Auto-valutazione e suggestione…una Truffa psicologica?

In un post delirante del passato ti ho parlato di quella che viene nominata SUD (Wolpe 1969), no tranquillo non è una nuova auto ma l’acronimo di  Subjective Unite of Discomfort, cioè una valutazione soggettiva del “disagio“. E’ molto utile se ti occupi di relazioni di aiuto per valutare quanto la persona senta soggettivamente una certa sensazione, ma nasconde un tremendo tranello cognitivo…conoscerlo potrebbe farti evitare truffe e grattacapi, se fai un lavoro simile al mio 😉

La SUD viene utilizzata da anni in diversi tipi di approccio, dalla psicoterapia cognitiva al coaching. E’ un elemento trasversale che può essere utile durante interventi mirati e specifici,orientati a valutare l’effetto di un certo intervento.

Ma non solo, infatti la SUD da al cliente l’idea di avere un qualche controllo su quello che sta accadendo e meglio di ogni altra cosa da una rappresentazione soggettiva metaforica del dolore, essendo rappresentato su di una scala monodimensionale. Quando è ovvio che nella maggior parte dei casi i problemi sono multi di-mensionali.

Questo unito ad un po’ di suggestione può fare miracoli… non mi credi? dai proviamo,hai un qualche dolore fisico o psicologico? Quando lo stai provando da 1 a 10? dai non farmi fare brutta figura, scegli qualcosa di facile, come un dolorino alla schiena.

Ora restando concentrato sul dolore, pensa alla tua canzone preferita e se non ce l’hai scegline una a caso. Puoi anche andare su YouTube ad ascoltarla mentre pensi al tuo dolore,meglio però se la immagini. Lo stai facendo vero?la senti la canzone? ascoltala mentre pensi anche alla brutta sensazione.

Bene, ora dimmi, cosa è cambiato? il dolore percaso è diminuito? se hai fatto bene l’esercizio èfacile che il dolore sia sceso di qualche punto, anchesolo un punto. Questo accade sia per un effetto che potremmo definire “suggestivo” e sia perché hai svolto quello che si chiama “doppio compito“, cioè ascoltare la musica e pensare al problema. Il doppio compito ha spesso la capacità, attraverso un sovraccarico, di abbassare l’intensità del dolore percepito.

Questo sovraccarico è simile a quando ti accarezzi una parte dolente e per qualche istante il dolore diminuisce. In realtà non è il dolore a sparirema avviene un fenomeno di agonismo fra le due vieneuronali che trasportano il dolore. Visto che quelle del dolore sono sottili e più lente vengono battute da quelle più larghe e veloci dei propriocettori, quei recettori che trasportano le sensazioni cinestesiche.

Quindi avviene un fenomeno di sovraccarico dovuta all’antagonismo dei due nervi, così mentre fai due compiti assieme succede qualcosa di simile. Andandoavanti di questo passo sai che cosa potrebbe accadere?che se una persona è molto suggestiva e sa usare benequesta “distrazione del doppio compito“, potrestisentire il dolore scendere sino a zero. Questa è più omeno la modalità che viene utilizzata da chi mette in pratica il SUD…spesso senza saperlo 😉

Molti si chiedono: “ma quindi sono arrivato a zero evuol dire che ho superato il problema?” la verità èno, nella maggior parte dei casi. Per caso hai mai provato un’esperienza simile applicando una tecnica di sviluppo personale?

Prima la applichi e per quel momento/periodo ti senti bene, e dopo un po’ perde il suo effetto? a me è capitato un mucchio di volte, soprattutto i primi tempi.Poi “ho scoperto l’acqua calda”, che l’abbassamento soggettivo sulla scala non equivale necessariamente ad un cambiamento permanente ne tanto meno (tante volte) stabile del problema.

Lo so che sembra assurdo ma la suggestione, intesa come la capacità di far credere qualcosa di irreale ad un’altra persona,gioca un ruolo fondamentale.In passato ti ho parlato delle demo (termine tecnico che nell’ambiente piennellistico significa dimostrazione dal vivo) di Richard Bandler e compagnia bella, non avviene un reale cambiamento permanente.

Questo lo sanno loro, lo sai tu che applichi le loro tecniche sui tuoi clienti e lo so io…ma chi si legge un libroe poi guarda un video di Bandler che fa miracoli non lo sa 🙂

E io sono qui a rompere le scatole e a dirti che nella stra grande maggioranza delle demo di Bandler, di certo fa degli ottimi interventi di cambiamento, ma non ottiene cambiamenti permanenti, proprioperché si basa si una valutazione soggettiva, che in quel momento è inficiata dalla “presenza del guru”, spesso dal pubblico e dalle telecamere.

Altro ambito dove si utilizza il SUD “come se piovesse” è nelle discipline energetiche, come EFT e  compagnia bella. Anche in questo caso valgono le stesse identiche indicazioni, una scala di auto-valutazione può diventare lo strumento di chepermette il cambiamento. Cioè è il fatto stesso di auto-valutarsi a creare quel cambiamento,che a volte può diventare permanente.

E’ quel sistema auto-riflessivo, meta-cognitivo che nella mindfulness viene definito processo di disidentificazione. In cui tu riesci ad osservare”come se fossi all’esterno” i tuoi pensieri e nelnostro esempio le tue sensazioni, semplicementeponendoti la domanda interna, quando sentoquesta sensazione da 1 a 10? …

Ma Genna vuoi dirci che questo SUD non ha alcun senso? serve solo per chi si suggestiona facilmente?

No, perché questi due aspetti, la suggestione ed il doppio-compito, sono parte integranti di protocolli che funzionano da anni. E sono anche parte integrante di quasi tutte le forme di aiuto, dal medico di base intelligente che con acute domande distrae tuo figlio per fargli la puntura, alle moderne tecniche didesensibilizzazione psicologica come l’EMDR.

Scopo di questo post è quello di farti aprire gli occhi verso determinati effetti che possono più che ingannarti. Quanti amici hai che qualche anno fa si sono comprati il famoso braccialetto dello equilibrio?

Ecco che cosa intendo per evitare di cadere come degli allocchi in questi meccanismi.Se qualcuno ti propone una dimostrazione in pubblico su un dolore fisico importante e lì per lì pensi di essere guarito…corri a fare gli accertamenti medici tradizionali. Qualche invasato della LOA potrebbe dire che questo genere di atteggiamento mentale è contro-producente, perché se so a priori che si tratta di un effetto suggestivo potrebbe NON funzionare. E in minima parte potrebbe avere ragione. NON voglio che diventi un super scettico che sabota qualsiasi tecnica, ma neanche un credulone che si fa ammaliare da qualsiasi cosa trovi in questo settore.

A presto
Genna

Ps. da qualche anno sono diventato “terapista EMDR” e devo ammettere che la scala SUD è l’ultimo dei suoi accorgimenti. Tuttavia resto dell’idea che la scala possa essere utilizzata “in modo furbo” per suggestionare le persone…occhio!

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
La SCRITTURA Espressiva: come trasformare il “Diario” in uno strumento di “Consapevolezza”
Intelligenza e QI: esiste davvero il “fattore G”? Ha senso il test dell’intelligenza oggi?
Depressione: 4 consigli per prevenirla e “raggiungere la felicità”
Crescita Personale: I “Deliri migliori” del 2012 :)
10 Commenti
  • Ahahah tipo un "a gentile richiesta"…
    certo ma è un bel po' impegnativo e un po' fuori tema.

    Dovrei partire dalla storia della psicopatologia, spiegare che cosa s'intende o meglio s'intendeva per disturbo della personalità multipla e quant'altro…per cui mi sa che non lo farò a pensarci bene 🙂

    Se hai qualche domanda in specifico puoi farmela in privato, sarò lieto di risponderti.
    Genna

  • Ciao Gennaro.
    Posso farti una richiesta come si fa con i pianisti di pianobar?
    Potresti scrivere un'articolo sulla personalità multipla?
    Thx e grazie per il buon anno… che sia bello per tutti e pieno di grandi svolte (come al solito)

  • Ah dimenticavo ragazzi…
    ancora una volta Buon anno a voi e grazie per aver scelto di seguire PsiNeL :)))

  • Ciao Amerigo,
    esattamente 😉 grazie per la dritta ora metto subito apposto tutto…e a te per la partecipazione.

    Ciao Paolo,
    nessuna differenza, in tutti esiste una certa percentuale di suggestione. Non dipende dalla tecnica in sè ma dalla comunicazione interpersonale che nasce fra le due persone. E chiaramente dalla intenzione dell'operatore di suggestionare e di conoscere questo fenomeno.

    Per riprendere Amerigo, quando Nardone (uno degli psicoterapeuti più efficaci e rapidi che abbiamo in Italia) da le sue prescrizioni, lo fa in modo volutamente suggestivo. Qui c'è consapevolezza della suggestione e in generale in tutte quelle metodologie che affermano di provenire dalla ipnosi.

  • Ciao Gennaro e conplimenti per il tuo grandioso lavoro.
    Quindi, quale sarebbe la differenza sostanziale tra tecniche (uso il termine forse impropriamente) come L'EMDR , l'EFT, la MINDFULNESS,
    se andiamo oltre l'effetto "autosuggestione"?
    Grazie e buon anno a voi!

  • @KAIZEN mi è piaciuta la risposta di Gennaro a cio che hai chiesto.
    "si, ma solo se avviene attraverso questo una o piu esperienze emozionali correttive".
    In pratica la suggestione crea un'illusione iniziale, una spece di stato euforico che ci fa agire fuori da noi stessi. In questo stato "alterato" (non "nostro") agiamo nella vita quotidiana e raccogliamo feedback che questa volta dobbiamo incasellare ed etichettare come "nostri". Dopo due o tre esperienze di questo tipo automaticamente il comportamento è nostro.
    L'identità è sempre al centro del cambiamento. Quanto dice Gennaro "quel cambiamento è diventata parte del suo modo di essere" è praticamente un sinonimo di "quando lui è diventato il nuovo comportamento".
    Dilts ne parla nei suoi livelli logici. L'identità è una delle cose piu solide che ci portiamo dietro.
    Saluti. E grazie dell'occasione di partecipare!

  • Penso che cio che hai scritto non fa una piega. C'è un picolo errore di battitura. hai scritto SUD invece che SUV una volta. Controlla.
    A parte il professorino che ha appena finito di parlare voglio ripetere che il discorso non fa una piega.
    Per cio che riguarda le demo di Bandler io credo che ci sia una forma di identificazione tra il "cliente" e Bandler. Piennellisticamente potremmo dire che le luci, il pubblico, l'emozione, facilitano il rapport e chi è sulla sedia della demo come cliente finisce per immagazzinare quanto Bandler fa su di lui con una vividezza amplificata. Questi ricordi poi nei giorni successivi all'evento vengono automaticamente rivisti e rigoduti fino a trasformare Bandler nel soggetto stesso che ricorda l'evento. Questa identificazione porta il soggetto a capire cosa Bandler ha fatto su di lui e quindi il soggetto stesso puo ripetere quella stessa strategia su se stesso. Se si tratta solo di doppio compito non lo so ma di sicuro qualcosa Bandler ce l'ha e di sicuro l'identificazione con Bandler porta ogni anno moltissimi devoti della PNL ad iniziare il loro percorso come "terapeuti" o "formatori". Ho visto molta gente toranre euforica dopo un suo corso.
    Gran bel post. Forse sono un po off topic ma mi andava di contribuire alla "conversazione".
    Saluti da qui mio verso il qui tuo.

  • Grazie Kaizen
    ricambio ancora gli
    auguri 🙂

    @ Anonimo: Bella domanda… il cambiamento diventa permanente quando a distanza di almeno 6 mesi non vi sono "ricadute" nel vecchio comportamento disfunzionale.

    Detto in altre parole più umane: il cambiamento diventa permanete quando la persona sente che quel cambiamento è diventata parte del suo modo di essere.

    Questo può essere ottenuto con la pura suggestione, nel senso indicato nel post? si, ma solo se avviene attraverso questo una o più esperienze emozionali correttive.

    Spero di averti risposto
    Genna

  • Quindi quand'è che un cambiamento può diventare permanente?

  • Ciao genna, prima di tutto auguri di buon anno per te chiara e il gatto.. :-))
    Questo post è veramente fantastico.. nel periodo che andava di moda il power balance, spiegavo ai ragazzi che era una auto suggestione psicologica, ma erano sicuri di sè.. vabbè, comunque grazie per il post, adesso so come spiegare in modo piu detagliato ed specifico.. grazie genna..
    -kaizen

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK