Ipnosi e furto: Tutta la verità su come fanno a farlo

Ciao,

molti hanno sentito di una personarapinata con l’ipnosi” e qui su PsiNeL ne abbiamo parlato molto.Dalle ricerche del prof. Angelo De Micheli di cui tra poco ti riproporrò l’intervista sappiamo che questi trucchi non utilizzano l’ipnosi ma delle sofisticate tecniche di comunicazione per confondere e stordire la nostra parte razionale. Qualche giorno fa mi sono imbattuto in questo video…

 

Sei riuscito a vederlo? si tratta di un tizio che entra in un negozio e confondendo una commessa si fa cambiare i soldi ma guadagnandoci. Come ha fatto? semplice ha sfruttato due leve mentali a cui tutti siamo suscettibili, la familiarità e la pigrizia della mente.

Prima si fa cambiare una semplice banconota, cosa che fa facilmente, la mette a proprio agio e la cosa diventa familiare…

…poi le chiede di cambiargli delle banconote e degli spiccioli, lo fa apposta in modo affrettato e maldestro. Ma noterai che quando è il tempo di fare i conti non è affatto maldestro, anzi le dice con fermezza la cifra che “vuole farle credere” abbia ricevuto.

Perché lo fa? perché quando siamo in una situazione ambigua quel calcolo che sembra razionale ci salva.

Se qualcuno conta per te, perché dovresti farlo tu? è questa la trappola in cui si cade l’ipnosi non c’entra nulla. Si, le manovre confusive potrebbero essere assimilabili a quelle descritte da Erickson e da Bandler e Grinder ma l’induzione non è di per se ipnosi. Non è che una persona entra in uno stato dove diventa un robot e fa tutto quello che gli dici.

 

Qualche tempo fa ti ho parlato di come è vista la nostra mente dalle scienze cognitive e della presenza di questi due sistemi. Il sistema uno pigro e rapidissimo (che corrisponde all’incirca con l’inconscio) e il sistema due, deputato alla attenzione consapevole.

 

Mettere in crisi questi due sistemi è più facile di quanto non si creda

 

Proprio come dice De Micheli nella intervista ma soprattutto all’interno delle sue ricerche scientifiche:non sono stati mai documentate reali rapine in stato di trance ipnotica, ma tutte avevano la stessa caratteristica, cioè un gioco confusivo, proprio come quello che hai visto nel primo video.

Questi giochi mixano insieme conoscenze del sistema cognitivo basilari (come il sovraccarico) e buone abilità comunicative.

La cosa buffa degli studi fra “ipnosi e furto” sta forse nell’aspetto geografico. Infatti nella ricerca citata pare che siano gli italiani i più colpiti da questo fenomeno.

Tanto da aver portato la ricerca ha puntare il dito su un fenomeno di emulazione. Dove magari sentendosi un po’stupidi e presi in giro dal giochetto distraentesi preferisce dire di essere stati ipnotizzati piuttosto che fregati.

Quindi, esistono persone in grado, utilizzando l’ipnosi di commettere furti? la risposta è no.Ma esistono persone particolarmente facili da raggirare, e forse esistono anche alcune persone che hanno una maggiore suscettibilità ad entrare in stati di trance transitori in modo molto rapido.

L’abilità del truffatore qui non è nel creare l’ipnosi ma nel generare confusione…sono più utili questi tipi di abilità.

 

In questo video vedi Derren Brown, che tra le altre cose ha fatto diversi tipi di rapina con la “presunta ipnosi“. Che ruba di tutto ad un povero ragazzo ignaro,continuando a distrarlo e a far si che la sua attenzione sia continuamente sballottata da una parte all’altra.

Ecco, questa è la reale abilità di fa un furto attraverso quella che viene erroneamente definita ipnosi. Derren Brown inizia dicendo: “i borseggiatori sono dei maestri della manipolazione mentale“.

Ma il massimo di questo processo lo possiamo vedere nel video di un emule di Derren Brown che cerca,sempre attraverso manovre distraenti di pagare con una banconota diversa.

Derren lo fa anche con i fogli bianchi, anche qui si tratta di creare una vera e profonda distrazioni, che non può essere ancora definita trance, visto che questa è caratterizzata da una configurazione ben precisa che richiede alcuni presupposti difficili da ottenere in strada e in così poco tempo.

 

 

In questo video si vede con molta chiarezza cosa fa i tizio, allora vediamo cosa fa: la prima cosa che mette in atto è una manovra distraente chiedendo informazioni e iniziando a parlare del numero 20.

Questo sarà il priming che gli permetterà poi di pagare con una banconota da 10 invece che da 20 e cercare di farsi dare il resto. Come Derren, nel momento in cui paga gli dice “quindi sono 20 pounds? dandogliene 10…

…quindi, prima lo distrae cercando di inserire il numero 20 nella conversazione, poi continua a parlargli distraendolo e parlandogli in modo molto insicuro… proprio come Derren.

Poi, quando è sufficientemente preso dal discorso allunga una banconota di taglio inferiore e dopo, gli dice in modo spudorato che gli ha dato una banconota da 20 e che desidera il resto.

Scommetto che senza neanche usare il priming cioè nominare il numero 20, e con una bella faccia tosta puoi fare la stessa cosa.

Vai in un posto affollato, dove magari i cassieri sono un po’ stanchini, fai una domanda a caso ma molto impegnativa, come una indicazione stradale un po’ bizzarra, in quel momento continuando a parlare dagli i soldi e poi…faccia tosta, prova a dirgli che gli hai dato una banconota più grande, qui devi essere deciso.

Scommetto che su 10 cassieri 6 li freghi in pieno,è un fenomeno che è accaduto a tutti una volta nella vita. Quella di trovarsi, per qualche strano motivo dei soldi in più da un resto o il contrario. Le manovre distraenti di questi truffatori possono somigliare all’ipnosi ma non si tratta di questo.

Si tratta di abili mosse di distrazione e sovraccarico unite ad una certa abilità psicologica e a tanta tanta faccia tosta 😉

Chiaramente qui tutto si basa sulla faccia tosta,la distrazione e l’effetto priming. Se io ti ripeto una certa informazione, come il numero 20, e poi ti distraggo molto rendendo il mio discorso fumoso e ambiguo, sarà più facile per te tornare a pensare a qualcosa di familiare, come il 20 di cui stiamo parlando.

E quando ti dico che in realtà ti ho dato una banconota da 20, la cosa ti sembra assolutamente plausibile, perché è da un po’ che continuo a dirti “20”.

Per gli studi dedicati all’ipnosi e al “far fare una cosa contro la propria volontà”, si vedano le Opere di Erickson (in modo particolare il primo, il secondo ed il terzo volume).

Tutte le persone che promuovono l’ipnosi uno strumento per avere un qualche potere sulle altre persone non hanno ben chiaro che cosa sia l’ipnosi. Il mio consiglio è quello di stare alla larga da chi ti propone cose del genere 😉

Fammi sapere cosa ne pensi, se ti è piaciuto ilpost clicca su mi piace….

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi: “Espandere la Coscienza” (Trance In & Out)
Ipnosi: “6 consigli dalle Arance di Erickson” ;-)
Ipnosi: “uscita” dalla trance…
Ipnosi e Meditazione: La mente deve vagare oppure no?
10 Commenti
  • Quindi pensi che sia il posto in cui ti trovi e non la tecnica?

  • Il tizio del primo video gioca molto facile, fin troppo.

    Difatti entra in un "charity shop" [negozi dell'usato che raccolgono fondi x associazioni filantropiche] dove come volontari operano pensionati e/o disabili..preparati a sufficenza e nn sicuramente dei professionisti del commercio.

  • Ciao "anonimo"
    e grazie per la tua preziosa testimonianza….eh si ci sono persone molto brave a fare questi giochi che tra l'altro, se fatti come si deve, diventano inattaccabili anche da un punto di vista legale. Cioè se tu avessi insistito sul documento, lei avrebbe semplicemente detto che lo aveva dimenticato e sarebbe andata via…

    …queste persone lo fanno di professione e si studiano il comportamento umano alla lettera per farlo, proprio come io è te studiamo per migliorarci nel nostro lavoro.
    Grazie
    Genna

  • ciao… sono cassiere in una banca… e non più di qualche settimana fa sono stato "fregato" da una persona che si e presentata allo sportello, ha dichiarato di essere una nostra correntista dandomi nome e cognome di un delegato ed di un intestatario di un conto corrente aperto presso di noi (persone che non conosco purtroppo personalmente..) ed è riuscita a sviare cosi tanto la mia attenzione (per usare i termini del vostro articolo…) da portarmi a non avere un suo documento in mano. quando ho chiesto un documento mi ha detto che era in macchina, ha immediatamente effettuato o forse solo simulato una telefonata… e morale della storia se ne e andata con un bel gruzzoletto prelevato su un conto corrente. in tutto questo devo precisare un paio di cose che sembrano ovvie o assurde.
    In primis rispetto alla mia metodologia di lavoro (in parte imposta dal nostro istituto, in parte per mia abitudine) ho effettuato ben 6 azioni consecutivamente che in condizioni definiamo normali non avrei mai eseguito (nessuna delle sei…. ad esempio consegnare soldi senza avere copia del documento in mano). inoltre dopo qualche minuto che era questa persona si era allontanata da me mi sono reso conto, tutto d'un tratto, di non avere più davanti a me ne i soldi ne i documenti. inoltre, da subito… (sapendo i giochi che fa la mente quando uno prova a ricordare fatti avvenuti ho immediatamente preso appunti veloci su tutto quello che ricordavo) ho ricordi decisamente confusi su come siano andate le cose….. va bene che non si possa iponotizzare una persona fino a portarla in trance, ma riuscire a farla lavorare totalmente fuori dai propri canoni è comunque, penso, un ottimo risultato.

    e se vogliamo per sentito dire e con modalità forse leggermente diverse, è successo 4 volte nella stessa settimana nella mia zona di residenza.
    scusate l'anonimo…..

    o siamo tutti impazziti o questa persona ci sa decisamente fare!

  • Possiamo tornare alla analogia del martello del coltello o della corda.. e, lo stesso vale per l'ipnosi e non solo.. questi intrinsecamente non è buono ne cattivo, dipende dall'uso di ogni uno.
    Da una parte, confondere il fenomeno ipnotico con il furto, è come bere l'acqua delle fogne e l'acqua minerale.. entrambe sono acque ma…
    Dall'altra parte, so che è difficile distinguere il grano dalla zizzania…
    Come sempre genna, i tuoi post sono straordinariamente fantastici, complimenti.. e, qui ti faccio i miei auguri per un 2013 colmo di felicità, a te, chiara, e il gatto.. :-))))))) grazie grazie e grazie..
    -kaizen

  • Quindi usando un termine tecnico vai alla cassa e gli fai una bella supercazzola prematurata! 🙂
    A parte gli scherzi anche a me è successo di farlo facendo i conti a voce alta assieme alla cassiera, la prima volta per sbaglio la seconda volta ho provato a ricrearlo di proposito (ma ci tengo a dire che l'ho fatto solo a scopo di esperimento scientifico 🙂 anche perchè ho ricevuto meno di 1 euro in più sul resto.. Ottime info anche perchè non mi è mai stato chiaro se questi casi potessero catalogarsi in stato di ipnosi o meno..

  • @anonimo: si lo credo anche io, penso che ci siano fin troppe cose che non si dovrebbero fare e invece le fanno sotto i nostro occhi quotidianamente.

    @ ciao Roman, non lo conosco e sono molto curioso, vado subito a fare una ricerca…grazie:)

    @ ciao Marghe: in linea di massima si, basterebbe essere un po' più attenti. Stando attenti a due cose contrapposte, da un lato quando c'é troppa confusione fermarsi un attimo e dall'altra, quando tutto sembra troppo facile chiedersi il perché. Mi hai incuriosito, ti hanno rubato un auto per caso?

  • Interessante!

    Pensa che una volta due tipi sono stati talmente bravi da rubarmi, sotto i mie occhi, un oggetto abbastanza grande dal valore di 25 mila euro!

    e allora mi chedo…per evitare di cadere in queste trappole poco piacevoli, quali abilità dobbiamo sviluppare?

    …magari dobbiamo imparare a essere maggiormenti presenti e attenti quando ci troviamo in certe situazioni…pronti a farci scattare un capanello d'allarme nel momento in cui avvertiamo una sensazione di stordimento datoci dal nostro interlocutore! e tu Genna, che ne pensi?

  • molto interessante…. non pensavo l'effetto famigliarità fosse così efficace…
    oggi a scuola ho visto un film molto interessante,che parla dell'autocrazia,si chiama "L'onda" ,che si ispira su un esperimento sociale fatto dal prof. Ron Jones…nel 1967 a california….
    mi farevbbe piacere sentire una tua opinione sul tema… 🙂

  • Non credo sia dignitoso testare queste tecniche rubando dei soldi.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK