Apprendimento: Un’ Abitudine sana per la tua crescita psicologica

Ciao, ti piacerebbe scoprire il vero potenziale della tua mente? Recenti studi dimostrano che la chiave per aprire il nostro cervello in nuove direzioni è l’apprendimento, nulla di più scontato e banale. Nella ANL di oggi ti mostrerò perché fa così bene imparare nuove cose e come motivarti a farlo. Dopo aver visto la teoria delle 10.000 ore e la sua controparte, quella delle prime 20 ore, oggi scoprirai come un simpatico ottantenne può migliorarsi seguendo un corso di fotografia 🙂

 

 

 

Sei riuscito ad ascoltarlo? “Nulla di nuovo sotto il cielo se non il dimenticato” e tuttavia spesso dobbiamo avere le prove che alcune nostre intuizioni sono reali. Fra queste c’è la comune consapevolezza che apprendere nuove cose possa farci bene.

E la domanda che spunta fuori subito dopo è: “in che modo fa bene e soprattutto è davvero possibile apprendere a tutte le età? tutti possiamo farlo?”.  La ANL di oggi mette insieme numerosi studi che puntano tutti nella stessa direzione: tenere la mente allenata apprendendo cose nuove, sembra essere il metodo più sicuro per sviluppare il nostro essere.

Qualche tempo fa ti ho mostrato come alcuni tipi di competenze siano addirittura in grado di permanere dopo i più devastanti disagi senili come l’Alzheimer.   Questo nel campo della riabilitazione cognitiva è noto da tempo: si possono utilizzare competenze parallele che fungono un po’ da compensatori dei “problemi”.

Se ci pensi è ciò che facciamo sempre, lascia che mi spieghi meglio… se sai di essere molto eloquente, cioè sai comunicare con destrezza e tranquillità i tuoi pensieri, durante un esame, tenderai a puntare molto su questa tua abilità in caso non conoscessi bene “il contenuto”.

Queste abilità che ho chiamato di “compensazione” possono anche avere effetti di transfert, cioè di trasferimento di una determinata abilità fra un dominio ed un altro. Se ad esempio sai suonare uno strumento probabilmente ti verrà più facile imparare a ballare, perché sai già tenere il tempo, entrare nel flusso della musica ecc.

 

 

Quindi questi “stimoli possono avere tre effetti”:

1) Effetto transfert: come ti raccontavo in questo articolo, cercare di comprendere come i nostri apprendimenti influiscano su altri, non è facile. Tuttavia è la nostra stessa esperienza a dirci che in un qualche modo ogni cosa che apprendi può avere un effetto stimolante su ogni altro apprendimento.

2) Espansione delle mappe: ogni volta che impari qualcosa di nuovo espandi le tue mappe del mondo. Ad esempio ci sono studi che ci mostrano che il semplice fatto di imparare un’altra lingua ci rende più abili anche nella nostra lingua madre. Avere una mappa più dettagliata ci permette di percorrere nuove strade con maggiore facilità.

3) Effetto fiducia: non c’è nulla di più edificante per la nostra mente del rendersi conto di essere in grado di fare bene qualcosa. Noi psicologi la chiamiamo auto-efficacia percepita ed è una delle variabili alla base di quella che tutti chiamiamo auto-stima. Ripetute esperienze di apprendimento aumentano la nostra fiducia nel poter apprendere altre cose successivamente.   L’effetto che può avere l’apprendere una nuova abilità è paragonabile ad una esperienza di cambiamento a volte anche profonda.

Cambiamento nella percezione del mondo che ci circonda, così gli anziani dello esperimento di Denise C. Park (qui trovi la ricerca), imparando a fare fotografie hanno via via acquisito un nuovo modo di vedere il mondo ed il vecchio modo di vedere le cose non sarà più lo stesso…

…non mi credi? Prova a pensare a qualcosa che hai appreso ultimamente, qualsiasi cosa. Riesci a ricordare come facevi prima di essere in grado  di farlo? Ad esempio ricordi quanto eri impacciato alla guida le prime volte? Difficilmente ci si ricorda di non essere stati capaci a meno di non aver avuto delle esperienze ad alto contenuto emotivo connesse a quel tipo di apprendimento…

…altrimenti difficilmente ricordiamo come era percepito quel dominio di competenza prima di riuscire a padroneggiarlo. Questa semplice nozione di psicologia ci mostra quanto possa cambiare la nostra prospettiva. Anche con un piccolissimo apprendimento. E questo tipo di acquisizioni che potremmo collocare in quella memoria implicita così legata al modello ericksoniano dell’inconscio

…in quel magazzino da cui poter attingere alle nostre risorse personali. Ed ecco che la ANL di oggi ha proprio questo scopo, quello di mettere nuove “Cose in quel magazzino, nuovi strumenti” che ci permettano direttamente o indirettamente di aumentare il ventaglio delle nostre possibilità mentali o come si direbbe in PNL allargare ed espandere le nostre mappe.

Quindi, come ti dicevo nell’audio sarebbe carino scrivere i nostri “propositi di nuovi apprendimenti”, personalmente cercherò di imparare a suonare l’Ukulele per poter fare una nuova sigla di PsiNeL.

E tu? Che cosa ti piacerebbe saper fare nel prossimo anno? Pensaci e se vuoi partecipare in questo spazio che mi piace immaginare come un “laboratorio  virtuale di crescita personale” lascia un commento qui sotto e facci sapere quali sono le cose che ti piacerebbe imparare, qualsiasi esse siano.

Poi procurati il materiale adatto per farlo e quando posterò i miei risultati con l’Ukulele ti chiederò di raccontarmi come sta procedendo. In modo da poter avere diverse testimonianze di quanto faccia bene apprendere cose nuove… sentiti libero di divulgare questo post cliccando su mi piace!

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Richard Bandler: “come superare brillantemente gli esami”
10 Vantaggi psicologici nell’apprendere una seconda lingua
Mnemotecniche: “Gianni Golfera la smentita”
Kaizen Mentale: “Come affinare le tue abilità psicologiche con l’esercizio intelligente”
8 Commenti
  • Anna Carmela lippolis
    Rispondi

    Ciao genna, dove è possibile rimanere in contatto con te per domande e chiarimenti? Grazie, non posso più fare a meno dei tuoi audio.

  • Ciao Genna, ti ho scoperto da poco e sono letteralmente folgorata dai tuoi audio. Una droga, non ne posso più fare a meno. Sto partendo da quelli più in basso. È giusto? Dove è possibile rimanere in contatto con te per domande e chiarimenti?

    • Grazie Carmela,
      allora la cosa migliore da fare per seguire il mio lavoro è farlo “a ritroso”, partendo dagli ultimi contenuti e andando indietro.
      Via via che si ascolta si scoprono collegamenti ad altre fonti ed ognuno disegna così un proprio percorso.

      Per restare in contatto con me, seguimi sui social. Come puoi immaginare non riesco a rispondere sempre e a tutti, ma appena ho un po’ di tempo rispondo.

  • Grazie ragazzi per i vostri preziosi contributi 🙂

  • Ciao Genna! Questa settimana arrivo un po' in ritardo con l'ascolto dell'ANL. Per il 2014 i miei buoni propositi di apprendimento son di carattere abbastanza scolastico. Vorrei imparare l'analisi del periodo perché a 25 anni trovo inaccettabile che nessuno me l'abbia insegnata a scuola! Vorrei riprendere in mano un po'di matematica perché per me sarebbe una sfida. Vorrei imparare lo spagnolo perché gioco ad un gioco di ruolo online che mi porta a confrontarmi con persone di diverse nazionalità e con gli spagnoli devo sempre ricorrere ai traduttori online… Grazie per il tuo blog è un'ottima risorsa!

  • Ciao Genna volvevo solo lasciare una testimonianza…All'età di 10 anni ho cominciato a suonare uno strumento,inserendomi così nella banda del paese. Dopo 10 anni di intensa partecipazione e di amore infinito per la musica, ho dovuto interrompere,studio,università non mi consentivano dei stare nello stesso paese e cpntinuare così lo studio e l'apprendimento della musica. Adesso dop altri 8 anni in cui avevo sempre sognato,desiderato e voluto riprendere a suonare ci sono riuscita. Continuo il mio percorso di crescita personale e di superamento di ansie e paure ,ma ho capito che ricominciare ad apprendere e a suonare mi aiuta a sciogliere alcune di queste paure e a tornare in contatto con una essenza di me che avevo lasciato da parte e che forse era triste per questo. Credo che l'approccio allo studio in genere sia una cosa da non sottovalutare.Adesso sonon un ingegnere e nella pmia prpfessione non si può non studiare sempre e aìti assicuro che quelle formulette di matematica che feci i primi anni di università le ricordo ancora ma oltre quelle nella mia mente c'è ancora molto di più! grazie come sempre per il tuo lavoro ….Buona giornata.Giusy

  • Ahahah Grazie Luca,
    no sono influenzato dal libro "the first 20 hours";)

  • questo articolo mi e' piaciuto molto. Mentre lo leggevo mi sono ricordato il "Messaggio di fondo" di Erik Erickson : "c'e' sempre speranza (di migliorare)" lui lo affermava per i suoi stadi di sviluppo….vabbeh comunque complimenti ancora 🙂
    ps: l'ukulele?….anche tu contagiato da xfactor? 😉

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK