Psico-sette: Una “psicologa” alle Iene…come evitare queste truffe.

Ciao,

ti ricordi il post sulla epistemologia? e la questione della “falsificabilità”? esatto, tutto quello che NON puoi falsificare non è scientifico e Psinel abbraccia questo approccio. L’altro giorno, proprio mentre stavo terminando quel post, ecco che alle Iene inizia un servizio allucinante… Si vede una psicologa e psicoterapeuta (una mia collega) che utilizza un mix di religione e newage…utilizzando la paura per motivare le persone…proprio una setta.

Purtroppo non posso inserire il video per le politichemediaset…per cui clicca qui per vederlo.

Sei riuscito a vedere il video? pazzesco, ci mette in mezzo anche delle pseudo tecniche psicologiche. Per me non è una novità sentire cose del genere, già da qualche anno diversi clienti mi raccontano di miei colleghi che gli hanno fatto fare davvero di tutto.Questa collega che da adesso in poi smetterò di chiamare così ha sicuramente “lei dei problemi”.

Non so se hai visto il filmato, ma non ci vuole uno psicologo per capire che una persona del genere,non solo ha l’etica professionale sotto le scarpe ma rischia seriamente di rovinare le persone. Non so se ti sei fermato un attimo ad ascoltare con attenzione come opera la signora, come dice il presidente Palma, si tratta di suggestione…

…detto fra noi “becera suggestione” che si basa sulla paura, sul senso di colpa e sulla autorità. Il peggio del peggio, e la cosa incredibile è che scommetto che un sacco di persone sono state incastrate da personaggi del genere.

Ma cazzo (scusa il fervore) ma ci vogliono le Iene per una cosa del genere. Queste cose fanno male alla psicologia ed anche alla crescita personale.

Oltretutto la signora “ci sta dentro” nel nostro linguaggio potremmo dire che si tratta di una furba nevrotica, quando Viviani (la Iena) l’avvicina lei sa subito come difendersi. A meno che non “neghi” anche a se stesse e quindi ci si trova in un’altro reame della psicopatologia. Ora, se hai avuto o stai avendo esperienzedel genere…

…o più semplicemente stai andando da uno che”ti sembra un professionista ma c’è qualcosa che non quadra”, allora poniti la semplice domanda di Popper che abbiamo analizzato nello scorso post: “questa persona è disposta a mettere in discussione la propria teoria di riferimento?“. Se la risposta è “si” ti trovi davanti ad una”persona seria” (non nel senso di seriosa;)).

Se invece la risposta è no, le strade sono tre: o sei davanti ad una persona un po’ ottusa che pensa che solo le proprie “scoperte” siano vere oppure ti trovi davanti ad un ciarlatano che non sa cosa sta facendo e che basa la sua pratica su delle convinzioni astruse. Infine c’è un terzo tipo, quello che ha appena iniziato e quindi ha una sorta di “sbandata, di cotta” verso la sua teoria di riferimento.

Ad esempio io adoro Erickson e tutte le sue derivazioni in psicoterapia e non…eppure sono conscio che “non sia la verità” ma una buona mappa per trattare i miei clienti/pazienti. Ogni professionista che si avvale di metodiche che potremmo chiamare “sperimentali” (testate da qualcuno prima), deve per forza ammettere i limiti del proprio modello ed essere pronto ad abbandonarlo.

Ma stai attento se poni quesiti del genere al tuo psicologo/psicoterapeuta…attento a non confondere l’amore verso la propria teoria o modello con il fanatismo di questa signora. Che evidentemente utilizza la religione per fare soldi, non diciamo cavolate per quanto riguarda il suo “sguardo angelico”, perché è evidente da come si comporta che il suo vero interesse è “legarti a lei per denaro”.

La cosa diventa ancora più evidente quando si parla di “costellazioni familiari“. Non tanto perché a me non piaccia particolarmente questo modello;) ma perché si mette a mescolare cose che c’entrano poco fra loro… atteggiamento tipico di chi non sa davvero “che pesci pigliare”…e allora s’inventa una propria pratica personale. Queste persone rovinano chi è davvero preparato ed appassionato di queste materie.

Scommetto che su 1000 persone che hanno visto quel servizio 300 avranno pensato: “bhe è chiaro tutti sti psicologi cosa vuoi che facciano” mentre temo che vi sia una pericolosa percentuale che invece ha pensato: “ok, ha fatto una setta, ma anche io credo che la fede possa guarire“…altro modo dannoso di pensare alla nostra professione…

…si perché la psicologia non si basa sulla fede. E’ chiaro che se uno crede in te o a quello che fai i risultati arrivano alla velocità della luce, ma non è quello il mezzo attraverso il quale avviene il vero cambiamento, quello duraturo, non quello che si può ottenere su di un palco con un po’ di suggestione.

La pratica dello psicologo ha certamente dei tratti dell’arte, cioè le persone più dotate di un certo intuito sono di solito più brave. Ma lo stesso si potrebbe dire di un dentista, c’è chi è più bravo ed artista, in grado di adattarsi al paziente e a creare “denti fantastici”… ma questo non basta! E’ necessario studiare e conoscere il corpo umano, conoscere gli strumenti più moderni…ecc.

Forse, se andassimo indietro negli anni questa distinzione prenderebbe più spazio. Cioè, 200 anni fa, quando i dentisti erano alle prime armi, la vera distinzione fra uno e l’altro erano le loro abilità di base. Mentre oggi NON può più essere così, altrimenti la pratica odontoiatrica, sarebbe soloriservata ad alcune persone con specifiche abilità artistiche. Ma è giusto che sia così???

Certamente, lo stesso vale per la psicoterapia, dove è chiaro che la componente artistica sia enorme, ma allo stesso tempo c’è una conoscenza metodologica e tecnica che deve dare dei risultati simili anche se utilizzata da persone differenti. Quando qualche miocliente/paziente mi dice “dottore ma lei è bravissimo,quello che facciamo è molto diverso da quello cheho fatto con l’altro psicologo”. Questo, se anche tufai il mio lavoro e segui PsiNeL, te lo sentirai direspesso 😉

Non perché chi segue PsiNeL è più bravo (cosa più che probabile;)) ma perché gli approcci moderni al cambiamento personale (nuovi modelli di terapia) si occupano soprattutto del lato metodologico. Per cui, non sono io ad essere più bravo dell’altro mio collega, ma di solito è il collega che è rimasto alle pratiche di 150 anni fa 🙂 Questo caso è anche il più positivo…perché….

…perché purtroppo esiste anche chi, dopo molti annidi pratica si crea un metodo tutto suo. Alcuni di questi non fanno male a nessuno ed anzi allargano le conoscenze in questo campo (mi riferisco alla vera sperimentazione di manovre terapeutiche) ma a volte,la mancanza di formazione continua e le convinzioni di base, possono portare i professionisti a diventare come questa donna…segui questo ultimo esempio:

Immagina di essere uno psicologo, siamo negli anni 80 la professione sta nascendo. Sia i professori che le scuole di psicoterapia sono vaghe e fumose per quel che riguarda la tecnica. Soprattutto agli occhi di unneo-laureato. Questo si specializza all’insegna di questa ambiguità metodologica… poi magari un giorno, dice al paziente che deve pregare di più se vuole stare meglio…

…questo torna e si sente bene, ed ecco la pericolosa generalizzazione “se li faccio pregare guariscono”. Che può arrivare a trasformarsi in qualcosa di ancora più pericoloso: “sono in contatto con Dio è per questo che è guarito”. Oggi sappiamo, ad es. che la preghiera ha un effetto reale, ma questo lo si può spiegare in tanti modi diversi. E, alla fine ci si ritrova con un professionista che non usa più ciò che ha appreso ma solo le proprie intuizioni.

Ecco perché sono quasi felice che il nostro Albo abbia deciso di mettere l’obbligatorietà dei crediti ECM (formazione continua per medici) perché in questo modo siamo costretti a dimostrare di essere sempre formati. Unica pecca, anche questi crediti sono gestiti da chi detiene il potere, e come puoi immaginare dove “c’è potere se magna”. Non nel senso che mangiamo noi ma nel senso che ci mangiano loro…ma questa è un’altra storia.

Concludendo: ti basta una semplice domanda per capire se il professionista da cui stai andando è una “persona seria”. Basta chiedere se si è disposti ad abbandonare il proprio modello di riferimento, se questo in altre parole è falsificabile. Se il professionista sembra non accettare nessun altro approccio e non vuole spiegarti da dove deriva il suo…allora scappa…

…chiunque vada da un professionista ha il diritto di sapere che cosa stanno facendo con lui e da dove proviene quella conoscenza. Se invece ti senti dire “sai sono cose troppo complesse ecc”alza i tacchi e vattene 🙂 E a te è mai capitata una cosa simile? facci sapere la tua esperienzaqui sotto fra i commenti.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Effetto Placebo: Chimica o Convinzioni? gli affascinanti studi del Prof. Fabrizio Benedetti
“Attenzione inconscia”
Psicologia: “le false memorie per imparare”
Sesso Curativo? attenti ai ciarlatani della psiche…e alla “fisica quantistica” :)
9 Commenti
  • Sono d’accordo con tutti voi.
    Ciononostante prima di parlare di costellazioni familiari informatevi su cosa sono. Bert Hellinger “Ordini dell’amore” ecc. ecc.

    Genna sei grande, ma ormai dovresti sapere che ci sono così tanti filoni di studio che il fatto che non ne hai sentito parlare NON SIGNIFICA ALTRO che questo:
    che TU non ne sai nulla. Stop.

    Complimenti per tutto il resto
    con affetto
    susy

    • Ciao Susy,
      precisamente in quale punto di questo post ti sembra di vedere che stia parlando di cose che non conosco?

      Quando parlo di cose che non conosco lo dico chiaramente. In questo post, che ormai ha 3 anni, ho cercato
      di mostrare quale (secondo me) è la differenza fra qualcosa che ha un metodo epistemologico alla base e
      cosa non lo ha.

      Tutto ciò che si basa solo sulla “fede”… non è un metodo epistemologico e quindi non scientifico e quindi
      non può rientrare nella mia professione. Perché ad un certo punto del mio codice deontologico (che forse
      è anche il tuo Susy) c’è chiaramente scritto:

      “lo psicologo si impegna ad utilizzare solo strumenti validati dalla ricerca scientifica”.

      Era questo il senso (almeno credo a distanza di anni) di questo post.

      Per quanto riguarda l’inizio con le “costellazioni familiari”… credo che sia un bel mix
      di altre cose. Fondamentalmente psicodramma e lavoro “con le parti” ecc. Ma quando
      vengono usate per giustificare l’esistenza di cose che non hanno una base
      sperimentale, per me siamo nell’esoterismo e non nella psicologia.

      Spero sia chiaro che questo non è un attacco alle costellazioni e a chi cerca di fare un
      bel lavoro con queste, ma a quelle persone che si svegliano un mattino, mettono assieme
      le ultime cagate new age e cercando di aiutare le persone, spesso incasinandole.

      Vorrei farti parlare con Daniela, Alberto e Maria…giusto 3 nomi che mi saltano in mente
      che nella provincia di Mantova sono stati “devastati” da queste costellazioni.

      Ovviamente questo non significa che siano “delle cavolate”, anche perché è difficile
      scorporare gli aspetti esoterici da quelli psicologici.

    • Ciao Susy…ci ho ripensato,
      ed ora tolgo le costellazioni dal post, in modo che non siano accostate a ciarlatani come quelli citati nell’articolo.

  • Ciao Roberto,
    credo di conoscere sufficientemente bene la differenza fra comportamentismo, cognitivismo e la psicologia moderna. Purtroppo devi dirti che i meccanismi di condizionamento funzionano al di la del tuo "volere", siamo imbevuti di condizionamenti, anche se non li desideriamo.

    La storia della "scatola nera" del comportamentismo è di certo una delle ammissioni massime della epistemologia di quel periodo, quando Wundt fondò la psicologia sperimentale e poi tutti i tedeschi gli andarono dietro. Nonostante il loro approccio fosse cieco a processi che oggi sono chiarissimi, il "condizionamento" resta un fenomeno imprescindibile e reale…

    …detto in altre parole, nelle giuste condizioni siamo tutti "fregabili", il pericolo è proprio pensare il contrario, cerca sul blog "effetto terza persona" 😉

  • Roberto Provenzani
    Rispondi

    Il discorso e' piu' complesso. Gia' Freud diceva che la psicologia si serve solo in parte del positivismo. Infatti il behavorismo per il fatto di guardare solo cio' che e' apparente diventa fuorviante. Non si vede direttamente cio' che sta dentro la persona. Le ossevazioni dirette sono legate all' espressione corporea, la voce e l' tteggiamento. La macchina della verita' svela le bugie. Ma non puo' sgamare chi non prova ansia quando mente! L' osservazione solo in parte deve avere criteri positivisti. Se uno finge di essermi amico per non farmi capire che vuole uccidermi, basandomi sul comportamentismo ci lascero' sicuramente le penne.

  • PAROLE "SANTE" 😀

  • Ciao Andrea,
    cavoli non solo lo conosco ma se non sbaglio in un vecchio post su scientology ha anche commentato:) si si i meccanismi sono sempre gli stessi…qualcuno che pensa di aver scoperto la verità e che perde la testa di conseguenza.
    Grazie:)

    Ciao Luca,
    Ahahah grazie…si sono queste le cose bisogna evitare nella nostra professione. Professione bellissima ma difficile per diversi motivi…ci manca solo questo tipo di pubblicità.

  • Bell'atricolo! Ti confesso che quando ho visto la puntata delle iene ed ho visto come qesta signora "opera", da studente di psicologia e appassionato della materia, mi sono cadute le braccia , anche perche penso che danneggi la categoria che e' formata da professionisti seri e preparati….e la cosa peggiore e' che e' pure iscritta all'albo…spero che l'ordine prenda provvedimenti. Cambiando argomento, questo tuo articolo mi e' piaciuto molto e , come sempre, traspare la passione per il tuo mestiere
    (non che tutta la tua esperienza e conoscenze) ed e' una cosa che mi ispira…..ammappate che sviolinata!! 😉 comunque quello che ho scritto lo penso realmente, percio' ti faccio ancora tanti complimenti!

  • Brrr…
    Genna mi hai fatto venire in mente il libro di Gardini, mi pare si chiami Una vita in scientology… e ti assicuro non si discosta di molto quello di cui hai parlato…
    Vero nel suo libro Maria Gardini non parla di costellazioni familiari (nè tanto meno voglio approfondire questa tematica), ma penso che questo sia uno dei modi per rimanere ancorati al passato…
    Comunque bella questa domanda (Sei disposta/o a mettere in discussione le tue conoscenze?), una vera bomba se fatta ai professorini che a volte rimangono incastrati a convinzioni e metodi che non funzionano (perché tanto le penne siamo noi studenti a rimettercele)…
    Lo so questo è un blog sulla psicologia quindi l'argomento istruzione può c'entrare davvero poco ma credo che questa materia, proprio perché è insegnata anche nelle università e comunque altre materie sono insegnate più o meno come fa la psicologa di cui hai parlato prima, ovvero usando il dolore, il senso di colpa ecc, abbiamo bisogno di conoscere queste tematiche, proprio per poterci difendere (credo sia questa una delle missioni di PsiNel)
    Grazie,
    Andrea

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK