L’importanza dell’Amore per crescere

Ciao,

da un po’ di tempo una delle mie riviste preferite”Mente e Cervello” ha creato una rubrica dal nome:”i grandi esperimenti” dove ci parla di quegli studi che hanno cambiato il mondo della psicologia ed in parte anche il nostro mondo. Gli esperimenti di cui ti parlerò oggi provano in modo inderogabile che anche all’interno di un mondo materialista come il nostro il fondamento per una crescita personale sana sia l’amore.

Se sei un mio collega o un appassionato dovresti conoscere i “terribili studi di Alonzo Harlow Israel“, svolti all’inizio del nostro secolo queste ricerche sono rimaste nella storia per due motivi:per la enorme rilevanza della scoperta scientifica e  per la crudeltà che i ricercatori hanno usato sugli animali, cosa improponibile ai giorni nostri.

Sono anni “calienti” per la ricerca nel campo dellerelazioni fra genitori e figli, tanto che la OMScommissiona allo psicologo Jonh Bowlby di fareun ampio studio, ricerca che porterà alla notateoria dell’attaccomento. Non solo era anche ilperiodo di Piaget e di Graves, insomma un verocalderone di conoscenza psicologiche era sulfuoco pronto a sforna nuove teorie ed ipotesi.

Harlow personaggio bizzarro che pare soffrisse di depressione maggiore inizia a studiare il comportamento degli scimpanzé e in generale i primati nei confronti della prole. Fino a creareun esprimenti macabro nel quale toglie i figlialle scimmie non appena sono nati e li mettein una gabbia con due madri fantoccio

…la prima madre è un peluche che riproduceuna femmina di scimpanzé mentre il secondoè una sorta di robot. Il primo è privo di lattementre il secondo ha un biberon dal quale lepiccole scimmiette possono trarre nutrimento.Ipotesi del ricercatore è che il cucciolo avrebbepreferito la madre robot perché “cibo munita”.

Chiaramente le scene a cui si assiste in queilaboratori sono terribili, madri che urlano condisperazione e figli interdetti. La cosa che peròcolpisce più di tutte è che i cuccioli preferiscanola madre surrogato più simile a quella vera, cioèquella di peluche andando a mangiare dal robotsolo quando ne sentivano il bisogno.

Harlow commenta questo risultato ancora in modo freddo dicendo che allora il neonato ha bisogno di un certo contatto tattile per poter crescere sano. Anche perché i cuccioli che vengono sottoposti a questo trattamento sviluppano una psicosi autistica, si ritirano dalle relazioni sociali e restano inerti…

…non solo, mentre si allattano con il robote si fanno cullare dal peluche il comportamentoosservato è quello di un “ansioso” sempre indeciso sul da farsi. La cosa peggiorava anche per le madri che dopo essere state private del figlio non volevano più avere rapporti con i primati maschi…

…allora Harlow non contento della crudeltà che già allora gli veniva imputata da molti dei suoi colleghi, fa qualcosa di ancora peggiore. Legale femmine deprivate dai figli e lascia che imaschi facciano i loro comodi (anche notocome esperimento dello stupro) per vederecome si sarebbero comportate le madri conle nuove proli.

Il risultato è stato ancora più inquietante, le madri rifiutavano i loro figli con comportamenti violenti sia nei loro confronti che verso se stesse. È sempre più evidente che una vera madre o meglio una persona che dia amore è indispensabile per la crescita e questo, a mio parere, se è indispensabile negli stadi evolutivi rimane indispensabile per tutta la vita.

Harlow continua i suoi studi aggiungendo anche del movimento e scopre che più si avvicina aduna madre vera e meglio crescono i figli, ma deve arrendersi sempre al fatto che per avere uno scimpanzé adulto ed equilibrato deve farlo giocare quotidianamente con la madre vera per almeno 30 minuti al giorno

…risultato di questi esperimenti atroci: “non sipuò crescere senza amore” qualcosa che giàtutti comprendiamo naturalmente. Rileggere questi studi mi ha fatto venire in mente la nota ricerca dell’imperatore Federico II che ne 1200 voleva scoprire quale fosse la lingua naturale,quel linguaggio che si sarebbe dovuto sviluppare senza  condizionamenti esterni.

La storia narra che abbia preso dei neonati e chegli sia stato ordinato di non parlarci affinché sisviluppasse il “linguaggio originario“. Purtroppopare che questi bambini siano tutti morti poiché(Alla luce egli studi di Harlow) privi di amore.

Lo so forse ti sembra strano che in un blog dedicato alla crescita personale si parli di amore senza parlare di altre robe newage;) eppure c’è poco da fare nessuna tecnica di miglioramento personale potrà mai surclassare l’amore delle persone che ci circondano. Questo ovviamente non significa che se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi devi circondasti di mille persone…

…ma significa che se hai una rete di buone relazionihai la base su cui costruire il tuo sviluppo personale.Ora tu da bravo esperto di comunicazione ti starai chiedendo “Genna cosa intendi per amore? Lo sai che è una nominalizzazione vero?” Certo che lo so;))Vuol dire in parole povere “dare attenzioni, fare qualcosa che dimostri il nostro affetto, un modo meraviglioso è l’ascolto…dare tutto il nostro ascolto (attenzione) è un super regalo…perché oltre a far crescere ci fa crescere.

Quando le ascolti, magari in modo attivo come abbiamo detto più volte, immagina che più attenzione porti alle loro parole e più amore stai donando. Oggi con i nuovi mezzi di comunicazione la qualità della nostra attenzione sta andando a quel paese, pe rcui se vuoi puoi esercitarti con la mindfulness e poi diventare sempre più bravo ad utilizzare la forza psicologica più potente …

…l’Amore:)

Fammi sapere cosa ne pensi lasciando un commento e/o cliccando su Mi piace.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
La vera differenza fra Valori e Obiettivi nella crescita personale…
Il Testimone: una chiave per il miglioramento personale
Accettazione vs cambiamento
Storia Dello Sviluppo Personale: Da Maslow alla Zona Prossimale di Sviluppo
10 Commenti
  • Ciao, quando parlo del lavoro che citi sono sempre critico, nel senso che anche se la teoria sembra essere buona per me manca di questo aspetto, quello che hai sottolineato tu…

    …noi siamo esseri sociali e dobbiamo imparare a stare bene e relazionarci bene con gli altri. Ovviamente questo parte da una certa dose di indipendenza personale.

  • Ciao Genna ho letto l'articolo sullo sviluppo della personalità adulta citando Giacobbe e mi chiedevo: come si sposa il fatto che una persona una volta raggiunto lo stato di "adulto", che non ha bisogno di affetto perché "si fa le coccole da solo", con ciò che scrivi, ovvero che le persone anche adulte, da ciò che ho capito, hanno bisogno di "dare attenzioni, fare qualcosa che dimostri il nostro affetto"? Forse che anche "l'adulto" di Giacobbe non sia un cyborg privo di sentimenti?

  • Sì Genna! Fra tutte le virtù, la più grande è l'amore. Poi è importante saper comunicare… saperlo comunicare…. E i contributi di questo blog sono preziosissimi! Grazie CIAO Pier V

  • Ahaha 🙂 ok…

  • ciao Genna grazie per la risposta dettagliatissima…sei gentile come sempre 🙂

    ciao!

    Pao

    p.s. magari era meglio se cancellavi anche l'altro 😀

  • Ciao a tutti:)

    @ Pao: la risposta alla tua domanda non è facile, ma in linea di massima se consideriamo che quel tipo di amore ci educa dobbiamo ammettere che si tratta di un processo di apprendimento..e in quanto tale, non esiste un'età adatta per farlo. Sicuramente la terapia ha dei limiti, ma ti posso tranquillamente dire che ho visto persone di 70 anni cambiare apprendimenti appresi nell'infanzia, come fobie ecc…come ho visto 30 enni con enormi difficoltà nel farlo. In realtà non ti ho risposto ma nella mia piccola esperienza tutti possiamo cambiare indipendentemente dal passato…almeno questa è una mia convinzione guida quando lavoro;)

    @ Akitos: sono questioni interessanti ma non riguardano il ragionamento di questo post…o meglio sono relative ma non ci portano da nessuna parte…almeno per ora 😉

    @ Tri mamma: credo che sia morto e sia stato odiato da tutti i suoi colleghi, ma ha il merito di aver sensibilizzato le persone agli animali, oltre ad una scoperta direi eccezionale…anche se scontata dal nostro intuito.

    @ Miche: grazie mille:)

  • Prima degli ultimi tre paragrafi già stavo pensando di chiederti un suggerimento pratico, ma poi l'hai scritto. Quindi veramente stavolta eccezionale!

  • Sono curiosa… che fine ha fatto questo Harlow?

    Trovo questo post molto coinvolgente, sia come figlia che come madre!

  • Non so se è il caso di dilungarmi in filosofie…ma x amore i termini tecnici di cosa si parla?? Forse si parla del momento in cui per amare una persona(quindi anche x ascoltare) si rinuncia alle proprie priorità (bisogni,desideri…ad esempio per ascoltare qualcuno si deve per forza dedicargli del tempo) ed io un certo senso "io" muoio.
    Quindi la felicità(carburante naturale,il migliore, della nostra psiche) da dove viene? Dall'amore?
    Non sto facendo una lezione a nessono: apro questioni e pongo domande. =)

    Molto saporito e nutriente questo blog! Complimenti! 🙂

    Akitos

  • ciao Genna,

    questo post mi ha messo una grande tristezza…sara' perche' mi rivedo un po' nelle scimmiette! Quindi chi nel corso dell'infanzia non riceve attenzioni adeguate e'inevitabilmente destinato ad avere disturbi comportamentali? E la terapia puo', e fino a che punto puo', aiutare chi anche in eta'adulta soffre per le conseguenze di questo? Parlo anche di bambini cresciuti in istituti o in famiglie disfunzionali.

    ciao!

    Pao

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK