Longevità e psicologia: Trova il tuo “scopo” e vivrai più a lungo…

Ciao,

ti piacerebbe vivere più a lungo? La maggior parte della gente direbbe subito “certo che mi piacerebbe”. Qualche tempo fa ti ho mostrato un esperimento davvero interessante dove alcuni anziani sono stati “riportati indietro nel tempo” e tutti i loro parametri sono “ringiovaniti”. Oggi ti mostro un esperimento sempre orientato alla longevità ma che si basa sugli “scopi che abbiamo nella vita…

Sei riuscito ad ascoltarlo? Beh direi che non è una grande sorpresa, eppure anche se sotto gli occhi di tutti nessuno prima aveva incrociato queste due variabili: la longevità con gli scopi della vita. Eppure se chiediamo ad un “depresso” perché si ritira dalla vita molto probabilmente ci dirà che la sua vita ha perso di “senso”…in altre parole ha perso quello o meglio quegli scopi che lo portavano avanti.

L’esperimento condotto da Hill e Turiano (2014) ha analizzato la vita di 6000 persone seguite per la bellezza di 14 anni. A tutti sono state poste delle domande sugli scopi della loro vita, dovevano in pratica dire quanto erano d’accordo o meno su alcune frasi, tutte orientate per vedere se le persone avevano uno scopo perseguibile e quanta importanza gli attribuivano.

Ebbene a quanto pare le persone con un “forte scopo” erano anche quelle più longeve, il dato inquietante è legato all’età. Infatti pare che questa correlazione fra scopi e longevità non influenzasse solo gli anzi anima anche i giovani. In altre parole un ventenne senza scopi era a rischio di vita quanto uno sessantenne. Questo dato rimarca l’importanza di avere scopi significativi nella vita. (Dato supportato già da ricerche pregresse).

Prima di mostrarti come “avere scopi significativi”è bene distinguere il famoso “goal setting” da ciò che sto per proporti. Come forse saprai non mi è molto simpatica la procedura di settaggio degli obiettivi. Il che non significa che sia inutile ma ritengo che avere troppi obiettivi sia non solo una dispersione di energie ma anche una enorme perdita di “gestione personale”…

…lascia che mi spieghi meglio: avere tutto in un qualche modo “programmato” ci rende statici e meccanici. Li per li programmare tutto ti aiuta a gestire l’ansia nei confronti del futuro ma in realtà programmare troppo ci fa diventare sempre più ansiosi, come dicono i miei colleghi strategici: “Il controllo ti controlla!”…per cui controllarsi troppo (come già detto molte volte) può fare più male che bene.

Altro aspetto interessante è legato la ricerca dei nostri valori, la classica “estrazione dei valori” tanto cara a coach e piennellisti. Anche in questo caso si rischia l’eccesso di controllo ma la cosa più pericolosa è credere di trovare realmente questi principi interiori. In realtà li troviamo ma questi cambiano con il passare del tempo…

Non c’è niente che sia per sempre” dice uno dei miei brani preferiti degli Afterhours, che non fanno altro che ricalcare la saggezza orientale, con il Buddha sulla impermanenza (uno dei 4 dosha o nobili verità) e quella occidentale con il termine “panta rei” tutto scorre del nostro Eraclito (che in realtà non so quanto mettere nell’occidente).

Quindi nell’esercizio di oggi  vediamo sia come trovare questo “scopo trasformativo” (non nel senso che ti trasforma ma nel senso che lui stesso si trasforma insieme a te nel tempo) e come dare più senso alle azioni che facciamo per diventare più longevi e soddisfatti:

1) Lo scopo nelle piccole cose: questo è per me il punto più importante in assoluto che da solo potrebbe reggere tutto il podcast di oggi. Nel bel libro “flow” di Csikszentimihaly si parla del comune denominatore di tutte quelle persone che sono sopravvissute in condizioni estreme.

Tutti si sono concentrati sulle piccole cose, c’è chi ha misurato più volte il letto della propria cella e chi ha contato le onde o le nuvole.

Questo a i più esperti dovrebbe far venire in mente quel tipo di meditazione che viene chiamata informale e che serve per allenarci a restare nel presente anche durante le azioni quotidiane, per quanto piccole siano. Anzi, più sono piccole e più ci allenano a restare nel presente.

2) La direzione: come ti raccontavo nel podcast non esiste uno “scopo definitivo” ma una serie di direzioni che prendiamo (più o meno consapevolmente) durante la nostra vita. Si tratta di un processo in divenire che cambia man mano che cambi a tua volta.  Ecco alcune pratiche che possono esserti utili  per “osservare” questo processo…

a) Meditazione: come ormai sai da tempo meditare ti permette di allenarti a restare nel presente. Una cosa che sembra scontata ma che in realtà è molto difficile da coltivare. Sapere dove siamo, momento dopo momento, ci aiuta ad osservare più di ogni altra cosa la nostra direzione.

 b) La speranza: avere speranza che i “nostri passi ci portino dove vogliamo andare” è una delle caratteristiche di chi sente di avere uno “scopo”in ciò che sta facendo…per quanto piccolo possa essere questo “qualcosa”.

c) Il futuro: immagina di essere nel 2400 e di trovare un articolo di stampa che parla di te e di ciò che hai fatto nei primi anni del II millennio.Che cosa leggeresti?

d) Anziani e felici: immagina di avere 80 anni e distar per trascorrere una domenica. Dove sei? con chi la passi? che  cosa fai? come ti vedi? che cosa vorresti che gli altri ammirassero in te?

Questi ultimi due punti se seguiti possono aiutarti a fare una cosa molto semplice: capire ciò che davvero conta, in questo momento (anche se sono proiettati nel futuro) per te. E questo ci aiuta a fare luce sui nostri “scopi personali” e su quella chiamata (o spesso numerose chiamate) che ci vengono poste nell’arco della nostra vita. E a proposito di  “chiamate”, penso che una bella metafora possa sempre fare bene…

…una delle metafore più famose, quella del viaggio dell’eroe può aiutarci ad immaginare come la vita sia in fondo un continuo ripetersi di “chiamate”che ci guidano ad andare “oltre”. E a quanto pare dagli studi scientifici, possiamo addirittura “andare oltre la morte” 🙂

Fammi sapere che cosa ne pensi,come sempre lasciando un commento qui sotto.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Richard Wiseman: attenzione e fortuna
Lo psicologo: è davvero il dottore “dei deboli”?
la tecnica “segreta” dei Subsonica ;-)
L’illusione della conoscenza: perché “conoscerla” è importante?
15 Commenti
  • Mh… in realtà lo vorrei proprio, mi ispira tantissimo ll fatto che sia stato fatto come detto da te , con anima e cuore. D'altronde sono eccitato all'idea di acquistare qualcosa da un grandissimo esperto , se non il più grande che abbia visto, nel settore della psicologia.
    Fa niente , lo acquisto lo stesso.
    Anche lo stato di trance in & out di cui parli dettagliatamente all'interno dell'ebook, e degli spazi , detti laboratori, che sono super curioso di conoscere.
    Lo considero già mio 😀

    Ciao,
    Vincenzo

  • Ciao Vincenzo,
    Scusami ero un po' di fretta 🙂 è difficile per me rispondere alla tua domanda davvero…primo perché ho un editore e non mi sembra carino nei sui confronti e secondo perché ci ho messo anima e cure per farlo. Purtroppo però alcuni concetti sono superati, l'ho scritto fra il 2005 ed il 2006. Per cui, la risposta più veloce, anche se troppo schietta è stata…non comprarlo, ma non è la verrà perché quel libro vale 10 corsi di PNL …però la risposta giusta alla tua domanda resta…si è superato per cui se vuoi non comprarlo:)

  • Credo, purtroppo , di aver urtato qualcosa senza volerlo…
    La mia era solo una domanda di rassicurazione, in quanto non dispongo di molti soldi ( ho 16 anni) e voglio spenderli al meglio per la mia crescita personale. Avevo solo chiesto il tuo parere ATTUALE sul tuo audiobook , tutto qui. Era stata più che altro un'occasione per ricevere ancora più "adrelanina " e soddisfazione dall'acquisto. Mi scuso per ogni possibile offesa, perchè assolutamente NON VOLUTA.
    Almeno questo è quello che ho "avvertito" dalla tua risposta…

  • Ciao Vincenzo
    non comprarlo

  • Potresti rispondermi per favore?…
    Sono in attesa del responso per l'acquisto xD

  • Ciao Genna,
    è vero , avere dei sani obiettivi anche a breve termine ci aiuta a restare nel presente godendoci i piaceri che ci offre questa straordinaria dimensione…
    La meditazione è davvero un ottimo strumento per migliorare enormemente la qualità della nostra vita.
    Ecco, io starei decidendo di acquistare il tuo ebook "Rilassamento Dinamico" in cui vengono esposti molti metodi, tra cui anche l'autoipnosi, per accedere alle nostre risorse interiori più potenti, offrendo anche una meditazione un po' differente come credo di aver capito. Ritieni che sia ancora valido come audiobook viste le tue recenti ricerche e scoperte nello straordinario mondo della psicologia?
    Ti ho fatto forse una domanda un po' provocatoria, ma sono sicuro di ricevere una risposta sincera , in quanto credo di parlare con una persona che realmente pone "al secondo scalino" il business per dare la precedenza all'aiuto nella crescita personale 😀
    Ciao,
    Vincenzo

  • Ciao Genna, per rispondere alla domanda in fondo al post, mi piacerebbe leggere qualcosa su come gestire i disturbi psicosomatici

  • Ciao Gennaro. Interessantissimo articolo. Come sempre :-). Mi piacerebbe leggere un post sui valori o sui tratti delle varie personalita , magari sull' enneagramma.Ciao Grazie e a presto.

  • Ciao Anonimo
    mi eri sfuggito anche tu…sorry…
    li ho linkati nei nomi di Hill e Turiano.

  • Ciao Luciano,
    il tuo commento mi era sfuggito…sorry!

    Certamente infatti non l'ho citato a caso 😉

  • Ahhah…grazie Luca ora correggo

    Grazie anche a te Giovanni 🙂

  • Ciao Gennaro, questo è il più bel post che ho seguito finora!

  • Molto interessante, Genna. Però Afterhours si scrive con la h 🙂
    Un caro saluto, Luca.

  • Ciao Genna, articolo molto interessante e utile, che si intende per andare oltre la morte? e di quali studi scientifici parli? Ciao e continua così!

  • luciano castello
    Rispondi

    Bell'articolo Genna 🙂 mi viene in mente tutto il lavoro dello psichiatra Victor Frankl sulla "vita significativa" e sullo scopo, fonte da cui secondo me hanno preso molti autori di crescita personale negli anni successivi…

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK