Formazione Online: Il potere del Web nella Crescita Personale

Ciao,

da quando ho aperto PsiNeL (questo blog) continuoad osannare il “mezzo mediatico web” perché sonopiù che convinto, che come ogni altro “mezzo potente”sia in grado di migliorare il nostro mondo e nellospecifico di migliorare anche la formazione di stampo psicologico (come la maggior parte dellaformazione). Così, mentre qualche anno fa l’expresidente degli psicologi ci mostrava che laconsulenza online può essere valida oggi siassiste sempre più a questo fenomeno.

Così oggi un’azienda che non sia online non esistesarebbe un po’ come una azienda degli anni 90 chenon utilizzasse il fax o il cellulare. Insomma è ilsolito “aggiornamento professionale” che imponela sua presenza. Dapprima con piccole avvisaglieper poi diventare “un must” e chi, come me, haavuto la fortuna di captare queste avvisaglie si ėpremunito e formato adeguatamente per farvifronte. Se solo penso che 5 anni fa parlando conun collega…

…del fatto che di tanto in tanto avevo qualche clientesu Skype, mi guardava come se fossi un assassino ecriminale, oggi si sarà dovuto ricredere. E lo stessovale per la formazione, è chiaro che ogni tipologiadi formazione possa essere veicolata dal web, dopotutto se ci pensi la maggior parte delle informazionisi possono mettere “nero su bianco” oppure inaudio o video. Ed internet ci consente di poterneusufruire in qualsiasi momento…

…ad esempio, scrivo questo post delirio dal mio studioa Mantova, un mio amico mi ha appena inviato gli audioripresi da alcuni bellissimo corsi dal vivo, ho due ore diauto da affrontare e non vedo l’ora di trascorrere unpo di tempo ascoltando qualcosa d’interessante. Lo solo so che questo va contro “l’essere presenti” oppureconto i pericoli del multatasking, ma dopotutto chedifferenza c’è se invece di ascoltarmi un bravoformatore mi sento la radio? Credo nessuna alivello di attenzione.

Così posso unire l’utile (il viaggio) al dilettevole chenella mia professione diventa utile:) ma una delledomande che spesso mi viene rivolta è: “ok Gennatu sei convinto  che il web cambierà il mondo dellaformazione, ma questa formazione pota dare deiveri risultati?“. Uno dei crucci più sentiti nel mondodella formazione è l’estrema difficoltà a valutarlain modo oggettivo. Cioè come si fa a sapere sequel tal corso a dato davvero dei risultati?

Così con il web la cosa sembra ancora più fumosavisto che non puoi guardare negli occhi i tuoi corsisti.Eppure, come ti ho detto tante volte, questo tipodi svantaggio viene ampiamente ripagato da altripiccoli vantaggi, come la non località dell’ascolto(come nel mio caso) o come la mancanza di ansiada prestazione, spesso presente quando di deveapprendere un’abilità specifica, come suonarela chitarra.

Nuovamente qualcuno potrebbe obiettare che se unonon impara a gestire quel tipo  di ansia difficilmenteriuscirà a spendere quelle competenze in un mondoreale. E credo che in parte sia vero, tuttavia, semprerestando nel reame della normalità e non della”psicopatologia” la mia esperienza è che averela formazione in tasca e a portata di mano sia unavera e propria benedizione e a quanto pare cisono prove ancora più incoraggianti.

Infatti esistono studi che dimostrano che si possaaddirittura fare un intero corso di minndfulness  viainternet. Quindi un vero percorso che vieneerogato attraverso una piattaforma online e chepare avere dei risultati molto simili. Questo èsconvolgete per chi come me si occupa di questefaccende da tempo, infatti a differenza di tantialtri corsi quelli dedicati alla meditazione sonomolto difficili…perché?

Perché è difficile motivare le persone a fare la cosapiù importante, gli esercizi a casa. Invece da questostudio (e da altri che per ora tengo per me;)) è piùche chiaro che, attraverso un buon tutoring (sehai una persona competente che ti segue) puoitranquillamente avere risultati stupefacenti…malo so che se mi hai letto fino a qui tu queste coseprobabilmente le hai già sperimentate…

…magari sei in mio cliente oppure di qualche miocollega che offre percorsi online e sai già quantopossano essere validi. Anche il solo prendereun esercizio da PsiNeL, ripeterlo e magari(senza esagerare) farmi qualche domandapuoi raggiungere dei risultati che un temponon si potevano neanche immaginare senon attraverso una interazione dal vivo.

Quindi che dire…evviva il web, che considerocome il mezzo di comunicazione più potentemai inventato. Ovviamente come ogni mezzosi può utilizzare “bene o male” ma gli studici indicano sempre più che, per chi come me ete è interessato alla psiche, internet è statoormai validato come mezzo attraverso ilquale si può veicolare ogni forma diformazione ed anche di terapia.

È chiaro che questo non possa sostituire lainterazione faccia a faccia, ma sapere chesi possano tenere “classi di minfulness” chedanno risultati tangibili, nel senso che puoiesplorare positivamente te stesso ottenendodei risultati reali attraverso il web… È più cheincoraggiante per PsiNeL che da sempre hacreduto in questo modello.

Così il web ci permette di fare due cose moltoimportanti, condividere con le persone quelloche conosciamo e i nostri risultati e allo stessotempo motivare quell’auto apprendimento chefa sempre più notizia. La nostra vita sarebbevuota se non vi fosse la curiosità verso le coseed il web ci permette di apprendere senzaessere giudicati…

…e non hai idea di quanta gente ultra preparatanel mio campo, senza aver fatto un solo esamedì psicologia, ne sa un sacco di più di molti mieicolleghi ufficiali;) questo non vuol dire chesi siano formati solo sul web, ma magariseguendo qualche consiglio saggio hannoiniziato a leggere, a frequentare corsi ecc.

Insomma se nel 2007/2008 quello di poterdare delle informazioni formative era un belsogno per tutti i proto-blogger come me, oggiè un dato pressoché assodato che si possafare. Così quando guardi un video su unacosa che ti appassiona sappi che in quelmomento tu “sei in aula” proprio come seti stessi formando…

…e su questo che per decennio a TV ha basatoil suo marketing, nel formarci come loro volevanooggi hai la scelta, e spero che PsiNeL sia unafra queste;) fammi sapere che cosa ne pensilasciando un commento qui sotto  e se vuoiaiutarmi a “in-formare” ancora più persone,clicca su mi piace o sul +1 di google:)

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Svelare le bugie: “Mario Monti, Silvio Berlusconi e Pierluigi Bersani”
Meditazione: Presenza e meta-cognizione sono la stessa cosa?
Psicologia Sociale: “Milgram in un reality show?”
Motivazione: il bastone e la carota funzionano?
3 Commenti
  • Ciao!
    Perfettamente d'accordo sull'utilità della formazione via web.
    Io, che sono nato sui libri, che amo anche, quando mi è possibile (poco), partecipare a lezioni o seminari dal vivo, devo ammettere che, quanto alla PNL e al coaching, a parte un po' di letteratura in materia, la maggior parte della mia formazione l'ho fatta sul web (tra siti, YouTube, seminari on-line, download, ecc.). E non sono neppure un internet-addict, anzi…
    Eppure, grazie al web-surfing, ai copia-e-incolla di citazioni, all'integrazione e rielaborazione delle fonti, ecc (oltre che a varie ricerche su libri e miei "deliri" intellettuali alla Genna:-)), sono arrivato anche a scrivere qualche libro e manuale.
    Inutile dire che una delle mie fonti internettiane è il Gennaweb-pensiero…
    Nicola
    Dal caos la stella danzante

  • Impossibile, ieri sera ero a Padova e non vado a Napoli da quando avevo 14 anni.

  • Possibile che eri tu stasera in un pullman a Napoli?
    Ciao, grande sito, pieno di contenuti interessanti!

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK