cuore “la musica”. E lo facciamo sia daun punto di vista psicologico, cioè l’effetto chequesta ha sul cervello e sia da un punto di vistasociologico, cioè che effetto ha sul comportamentodelle masse. Una delle cose che da sempre mihanno affascinato nella musica rock (la miapreferita) è proprio l’estrazione sociale dacui nasce…

…se infatti come me sei appassionato di questogenere saprai che il rock è un po’ il simbolo dellaclasse lavoratrice: dai Beatles ai Nirvana si trattasempre di ragazzotti che hanno subito gli effettidelle differenze sociali. Emarginati sociali checon una chitarra hanno cambiato il mondo e fattoalzare la testa a popolazioni intere. Insomma lamusica rock arriva da questo retroterra ed unrecente studio prova qualcosa del genere.

Nina Kraus e colleghi hanno provato che questotipo di effetto, cioè il fatto che la musica di uncerto tipo avvicinasse le classi sociali, ha il suoperché anche su singoli individui, quindi sullaloro psicologia. Ma non hanno solo confermato(fra molte virgolette) questo dato ma hanno piùche altro provato che esiste una rieducazione eguarda caso deriva proprio dallo ascoltodella musica.

I ricercatori hanno preso un gruppo omogeneo diadolescenti (omogeneo per status socio economico)e ne hanno testato le abilità di ascolto attraverso unEEG (elettroencefalogramma). In pratica hannofatto ascoltare una serie di sillabe ripetute cheerano contrastate da un rumore di fondo. Ed hannoscoperto che i bambini con una madre con unabassa educazione “musicale” (o meglio che nonapprezzava troppo il rumore)…

…avevano una attività cerebrale più bassa mentrec’erano i suoni e più alta quando c’era il silenzio.E che questi bambini erano anche meno bravi inun test dove era coinvolta la memoria di lavoro.Per fartela breve i ricercatori hanno scoperto chese si allenano quei ragazzi attraverso un trainingalla musica questo deficit nel riconoscere i suonicoperti da rumori di fondo svanisce. Ed i ragazziaumentano significativamente la loro capacitàdi distinguere suoni e parole.

Questo risultati è visibile all’EEG quindi non sitratta di una semplice congettura. Il cervello chesi allena allo ascolto musicale diventa più reattivoai suoni ed impara come distinguerli con maggiorefacilità. Secondo i ricercatori queste differenzesono visibili anche a livello sociale, cioè lepersone che hanno avuto più fortuna quandoerano piccole hanno anche avuto modo diascoltare più musica (secondo i ricercatori)…

…e la musica farebbe da collante fra un certostatus sociale ed un altro. Non sono del tuttod’accordo con queste osservazioni, forse inaltre parti del mondo la musica non vienefatta ascoltare ai ceti più bassi, ma per ciòche possono ipotizzare, da sempre i popolipiù sfortunati si sono “tirati su” a suon dimusica…dagli schiavi nelle piantagioniagli scugnizzi napoletani nei “rioni”.

La buona notizia è che ascoltare musica edanche studiarla fa proprio bene al nostrocervello. Non solo perché, come dicono iricercatori, lo allena a distinguere meglio isuoni ma anche perché ci allena in quellaparticolare abilità umana che è la nostracomunicazione verbale e non…ci allena adistinguere le parole.

Se mi segui di certo non ti sarà sfuggito ilpost su come “crescere attraverso l’arte eper me ci sono poche cose che possono avere lostesso effetto di crescita di una buona musica.Senza l’effetto sonoro la maggior parte deifilm e delle rappresentazioni non avrebbesenso. La musica ha un potere talmentegrande che esiste la musicoterapia…

…si lo so che tu starai pensando “ok Genna maci sono terapie di qualsiasi tipo”, si ma quellabasta sulla musica è di certo fra le più antiche.Poi, se ricordi da quel post, ti raccontavo cheuno degli effetti dell’arte è quello di portartiin uno “stato altro”, uno stato modificato dicoscienza. Ebbene, credo che la musica siafra i più potenti induttori di questo stato…

…ed in più la musica ha un vantaggio sullealtre arti, grazie alle registrazioni diventa unasorta di ripetizione del gesto artistico continua.Mentre il quadro sta lì fermo la musica si ripetecome la prima volta che è stata eseguita. So cheti potrà sembrare una differenza da poco, vistoche tutti possono immaginare che cosa ha fattoil pittore solo guardando il quadro.

Si ma ascoltare la musica riprodotta attiva i tuoineuroni specchio (soprattutto se sai come si suonaquel pezzo) e questo, forse, attiva più parti delnostro cervello. Migliorando ad ogni ascoltoattento anche il nostro modo di percepire queisuoni. Quindi se ti stai ancora chiedendo “checosa ci fa la musica in un blog dedicato allosviluppo personale”, sappi che si tratta diuno strumento di ultra crescita personale.

E questi studi non fanno altro che continuare aprovare ciò che sappiamo da secoli, ascoltaree produrre musica fa bene. Anche se non seiMozart o un ascoltatore erudito, il sempliceesporti alla musica ti fa bene. Ti basta solopensare a tutta la gamma di emozioni che èin grado di creare dentro di noi…

così se tu mi chiedessi: “vorrei tirarmi su ilmorale meglio andare a fare un corso di PNL ovedersi un bel concerto dal vivo”…bhe sappi chefrancamente ti direi che è meglio il secondo 😉

E tu? cosa ne pensi di questo tema? ti piace lamusica? credi che possa davvero fare tantocome credo anch’io? lascia un commento quisotto e faccelo sapere.

A prestoGenna

Ps. Sapevi che la filo diffusione di pezzi di Mozartnelle scuole migliora l’armonia fra i bambini? eche “smettono di urlare”? che diventano ancorapiù intelligenti? insomma un sacco di roba 😉

Spero che Simone ed Alberto (i protagonistidella immagine che vedi sopra) non siarrabbino 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Martin Seligman: Psicologia Positiva all’ Evolution Conference…
Derren Brown: “finalmente il suo libro in italiano…trucchi della mente”
Apprendimento: 10 Segreti della Memoria
Diventa Un Artista Con La PNL…e Migliora I Tuoi “Punti Di Vista”
4 Commenti
  • Ciao! Prima di tutto ti faccio i miei complimenti per il sito, sono abbastanza nuovo qui su PsiNel, sto trovando cose interessantissime e utili(sopratutto per quanto riguarda la meditazione al momento). Anche io sono un grande appassionato di musica, mi piace spaziare e non avere limiti nei miei ascolti 🙂 Per quanto riguarda invece il produrre musica ho avuto per molto tempo un rapporto di amore e odio con la chitarra. Desideravo tantissimo suonare bene e mi impegnavo molto con tante ore sullo strumento, ma non sono mai riuscito a migliore su ritmo e orecchio, due veri pilastri per un musicista. così la mia abilità nel suonare è cresciuta sempre più debole e sbilanciata con molta frustrazione come conseguenza, bloccato in trappole mentali "autoavveranti" che hanno peggiorato la situazione. Potresti magari fare un podcast a riguardo? Grazie mille per il lavoro che fai 🙂

  • Ciao! Prima di tutto ti faccio i miei complimenti per questo sito, sono abbastanza nuovo qui su PsiNel e sto trovando cose interessantissime e molto utili(sopratutto per quanto riguarda la meditazione). Come te amo tantissimo anche io la musica, di ogni genere, mi piace spaziare molto. Per quanto riguarda produrre musica…ho un passato di odio e amore con la chitarra. Purtroppo tutta una serie di "profezie autoavveranti"(che ora sto scoprendo con la crescita personale) hanno devastato il mio rapporto con la musica…volevo fortemente essere in grado di suonare, ma non mi venivano naturali due cose fondamentali per ogni musicista, ritmo e orecchio. Così le mie capacità di suonare sono sempre state sbilanciate ed la frustrazione aumentava…potresti affrontare l'argomento in un futuro podcast? consigli sull'apprendimento dello strumento ecc. Grazie mille per il lavoro che fai online 🙂

  • Grazie per la bellissima testimonianza…evviva il tuo insegnante di musica che ne capiva un sacco…il mio non faceva che punirmi 😉

  • Genna hai ragione…suono il sax da diversi anni e ogni volta che mi ritrovo con i miei amici a suonare è sempre meraviglioso…La musica per me è vita davvero…alle scuole medie, circa 20 anni fa, durante le ore di musica ci facevano ascoltare dei brani di musica classica e prima dovevamo riconoscere quali strumenti inrtevenivano nelle orchestre e poi ci facevano scrivere su un quaderno le sensaszioni che ci lasciavano quelle musiche…ci facevano descrivere le immagni che riuscivamo a visualizzare. Bellissimo…buon lavoro

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK