Crescita Personale: Sfruttiamo davvero il nostro potenziale?

Ciao,

se non credessi nel fatto che possiamo apprendere come utilizzare meglio il nostro “cervello” credo che non avrei mai intrapreso l’idea di aprire PsiNeL. Qualche tempo fa ti ho parlato della leggenda secondo cui utilizziamo solo il 10% del nostrocervello…si una leggenda perché in realtà da quanto possiamo vedere oggi non è così, però credo che questo porti su una “brutta strada”…

…cioè il credere che ciò che siamo in grado di farecon la nostra mente “sia tutto qua”! E invece glistudi ci mostrano ogni giorno di più che abbiamouna enorme quantità di risorse interiori che cipossono far vivere meglio. Quindi anche se è neurofisiologica mente provato che non usiamo solo il 10% del cervello questo non significa che usiamo al meglio la nostra mente…

…anzi sono tanti gli studi che dimostrano che la maggior parte della gente usa male il cervello. Nel senso che lo utilizza in modo squilibrato,magari dando troppa importanza alle coselegate al lavoro e poca importanza ai sentimenti o viceversa. La maggior parte di questi “cattivi”usi della mente non sono dovuti alla nostra”apparecchiatura di base o di default“…

…ma sono dovuti ai nostri apprendimenti culturaliin genere. Se ci pensi esistono popolazioni chedurante le pause fanno thai chi ed altre chegiocano alla playstation. Nulla da recriminareai videogame, che in molti casi possono essereistituivi ma ciò che intendo e di stare attento aciò che ci fai con il tuo cervello…

…lo so che guardare il grande fratello può essereuna sorta di “svuota mente serale” ma ne seiproprio sicuro? Perché in realtà anche un tipo di programma televisivo o un tipo di film veicolano delle credenze e dei valori che poi facciamo nostri, e questo chi fa TV lo sa benissimo. Eccoperché si guadagna così tanto a fare televisioneperché si è in grado di manipolare le nostreopinioni, ti sembra follia? Cospira azioniamo?

Invece ti basta pensare a semplici leggi psicologicheper renderti conto che è esattamente così. Ci sonomigliaia di pagine scritte dai sociologi, filosofi ePsicologi di tutti i tempi che ci spiegano questo.Il “comandante della nostra nave” prende il nomedi “attenzione”, questa è un vero e proprio potereche hai a tua disposizione, un “potere purtroppolimitato”…

…infatti non possediamo una enorme capacità diattenzione. E quasi tutti oggi sanno di trovarsi nellaera dell’attenzione. Dove siamo continuamente costretti a far saltellare l’attenzione da una parteall’altra…da questo sito ad un altro, da quel programma ad un altro. Quindi per migliorarel’attenzione basterebbe allenarla? Si esatto, attenzione, calcolo, gestione emotiva ecc…

…sono tutte competenze che si possono migliorarecon l’esercizio. Lo so che da anni ti dicono che senon sei portato per una cosa è inutile cimentarti masono tutte cavolate. Come ti raccontavo nel post dedicato alle famose 10000 ore, è chiaro che esista una predisposizione innata, un talento, ma questo non pare superare l’impegno di chi si esercita…

…così vorrei mostrati un video della professoressaDaniela Lucangeli che trovi qui sotto:

Lo hai visto? Senza descriverti il contenuto una cosa è molto chiara da questo video: se da sempre pensi di essere una schiappa in matematica sappi che con molta probabilità è colpa del sistema educativo e non di un tuo limite mentale. Cosa c’è di più innato deltalento matematico? Sembra nulla, così come c’é chi sa dipingere meravigliosamente in giovane etàc’è chi mostra immediatamente capacità di calcolo superiori a tutti gli altri bambini.

Gli studi che ci mostra la prof ci dicono in parolemolto povere che se un bambino venisse in unqualche modo “allenato” nei suoi primi 5 anni divita a migliorare le proprie competenze di calcoloe se si proseguisse allenandolo a fare calcoli amente con le giuste strategie, diventerebbe dicerto fra i più bravi della sua classe a”manipolare i numeri”.

Questo accade perché la matematica, così comeil linguaggio, è già dentro di te. Tu devi solo farein modo che fiorisca allenandola, e penso che questo semplice esempio sia esplicativo di quel poteredella mente inutilizzato di cui si parla molto. Lacosa che più mi affascina e vedere che sonoproprio gli studi sulla mente a rivelarlo…

…cioè non si tratta di un santone che di notte haavuto una illuminazione sui bambini e sul fatto chesono “calcolatori innati” ma è grazie agli studi sucome funziona la nostra mente che scopriamo ognigiorno una modalità di utilizzo migliore di quellameraviglia tecnologica che sta fra le tue orecchiee che se non la utilizzi e nutri a dovere non”Funziona al 100%”.

Credo che la psicologia e tutte la ricerca legata allanostra crescita personale, ormai libera da dogmi ditipo religioso (anche se ma ha ancora molti di tipointellettuale) oggi possano realmente farci sfruttaresempre meglio le potenzialità della nostra mente.Questo non significa “piegare cucchiai con ilpensiero” ma di certo può significare un nuovomodo di vedere le potenzialità umane…

…che Sembrano dipendere sempre meno dalla genicae sempre più dal corretto apprendimento. E tutti igiorni, mentre faccio il mio lavoro mi piace pensare:”fortunatamente la genetica non conta così tanto“:)Infatti mentre difficilmente potremmo agire sullagenetica (senza fare danni) più facilmente già daoggi si potrebbe migliorare il genere umanocospargendolo di “conoscenza psicologicascientifica”:)

Tutto questo non vale solo per i bambini chedevono imparare la matematica, perché se pensidi essere una schiappa nel calcolo a mente e haipiù di 30 anni, al contrario di quanto tu possapensare, ti basta davvero poco esercizio perdiventare bravo nel calcolo a mente. Pensoche questo valga per ogni dominio dicompetenza..

…dalla matematica alla musica, dalla comunicazionealla gestione delle emozioni. A qualsiasi età puoi farriallenare quelle potenzialità che pensavi di nonpossedere, ti servono solo due ingredienti: esseremotivato (e credere che sia possibile) ed avere glistrumenti adatti per farlo. Fino a soli 50 anni fac’erano molte persone che forse intuivano dipoter sviluppare al massimo il propriopotenziale…

…quindi sicuramente c’è sempre stato un folto gruppodi persone motivate, ma la cosa che mancava eraavere gli strumenti. Oggi, sia attraverso la ricerca incostante fermento e sia attraverso il mezzo digitaleè possibile venire a conoscenza di una miriade distrumenti utili per sviluppare il proprio potenziale.E spero che PsiNeL diventi un laboratorio virtualein cui poter trovare spunti sempre migliori persviluppare il proprio potenziale 🙂

Nella ANL di lunedì approfondiremo questo temache mi piace tanto…nel frattempo fammi sapere sepiace anche a te cliccando qui sotto e/o lasciandoun tuo commento.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Apprendimento efficace: dalle mnemotecniche alla lettura veloce… fino ai metodi di insegnamento
“Apprendere per il gusto di farlo”
Il ruolo dell’ Arte nella Crescita Personale
“La Visualizzazione funziona?”
2 Commenti
  • Ciao Marcone,
    Ora ho capito, intendi il ripassone inconscio finale? Se è lui devi farlo una volta affrontato tutti gli esercizi. Per cui, si v fatto a fine percorso…

  • Ciao Genna, scusa se non c'entra con il post… ma mi hai chiarito tutte le domande che avevo fatto su 100 % inner game, tranne una:

    nel potenziamento c'è questa meditazione, che però non ho capito se fare ogni volta che faccio potenziamento (quindi una volta al mese, dopo aver terminato un certo audiotraining) o quando ho terminato tutto il percorso 100 inner game. Se non ti ricordi, in questa meditazione parli "di una sorta di ripasso dell'inconscio"…

    perdonami le continue domande, ma sono sicuro che capirai che c'è dietro un gran impegno e costanza, quindi vorrei anche farlo bene come si deve 🙂 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK