Paura di sbagliare: Ansia da prestazione

Ciao,

hai mai sentito dire che ci sono ben poche paure che possiedi sin dalla nascita? si infatti pare che siano la paura del vuoto e quella dei rumori forti… questo significa che tutte le altre paure le hai imparate, e questo è un’ottima notizia. Significa che puoi disimpararle. Il post di oggi è dedicato ad una paura generica che scatta a tutti.

 

 

 

 

Scatta a tutti perché è determinata dal contesto,mentre ad esempio la paura dei ragni non è contestuale. Si potrebbe anche definire come”ansia da prestazione”, quando temi di non riuscire bene in un determinato compito.

E sappiamo tutti che ciò che ci circonda è di fondamentale importanza…cantare sotto la doccia non è la stessa cosa di cantare dal vivo, davanti ad un pubblico.

Sto leggendo l’ultimo libro di Joseph Riggio” State of Perfection dove tra l’altro è citato fra i ringraziamenti Piernicola De Maria. E ad un tratto leggo una cosa che è in perfetta armonia con  quello che penso da anni. E il caso vuole, proprio nello stesso contesto, l’apprendimento delle lingue.

Riggio dice che se chiedi da bere in un’altra lingua e,invece di darti da  bere, correggono la tua grammatica,è perché non hanno  capito una  mazza;)

Non importa se hai la pronuncia giusta, se sai coniugare bene i verbi, ecc. La cosa più importante è farti capire, ed anche se questo può sembrarti banale, puoi facilmente riconoscere quante volte la paura di sbagliare ci fa evitare di “fare le cose”. Invece di agire ci blocca il pensiero in un turbinio di seghe mentali che ci limitano tremendamente.

Capisco bene l’inglese, ma non lo parlo bene,eppure la gente mi capisce. Mi capita spesso di incontrare stranieri e di chiacchierarci, e vedo molte persone, che parlerebbero sicuramente meglio di me, bloccate dalla timidezza… o meglio, dalla paura di sbagliare. E’ quello che è capitato alla mia ragazza alla festa d’inaugurazione della nostra nuova casa.

C’erano due ragazzi danesi ed una ragazza neo-zelandese, ma lei è riuscita a non parlare con nessuno di loro. Mentre parlavo con loro mi rendevo conto di sentirmi maggiormente bloccato, quando c’era anche il mio amico Fabio. Lui sa un sacco di lingue e parla bene l’inglese. E’ solo quando “hai un giudice”che puoi avere paura si sbagliare. Anche se questo giudice è dentro di te…

Il primo grande ostacolo verso la liberazione dalla paura di sbagliare, è quello che abbiamo già trattato tempo fa… il perfezionismo. Se devi fare tutto perfettamente, se devi prendere sempre 10 allora la tua vita diventa un inferno. Questo stesso atteggiamento ostacola l’apprendimento, perché se non sei perfetto…neanche ci provi.

Il primo passo da fare per diminuire questa paura, è quello di riconoscerla. Di capire in quali contesti può scattare nella tua vita. Una volta riconosciuta e trovato quando scatta puoi semplicemente “fartelo presente”.

Il secondo passo è “sbagliare volontariamente”. Devi prendere quei contesti e quelle azioni in cui temi di sbagliare, e poi fingi di fare qualche piccolo errore. Ovviamente dipende da ciò che stai facendo, se stai lavorando ad un tornio in fabbrica, evita di farlo. Ma se il comportamento è parlare un’altra lingua, allora puoi sbagliare volontariamente.

Questo consiglio bizzarro, segue una logica strategica della prescrizione del sintomo. E può essere efficace anche su se stessi, pensa che strano riusciamo ad auto-ingannarci per il nostro bene.

Il terzo passo è quello di agire di più e pensare di meno. Dopo esserti “desensibilizzato” grazie alle esposizioni (la prescrizione del sintomo) puoi continuare ad agire senza pensarci. Se ad esempio vuoi imparare a guidare l’auto, devi salirci e guidarla.

Non devi fare altro, si magari all’inizio ti sarà necessario tenere a mente alcune cose,ma non appena le dimenticherai inizierai a guidare davvero.

Ricorda che il vero giudice è dentro di te, sei tu che ti permetti o meno di sbagliare qualcosa, e quando riesci a permetterti di sbagliare senza paura, ecco che qualcosa inizia a cambiare come per magia.

L’ansia da prestazione svanisce, e qualsiasi sia il tuo risultato, ti senti bene conte stesso….ecco il grande risultato a cui aspiro, farti sentire bene, qualsiasi cosa accada.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Intelligenza emotiva: Come regolare la nostra vita emotiva…con “una manopola”…
Psicologia: 5 consigli per restare giovane…o ritornare giovani ;)
“Ottimismo genetico o appreso? Attenzione genitori e insegnanti!”
Superare l’Ansia: 6 strategie per gestire le emozioni negative
4 Commenti
  • post interessante; non ho mai pensato che 'sbagliare volontariamente' potesse aiutare, abbassando di livello la consueta ansia da prestazione! mi è capitato però di farlo e di averci riso sopra in un secondo momento.

    Temo che dietro molte scelte, soprattutto comportamentali, si nascondano convinzioni o argomentazioni spesso infondate e superabili. Basterebbe rifletterci sopra e provare a sostituirle.

    In questi giorni 'non ho agito' in determinati contesti, temendo non fosse opportuno farlo o perché semplicemente non mi sentivo dell'umore giusto.

    Non capisco perché tra pensiero/desiderio e azione debbano esserci tutte queste interferenze che scombussolano ogni proposito costruttivo.

    Lo so che è inutile rifletterci troppo, ma conoscendomi, ho bisogno di autoconvincermi della bontà di certe iniziative, a prescindere dalla loro effettiva riuscita.

    Si ha paura di 'sbagliare' e di essere così giudicati negativamente (anche dal nostro giudice interno). Sbagliare volontariamente potrebbe invece avere un sapore diverso, non sarebbe un evento imprevedibile e già per questo potrebbe avere i suoi vantaggi.

  • Tutto vero. Non c'e' cosa peggiore del giudice che si nasconde dentro di noi. Sarebbe interessante capire perche' ad un certo punto della vita ti cresce questo tarlo dentro.. Genna, hai qualche riferimento da leggere in Italiano sull'argomento? O pensi che valga la pena leggere Riggio in inglese?

  • Tutto vero. Non c'e' cosa peggiore del giudice che si nasconde dentro di noi. Sarebbe interessante capire perche' ad un certo punto della vita ti cresce questo tarlo dentro.. Genna, hai qualche riferimento da leggere in Italiano sull'argomento? O pensi che valga la pena leggere Riggio in inglese?

  • Sono un fautore della legge che "Nulla succede per caso"… vedi anche libro di Robert Hopcke. Proprio in questi giorni sto affrontando la paura del "perfezionismo", che talvolta mi blocca nel "fare", suscitando anche le solite ansie e tensioni fisiche. E cosa accade? Ieri sera, mi vedo sul web un'intervista di Lucia Giovannini che, presentando il suo ultimo libro "Libera la tua vita", parla, tra l'altro, della Strategia dello "sbagliare apposta" e, oggi, tu che mi parli della stessa cosa.
    Sento un bisogno e il mio "inconscio", chiamiamolo così, mi suggerisce delle strade.
    Che dire? Complimenti per come ci "intrattieni" aiutandoci a crescere !
    Grazie ed, ora, soprattutto AZIONE!
    Buone Vacanze!
    Stefano

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK