Helen Fisher: si può amare la stessa persona per 25 anni?…Antropologia dell’amore

Ciao,

ti sei mai chiesto se sia possibile amare una persona dopo 25 anni? oggi sembrerebbe una cosa a dir poco impossibile. Sappiamo molte cose sulle relazioni di coppia e molto di ciò che sappiamo lo vediamo dai nostri occhi, milioni di matrimoni che falliscono e coppie che si sciolgono di continuo.

Al contrario tutti conosciamo coppie che dicono di amarsi da un mucchio di anni, è possibile? la antropologa Helen Fischer ci risponde e ci mostra “la formula dell’amore romantico”.

Sei riuscito a vederlo? ci sono anche i sottotitoli initaliano. L’antropologa Helen Fisher è molto nota in Italia perché ha pubblicato diversi libri tutti sul tema dell’amore, ma non solo è una ricercatrice di fama mondiale e in questa pagina trovi tutti i suoi lavori. In questo bel video del Ted ci mostra alcune delle scoperte più interessanti sull’ “amore”, tema che attraversa tutta la storia del genere umano…

…la Fisher inizia il suo video parlandoci di come in 170 società analizzate nel corso degli anni in ognuna è stata trovata traccia di “amore romantico”e quanto questo sia spesso stato sia fonte di gioie infinite e sia di sofferenze inaudite. Come dice la ricercatrice: “dopo aver chiesto a moltissimi se avessero mai lasciato una persona innamorata di loro o se fossero mai stati lasciati da una persona di cui erano innamorati…

…il 95% ha risposto positivamente…in altre parole non si esce vivi dall’amore”. Questa ricerca fatta sugli universitari ci mostra che raramente non si soffre per amore durante una vita comune. E ne decanta il ritrovamento di tracce di “amore” così detto “romantico” in templi antichissimi. Un po’come dire, questa emozione esiste da sempre ma…

…da sempre è stata sottovalutata. Infatti solo oggi mettendo delle persone dentro una MRIf risonanza magnetica funzionale, riusciamo a vedere quali sono le parti del cervello coinvolte nell’amore. In modo particolare Fisher e collaboratori hanno messo “sotto lo scanner” persone che si erano appena lasciate per capire cosa si attivasse…

…ed ha notato che la “delusione d’amore” si“iscrive” in una parte antica del cervello posta alla base. “Al di sotto della coscienza (sotto la neocorteccia) al di sotto delle emozioni (sotto il sistema limbico) vicino al cervello così detto rettiliano”. Ora non voglio annoiarti con le aree in questione, anche perché conoscerne il nome non ti cambia un gran che giusto? 😉

Ti basta solo sapere che l’amore romantico ha effetto sulla zona della tua mente che è deputata alla motivazione, alla concentrazione ed il desiderio. E’ la stessa zona implicata nelle dipendenze, che spinge un drogato a fare di tutto per avere la sua dose. Ed effettivamente se ci pensi quando seiinnamorato di qualcuno che cosa succede?

Proprio come il drogato se quella persona non ci vuole, ci rifiuta, inneschiamo processi di ricerca molto intesi che possono anche sfociare in cose non proprio belle. Infatti se rifiuti di dare la dosead un dipendente cosa fa? perde la testa? è inteoria disposto a fare di tutto. Lo stesso succede quando sei follemente innamorato e vieni in un qualche modo rifiutato.

La professoressa ci racconta quanto questo possa essere implicato nelle reazioni estreme che ognigiorno ascoltiamo dai telegiornali! 

Uomini e donne che fanno gesti estremi per motivi legati all’amore romantico. Gesti talmente famosi che rieccheggianonelle mitologie di tutti i popoli. Secondo la Fisher l’amore romantico è una delle emozioni o stati mentali più potenti nella vita dell’uomo…

…uno stato che per secoli è stato sottovalutato mai cui effetti sono rintracciabili in tutta la storia della evoluzione umana. La Fisher vede l’amore come una forma di “dipendenza perfetta” dove se le cose vanno bene si sta in “paradiso” mentre se vanno male si va “direttamente all’inferno”. Lei vede l’amore come un driver che focalizza le nostre energie verso l’accoppiamento.

Una focalizzazione che attivando quelle zone antiche mette in moto una tale forza, volontà e concentrazione che possono portare o a fare gesti meravigliosi o addirittura assurdi ed insensati. Per questo motivo la professoressa dice di studiare questo sentimento, il fatto di conoscerne la forza ed i meccanismi forse ci porterà verso una più adeguata educazione“sentimentale”.

Infine il dato più curioso è stato quello di sottoporre coppie che dichiaravano di amarsi da oltre 25 anni alla risonanza magnetica. Ebbene, pare che questi soggetti (seppur pochetti, 5) abbiano mostrato di possedere ancora una forte attivazione di quelle aree legate all’amore romantico. In altre parole,sembra che neurofisiologicamente si possa dire che l’amore è in grado di durare anche per anni ed anni

…ed è una notizia confortante in un periodo storico dove i valori veicolati dalle tradizioni non hanno più così tanta forza. In un periodo dove le coppie scoppiano alla velocità della luce…sapere che chi invece ci dice “sono ancora innamorato come il primo giorno” non ci sta mentendo…bhe direi che si tratta di uno dei dati scientifici più belli con cui iniziare il nostro 2014 😉

Fammi sapere che cosa ne pensi lasciando un commento qui sotto. Se non l’hai ancora fatto ti consiglio di guardare tutto il video e se ti è piaciuto il post clicca su mi piace 🙂

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Le relazioni pericolose? Come “crescere attraverso le relazioni”
15 Consigli Per Migliorare Il Rapporto Di Coppia
Profezia che si auto-avvera e l’attrazione
I 4 miti dell’amore
2 Commenti
  • Ciao Fabrizio…
    non lo so…anche perchè non ho una risonaza magnetica a casa 😉

  • Questo articolo è molto interessante. Questa è infatti una domanda che mi sono posto molte volte: quanto si può davvero rimanere innamorati di una persona?

    Mi chiedo a quante coppie è stata sottoposta la risonanza magnetica e quali sono stati nello specifico i risultati oltre alle 5 persone che hanno evidenziato una forte attivazione amorosa dopo più di 25 anni.

    Grazie dell'articolo.
    Fabrizio

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK