PNL: Nuovo Codice e modellamento … Intervista ad Andrea Frausin

Conosci il “new code della PNL”? Si tratta del progetto di uno dei tre co-creatori della PNL. Lo scorso weekend sono stato a Bologna a vedere Andrea Frausin, unico trainer italiano in possesso di entrambe le certificazioni sia di Bandler che di Grinder. Andrea mi ha molto colpito per la sua preparazione ed anche per la sua grande umanità…dote da non sottovalutare mai in questo campo.

Ecco l’intervista ad Andrea Frausin

 

 

L’hai ascoltata? Grande Andrea, penso che si capisca, da questi 20 minuti scarsi che siamo davanti ad un vero esperto con tanta umanità. Ma prima di parlare del contenuto dell’intervista voglio ringraziare Marcello Mancini per avermi invitato all’evento e salutare Manolo Macchetta blogger e conoscente virtuale da anni che finalmente ho conosciuto dal vivo, guarda il video :)))

Ok dopo questa condivisione tuffiamoci un po’ nel new code, del quale avevamo avuto una super mega testimonianza da parte di Francesco che ci ha scritto un bellissimo post (uno dei pochi guest post di PsiNeL) dove ci parla in modo più che approfondito delle differenze fra nuovo e vecchio codice della PNL. Per cui ho deciso di evitare di ripetere le differenze e puntare sulle somiglianze…

…ma non fra i due modelli di PNL ma fra ciò che ho scoperto funzionare in questi anni. Mi ha infatti più che colpito notare che le mie critiche al modello classico della PNL sono le stesse mosse dal new code. In altre parole si tratta dell’uscita dal  paradigma stimolo-risposta per entrare in un  mondo più vasto.

Il matra è il solito se mi segui da un po’ di tempo: “Il cambiamento personale non passa da un  graduale contro condizionamento ma si tratta  di un de condizionamento”. Per afferrare fino in fondo questo concetto ti rimando ai post che in questi ultimi due anni ho scritto sulla mindfulness e sullo stato “non concettuale” che si viene a creare.

Uno stato visto come un modo per “lenire la sofferenza”, “conoscere se stessi”, “gestire le emozioni” e secondo chi ti scrive, per avere una vera e costante crescita personale.

Torniamo al bravo e preparato Andrea Frausin che ci descrive la PNL come un metodo di apprendimento efficace. Ed infatti la PNL è arrivata in Italia proprio come una sorta di compendio ai famosi corsi di memoria e di apprendimento rapido. Ma il senso del newcode è quello di puntare il dito sul modellamento pietra angolare di tutta la PNL.

Come sicuramente saprai il modeling è da sempre stato il cavallo di battaglia della PNL che si è data come obiettivo principale quello di scovare cosa funzionasse nei geni del cambiamento e della comunicazione che giravano negli anni 70. L’idea è che esista una capacità implicita nelle persone che sanno fare bene qualcosa è che, con i dovuti strumenti si possa “catturare questa magia” per farla propria.

Così il primo modeling è stato compiuto proprio da Grinder su Bandeler e Pucelik (co-creatore occulto e riabilitato da Grinder – ex compagno di Leslie Cameron – ora si capisce perché è stato scartato dal trio – leggi the origins of nlp ;)) Grinder era stato invitato ai gruppi di terapia del gestalt che Bandeler e Pucelick tenevano insieme…

…volevano che Grinder vi scovasse i pattern linguistici che utilizzavano e lui ha voluto, prima apprendere la loro stessa magia. Ed il resto è storia, ma il punto è, come hanno fatto? Oltre alla parte razionale a passare queste conoscenze? Con il metodo più vecchio del mondo, l’imitazione.

Il noto modeling è un metodo naturale di apprendimento che usano i bambini… …anche noi usiamo lo stesso modello, ma le nostre mappe pre esistenti spesso ci sono di ostacolo. Così per apprendere in modo efficace è necessario entrare In uno stato di “non conoscenza – non concettuale” in cui, come dice Andrea: “apprendere con l’emisfero non dominante” intendendo con la parte inconscia della nostra mente.

Esattamente quello che da alcuni tempo dico su PsiNeL parlando di occhiali per guardarsi dentro… …si tratta di uno stato di presenza e di apertura sensoriale come direbbero i piennellisti in cui sei maggiormente in grado di assorbire le informazioni dall’esterno e sei maggiormente in contatto con quella parte saggia di te, quella parte che è realmente responsabile delle cose che apprendi.

Non per nulla il New code punta il dito sui processi inconsci che la PNL ha appreso da Milton Erickson. Detto in poche parole questi ragazzoni degli anni 70 avevano compreso che l’imitazione di un modello doveva partire da uno stato di completa apertura sensoriale, prima di essere descritto in modo che potremmo definire formale.

Tu per caso hai letto o sentito che il modellamento è frutto di una attenta analisi delle strategie dei nostri sistemi rappresentazionali …una vera noia 🙂

In altre parole per un certo periodo di tempo alcuni “ricercatori” erano convinti che si potesse trarre questa eccellenza modellando come una persona metteva in fila le proprie rappresentazioni di tipo sensoriale. Per cui se tu sei bravo a giocare a calcio, mi basta chiederti cosa vedi, sentì o ascolti mentre sei nello stato di eccellenza… provare a fare altrettanto fino ad ottenere risultati simili…

…ma come ti dicevo tempo fa, parlandoci del tentativo di modellamento piennellistico da parte di Stepehen Gilligan nei confronti di Erickson, questo tipo di descrizione non era adeguata o meglio era poco efficace nel dare risultati attendibili. Oltre che sminchiare ((perdona il termine tecnico) le menti dei giovani modellatori, compresa la mia per diversi anni :))

Lo stato che invece cerca di creare il New code attraverso giochi ed esercizi che hanno davvero poco a che fare con il “codice classico” è proprio quello stesso stato di flusso che sperimentiamo nella mindfulness. Uno stato di apertura in cui sei aperto a tutte le possibilità o come diremmo noi meditanti “uno stato dove sei in grado di osservare tutto ciò che accade momento per momento”…

il comune denominatore è che è possibile apprendere da uno stato “non concettuale” cioè non fatto di contenuti mentali ma in grado di osservare i processi. Ti ricordi la metafora del fiume?

Sei seduto lungo il fiume (posizione di presenza) e da quel punto sei in grado di vedere come si presentano processualmente i tuoi pensieri e le tue emozioni senza giudicarle.

Quindi il consiglio più pratico di tutta questa ANL è uno solo: allenati ad ottenere stati non concettuali in modo da poter non solo gestire le tue emozioni in modo efficace (come abbiamo visto più volte) ma anche per apristi all’esperienza del modeling e quindi dell’apprendimento. Se come me hai molti video, audio di persone che stimi nel tuo campo riguardali con questi “occhiali speciali”…

…rivedi i video di Erickson e di Bandler che trovi ormai ovunque, rivedi i vedo di Grinder (questi sono un po’ di meno) o di chiunque tu voglia prendere ad esempio come modello nella tua professione. Puoi anche e soprattutto farlo dal vivo, quando parli con un tuo collaboratore che stimi, osservalo con quel tipo di atteggiamento. Non devi fare altro che osservarlo, imitarlo e dopo un po’ di pratica fare tuo il modello…

…proprio come descrivo nell’intervista: prima vengo catturato da un musicista, poi iniziò spudoratamente ad imitarlo, via via che “uso il modello” iniziò a trovare il mio stile all’interno di quella forma specifica fino a farlo diventare completamente mio. Sono sicuro che fare tutto questo processo, che naturalmente metti in pratica, può essere facilitato da quello stato speciale che in questi anni sto promuovendo, uno stato “non concettuale di presenza”.

Ringrazio ancora Andrea per la sua disponibilità e le chicche che ci ha dato fra le righe. Nella ANL della prossima settimana ti mostrerò il “gioco della lingua” di cui discutiamo nell’intervista. Adesso ti lascio alla bella intervista fatta da Manolo ad Andrea dove puoi integrare le diverse informazioni che abbiamo visto fino ad ora:

 

Come vedi in questa intervista di Manolo, Andrea ci da una visione ancora più ampia del nuovo codice simile alla filosofia di PsiNeL. Se hai domande scrivile  fra i commenti, proverò a risponderti o in caso proveremo a chiedere direttamente ad Andrea o magari a Manolo.

Concludo con una delle frasi che ripeto più spesso: “Non c’è nulla di nuovo sotto il sole“… Sembra che tutta la conoscenza psicologica dei nostri tempi moderni stia tornando a quello che molti saggi dell’antichità sapevano da sempre… ovviamente con i dovuti e ingegnosi accorgimenti di chi si occupa di questo affascinante campo…meditate gente meditate:)

A presto
Genna
Eddai…clicca su Mi piace!

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Visualizzazare meglio: “Usare il cervello come un computer”
Il Viaggio dell’Eroe: “come vivere la chiamata”
PNL: La dietrologia …
Aiutarsi a superare il lutto con la PNL
9 Commenti
  • in ritardissimo, ti ringrazio per il commento!

  • Mi è piaciuta molto l'intervista.
    Spesso gli intervistati sono piuttosto vaghi nelle risposte, invece Andrea Frausin cercava di trasmettere le sue conoscenze in modo preciso. Mi pare una persona di alto livello etico. LUCA

  • @ Davide: me lo auguro 🙂

    @ Minkia mouse: si è qualcosa di simile, anche se l'Uptime lo si raggiunge attraverso una sorta di "richiamo di risorse" mentre qui si tratta di uno stato (forse) meno condizionato…anzi de condizionato…ma comunque lo scopo finale è lo stesso.

  • Ciao Genna, se ho capito bene, questo stato di flusso è simile al concetto di "uptime che Bandler e Grinder usavano nei loro vecchi testi? (quelli pubblicati da Astrolabio, per intenderci).

    Perdona se uso termini della PNL classica, la pnl newcode non la conosco minimamente (e ho difficoltà a trovare materiale sostanzioso a riguardo)

    Ciao e grazie!

  • Con tutti questi video avrai qualcosa da raccontare ai tuoi nipoti, un giorno.

  • Ciao a tutti 🙂

    @ M…anolo 🙂 Hai visto? li scelgo bene i miei testimonials 😀 grazie a te caro :))

    @ Walter: Si, gli sportivi così come tutte le persone che hanno a che fare con una qualche performance si rendono conto facilmente della forza di queste pratiche… passa a trovarmi quando vuoi:) da dove arrivi?

    @ Gianpaolo: mmmm si e no 🙂 o meglio, se riesci a restare nel presente ed accogliere l'esperienza momento dopo momento di solito sei uno stato di flusso. Ma esistono delle leggere differenze in base allo stato di dissociazione…se sei troppo dissociato non sei nel flusso ma diventi un osservatore esterno. In entrambi questi casi si ha un maggiore accesso a quella parte saggia della mente.

    Spero di essermi spiegato un pò meglio 🙂

    Grazie a tutti
    Genna

  • Ciao Genna, essere nel flusso significa "solo" la sospensione del dialogo interiore e quindi del giudizio, assistendo momento dopo momento a ciò che si desidera apprendere o a ciò che si sta facendo, con una sorta di atteggiamento passivamente attivo o c'è dell'altro? Basta questo per permettere alla parte migliore di noi di condurre il gioco e di fonderci con quello che vogliamo imparare? Mi sto avvicinando alla mindfulness da poco, principalmente grazie alla frequentazione del tuo fantastico blog e alla lettura di Ronald Siegel e mi è sembrato di capire che la questione è in questi termini, ma non vorrei essermi fatto un'idea troppo semplificata del tutto.

  • Ciao Genna,
    complimenti per il blog e per questa intervista ad Andrea.
    Io non centro nulla con il tuo lavoro, ma ho scoperto che mi affascina molto la PNL.
    Trovo interessante la parte 1 dell'audio dove Andrea dice delle alte performance facendo le giuste leve neuro…. .
    Questa cosa la sto provando di persona e vorrei riuscire ad applicarla. A seconda della psicologia che ho riesco o meno a fare attivita fisica. Come se mi mancassero le forze.
    Quando verro in italia ti verro a trovare. 😉

  • Ottimissimi tutti e due !!!!
    Grande Genna e grande Andrea…
    la PNL new code merita davvero di essere approfondita e Andrea è perfetto per questo!
    Trainer attento e preciso, ha davvero a cuore i suoi alunni.

    m

    ps che bell'ometto il testimonial col maglione color cacchina

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK