PNL: La scienza studia “il dialogo interiore”

Ciao,

sai di avere un “dialogo interno o interiore”?

Quando faccio questa domanda dal vivo resto sempre qualche secondo in silenzio, per fare in modo che i corsisti ascoltino il loro dialogo interiore.

È un trucco che ho preso da Richard Bandler, infatti la PNL è il metodo che più si è concentrato in questi anni sul nostro modo di “parlarci dentro”. Non è di certo l’unica metodica ma è sicuramente quella più pratica.

 

La PNL da ormai 40 anni afferma la possibilità di modulare il dialogo interno al fine di generare stati potenzianti. O al fine di eliminare “le voci che ci danno fastidio”.

Gli esperti di PNL chiamano queste manovre: “modificazione” delle sottomodalità del canale rappresentazionale uditivo. In pratica se vai da un piennellista e gli dici di “sentire il tuo dialogo interiore” lui ti dirà:

Dove lo sentì? Di chi è quella voce? È alta o bassa?” ecc. tutte queste domande che per anni agli psicologi accademici sono sembrate “domande da strapazzo”oggi sembrano essere avvalorate dalla ricerca.

In un recente studio Russe Hurlbert e colleghi, che in realtà studiano il fenomeno da anni, hanno ideato un semplice espediente per studiare il “dialogo interiore”.

Una sorta di auto questionario da compilare ogni volta che un apparecchio che gli veniva dato in dotazione faceva “beep”!

A quel punto i partecipanti dovevano fermarsi e rispondere ad alcune domande sul loro “parlottarsi dentro”. Un po’come nello studio sulla dayspdreaming e la felicità fatto con gli smartphone.

Per farla breve i report di questo studio avvalorano le sottomodalità della PNL cosa che avevamo già osservato qui.

La maggior parte delle persone vive questo dialogo come una “voce esterna”, alcuni la localizzano in specifici punti della testa e del corpo.

Insomma proprio ciò che la PNL da anni ci dice su come”funziona questo dialogo interiore“. Lo studio non ci parla della sua modifica ma comunque ci mostra questi dati interessanti.

Altro aspetto illuminante è stato il constatare che questo dialogo è praticamente assente quando siamo concentrati sui nostri sensi. Cioè se stai guardando un film o in quadro che ti cattura o se stai pensando al tuo piede destro.

Insomma ciò che sappiamo da secoli sulla meditazione risulta essere “vero” anche in questi studi.

E ancor una volta sembra che metodiche come la PNL avessero intuito questo aspetto.

Infatti è nota la grande attenzione per quelli che vengono chiamati “sistemi rappresentazionali” non solo per il loro “ricalco” durante la comunicazione ma anche per il loro effetto uptime come direbbe Dilts o Ready State come direbbe Roye Fraser.

 

Oggi su psinel la chiamiamo semplicemente presenza!

 

In questi esercizi che servono per entrare in uno stato presente si passa necessariamente per un’attenzione focalizzata sui sensi.

Sono cose che compaiono in quasi ogni metodologia di crescita personale della storia dalla notte dei tempi fino a noi dallo Yoga alla meditazione, alle pratiche psico-corporee e dello scorso secolo.

Insomma a quanto pare abbiamo costanti conferme di come si crei la nostra realtà interiore attraverso il dialogo e di quanto questo non sia realmente il nostro pensiero come credono in molti, ma si tratta di un “calcolatore interno” un computer che ci da delle indicazioni.

Il problema sorge quando iniziamo a confondere la mappa con il territorio, cioè quando iniziamo a credere che ogni dato presentato da quel tipo di pensiero sia reale e non una rappresentazione della realtà.

Come vedi la classica frase “themap is not the land” non è una semplice affermazione teorica ma nasconde, come ogni buona teoria, molto di pratico.

Concludendo: la ricerca sta provando come molte intuizioni legate alla esperienza dei primi studi sulla PNL siano attendibili. Fra queste una della più quotate è la manipolazione del dialogo interno.

Una metodica che viene usata con successo nello sport e in altre discipline. Nel post deliro di questo venerdì ti mostrerò cosa ne penso di questo sistema e perché lo paragono ad un GPS

…una potente metafora che mi ha dato molte soddisfazioni nel mio studio e che desidero condividere con te. Fammi sapere se ti è piaciuto Il post lasciando un tuo commento qui sotto.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Linguaggio e Ipnosi: creare realtà ipnotiche con il linguaggio
PNL: canali rappresentazionali e ricerca…
Superare le piccole paure con l’immaginazione
PNL: “I movimenti oculari e la ricerca”
2 Commenti

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK