Il contagio emozionale positivo volontario

Ciao,

ti piacerebbe entrare in una stanza e con il tuo umore influenzare pure quello delle persone che ti circondano? In realtà lo fai già ma forse senza rendertene conto, ognuno di noi influenza l’umore altrui (e a sua volta ne è influenzato) senza saperlo.

Nel podcast di oggi esamineremo come funziona questo “contagio emotivo”attraverso un esperimento molto interessante…

 

Sei riuscito ad ascoltarlo? incredibile quando siamo influenzati e quanto influenziamo gli  altri,vero? E qui trovi lo studio di Sigal Barsade che ti ho descritto nell’audio, da cui si può”toccare con mano” la “contagiosità” delle emozioni ma non solo. Infatti il dato più interessante (per me) è l’aumento delle performance dovuto al contagio positivo.

Sappiamo da molto tempo che il buon umore fa bene alle performance ed istintivamente ci piace avere accanto colleghi ed amici positivi. Questo però non vale per tutti, infatti quando una persona vive nel “mondo pessimista” tende a distruggere tutto ciò che è positivo bollandolo come stupido o superficiale.

Infatti nella nostra società sembra che “il forte” sia il personaggio “alla Corona” (se ti ricordi ciò ho dedicato un intero post) e gli intelligenti siano tutti dei cinici alla Dr.House. Per quanto possano sembrarti reali questi due personaggi sono entrambi di”fantasia”. Nel senso che colpiscono solo la nostra fantasia ma nella realtà…

…queste due figure avrebbero dei gravi problemia livello sociale. Il primo sarebbe il “bullo di turno” che come dice un vecchio detto napoletano”oh guappo fu ucciso da mano del fesso”. Che dicein pratica che il bullo rischia di essere vittimadi una sua stessa vittima che lui crede “fesso”…

…mentre per il Dr. House, non credo che gli darebbero mai in mano la gestione di una equipe che si occupa dicasi di emergenza o estremi. Semmai potrebbe essere un genietto da consultare ma non da avere in un team ben funzionante. A meno che non traduca quel suo cinismo in una divertente e pacata ironia.

Lo so può sembrarti assurdo ma è così, alle persone piace stare assieme a chi dimostra emozioni positive e, senza imporle agli altri, riesce in un qualche modo a contagiare chi gli sta attorno. E come abbiamo visto nello studio non ci vuole poi molto per farlo, lo si può fare “anche per finta”…

…anche se secondo le leggi della circolarità psicologica (Il “come se”) chi finge di essere allegro finisce per esserlo realmente. O meglio aumenta drasticamente la probabilità di percepire emozioni positive.

Bene, dopo questo cappello introduttivo vediamo insieme come allenarci nel contagiare positivamente le persone che ci stanno attorno:

1) Densensibilizzati: allenandoti a sorridere anche davanti a perone sconosciute, da quelle che incroci per strada a quelle che trovi nei luoghi che frequenti. Fallo per il semplice gusto di allenarti.

 2) Nota i feedback: se sorridere agli sconosciuti non ti da alcun problema allora puoi passare direttamente a questa seconda fase, dove sorridi ed osservi anche se le altre persone “ricambiano il sorriso”. Per farlo hai bisogno di un pizzico di “faccia tosta”.

3) Il contagio: una volta “imparato a sorridere e a notare chi ci risponde” osserviamo anche come questo nostro sorriso è in grado di contagiare gli altri. Poni attenzione a “quanto riesci a contagiare positivamente le persone che ti circondano”.

4) Chi sta sorridendo?: Nota chi già sta sorridendo anche se non necessariamente a te. Come abbiamo visto nel podcast dedicato alla CBM questo è un ottimo esercizio per migliorare il nostro modo di percepire il prossimo.

5) Espandi la cultura del sorriso: se lavoro in gruppo o hai un’azienda fai ascoltare questo podcast hai tuoi colleghi/dipendenti oppure raccontagli lo studio da cui ho tratto questo audio. Questo non gioverà solo al”vostro umore” ma anche alle vostre prestazioni.

Se mi hai seguito fino a qui ti sarai accorto, ancora una volta, che il post è meglio organizzato del podcast. Me a culpa…tutto dipende dal fatto che prima”scrivo il copy dell’audio” e dopo scrivo il post. Per cui se sei atterrato su questo blog attraverso il podcast sappi che le cose funzionano così.

Come forse avrai notato si tratta di qualcosa di molto simile al podcast dedicato all’intelligenza emotiva relazionale.

Ma mentre li si puntava su come “gestiamo le emozioni attraverso gli altri”qui abbiamo visto come contagiare le persone con le nostre emozioni e come gli altri contagiano noi stessi. Anche questo potrebbe rientrare nella”intelligenza emotiva”…

…essere in grado di osservare come gli altri e noi stessi siamo in grado di influenzare positivamente l’umore altrui. E perché no, anche negativamente,con lo scopo di evitarlo e comprendere sempre meglio.

Fammi sapere che cosa ne pensi, lascia un commento qui sotto e se ti è piaciuto il post clicca su mi piace ed aiutami a far conoscere psinel 🙂

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Inconscio: Allena la tua Mente Inconscia
Gestire lo Stress: Perchè i Rimedi Farmaceutici Non Funzionano
Psicologia: “superare l’ansia da esame”
Trovare l’equilibrio interiore è una leggenda?
10 Commenti
  • Beh! Non e' cosi' facile.
    Io ci provo ogni giorno, ma non riesco a trasmettere questo "sorriso".
    Dev'esserci un trucco che ancora non ho imparato?

  • (V)47730 grazie mille per la correzione 🙂

    ahahah…si direi che per qualche maschietto potrebbe essere più facile 😉

  • Che bell'articolo!
    Assolutamente penso che ci sia tutto l'interesse ad aumentare la propria intelligenza emotiva e incassare i premi che ne derivano!

    Ah!…a proposito di risate…
    …nel punto uno
    "1) Densisibilizzati" c'è un meraviglioso errore ortografico…

    già…perché penso che al pubblico maschile riuscirà molto facile sorridere davanti "perone sconosciute"…specialmente dalla quarta in su :))

    Grazie ancora per questo bel blog…
    Ciao!

  • Grande Andrea,
    stai in-volontariamente influenzando in positivo l'istruzione di migliaia di studenti 😉

  • Ciao Genna! 🙂
    Sorridere… sai che è una bella sfida che sto portando avanti da un po'? Soprattutto all'università,, dove, pur non vedendo, mi sembra che le "facce da poker" siano in maggioranza… Il mio obiettivo è un po' quello di "condizionare" chiunque incrocio, soprattutto a prenderee la vita un po' più con filosofia…
    Grazie,
    Andrea

  • Wow grande citazione…
    grazie a te Giusy 🙂

  • La vita è come uno specchio: ti sorride se la guardi sorridendo…jim morrison…

    neuroni specchio….

    emozioni specchio…..

    centrato genna!
    grande

    Giusy

  • Ciao Daniele,
    come dire… mi hai tolto le parole di bocca :))

    Hi John,
    It 'sa real pleasure to have an international user on this blog. I did't know the difference between Italian and Belgian …anyway "smile and the world smiles you"…
    I completely agree 🙂

    Thank U
    Genna

  • An interesting article. You touched on one of the reasons why I love Italy and dislike Belgium, well Flanders anyway. In Italy lots of people look me in the eye and smile and I respond and it stimulates others to smile and me to smile more and talk to strangers. It´s great for my Italian too! Here, all too often, people don´t look at others, struggle to smile and often ignore people who talk to them.

    This self reinforcing positivity or negativity affects countries, regions, cities, villages, work places, families and relationships. Smile and the world smiles with you!

    John

  • Bellissimo articolo Genna!! Adoro questi argomenti 🙂

    Sono perfettamente d'accordo su quello che è il sorriso come ti fa porre verso le persone e il prossimo. In passato mi era capitato alcune situazioni di sorriso verso persone che non conoscevo ed in alcune vedevo che la cosa modificava l'umore facendo allargare loro un bel sorriso.

    Penso sia una questione anche di ricettività e di consapevolezza… cioè se quella persona è persa nei suoi pensieri, mi sa che si accorgerebbe a fatica di qualunque cosa, non solo di un sorriso e da lì il consiglio successivo sarebbe di farlo meditare un po' 😀

    Sicuramente proverò questo esercizio!

    Grazie mille e buona settimana 😉

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK