Manipolare Il Tempo Mentale

 Ti piacerebbe avere il potere di “distorcere il tempo”? proprio come un “super eroe”? Si è davvero possibile e se sei un attento osservatore di come “percepisci il tempo in occasioni differenti” non dovresti stupirti di questo.

La distorsione temporale è una fenomenologia ipnotica nota nell’ambiente, ma pochi sanno che la si può utilizzare “per meditare” ed ottenere una valanga  di vantaggi. Scopri come diventare “consapevole del tuo tempo soggettivo”.

Sei riuscito ad ascoltarla? è una meditazione basata sullo “scorrere del tempo” che per anni è stata esclusivo appannaggio di musicisti e “ipnotisti classici“.

Infatti oltre a darti tutti i vantaggi della meditazione vipassana o mindfulness (perché ti costringe a restare nel presente dandoti l’opportunità di “osservare ciò che esiste davvero” in questo caso il suono), ti permette di migliorare il tuo “senso del tempo”…e dato che tutto l’universo si basa sul “ritmo” penso che il sia un ottimo esercizio 😉

Come abbiamo visto molte volte il tempo è soggettivo e psicologico, cioè è dipendente dal tuo stato mentale. Se ti senti bene questo tende a velocizzarsi mentre se ci si trova male tende a rallentare… ma non sempre è così.

Si può infatti apprendere a fare il contrario, ma non è questo lo scopo di questo esercizio. Che, al contrario dei passati esercizi su questo argomento, serve esclusiva-mente come “meditazione”. Ma invece di concentrarci sul respiro, sul corpo, oppure su qualche immagine si concentra sul “tempo”.

Questo permette di migliorare la tua capacità di stare nel presente e allo stesso tempo di scoprire come gestisci il tuo tempo mentale“, osservando da vicino quanto riesci a restare nel presente e quanto riesci a “dilatare o contrarre” il tempo…diventando sempre più consapevole delle tue abilità personaliecco  come fare:

1) Quaderno: l’uso del quaderno in questo esercizio sarà simile a quello che ne fa un atleta quando si valuta. Ma qui sorge un piccolo paradosso, come fai a basare una meditazione sulla prestazione quando il suo scopo è quello di “restare nel presente”? ecco devi dimenticarti della performance per concentrarti…

2) Metronomo: procurati un metronomo di qualsiasi tipo esso sia, digitale o analogico…oppure se hai Iphone o Ipad puoi scaricarlo da qui. Oppure per windows puoi scaricarlo da qui. Setta il metronomo a circa 40 battiti al minuto, evita di preoccuparti perché potrai divertirti più tardi a variare i Bpm.

3) Meditazione: inizia a portare “gentilmente” (cioè senza fare troppo sforzo) la tua attenzione sui singoli battiti. Fai esattamente quello che faresti se dovessi meditare portando consapevolezza al corpo, con il body scan, oppure al respiro, ma fallo con i singoli “click” che ascolti.

4) Distorci: inizia ad immaginare che fra un battito e l’altro tu possa disegnare una linea…e via via che ascolti puoi immaginare che questa linea diventi seeeemmmppppreee piùùùùù luuuunggggaaaaa 🙂 Scegli la metafora visiva che preferisci per descrivere questo “spazio fra un battito e l’altro”. A me piace immaginare un “ping pong”, come se una pallina rimbalzasse da un punto all’altro.

5) Medita: abbandona la metafora visiva e resta nel presente ad ascoltare i singoli battiti, se la mente tende a tornare alla metafora o a pensare ad altro…lascia che il pensiero arrivi e se ne vada, senza sforzarti di allontanarlo. Riportando, in modo gentile, la tua attenzione sul battito…sul presente.

Finito! “Genna ma del quaderno che cacchio me ne faccio?” Ottima domanda 😉 vedi questa è una meditazione e di fatto “il giudizio” è qualcosa che bisogna evitare restando nel presente, almeno fino a quando stai svolgendo l’esercizio. Ma se il tuo obiettivo è quello di trasferire questa abilità a qualcosa di concreto, puoi utilizzare diversi metodi – molti dei quali sono già stati descritti su PsiNelprocedendo in questo modo:

Semplicemente, guarda l’ora prima di iniziare e scrivila sul quaderno, ascolta il metronomo ed immagina di tracciare linee o qualsiasi cosa desideri…quando senti di aver ottenuto una buona “distorsione temporale”, fermati valuta che quanto tempo potrebbe essere passato e poi controlla l’ora.

Questo è solo “un giochino” per allenare la mente, mentre la meditazione temporale è qualcosa che può darti molto di più. Intanto ti permette di variare la tua pratica di meditazione e di arricchirla, e poi permette di rendersi conto della “natura del tempo e della sua relazione con i nostri pensieri”…un modo speciale di conoscersi e migliorarsi.

Qualcuno ha definito la meditazione come uno stato di “coerenza e di sintesi delle proprie parti interiori”, e quando riesci a sperimentarlo anche con il “tempo” inizi a chiederti se esista una coerenza universale… un po’ come quella descritta dai campi morfici… entrare in risonanza con il tutto…ma questa è solo fantasia.

Ti è piaciuto? fammi sapere come ti è sembrato lasciando la tua “testimonianza” qui sotto.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Mindfulness: Le 9 attitudini mentali di Jon Kabat-Zinn
Meditazione e stress: “Come staccare davvero la spina…restando in equilibrio”
Ipnosi e meditazione: differenze e similitudini …per quanto possibile ;-)
Meditazione Guidata In 5 Passi
4 Commenti
  • no no, funziona, non devi cliccare su "scaricarlo" ma su "da qui"
    prova e vedrai

  • La meditazione mi stuzzica! ^_^
    Il link per il metronomo di windows però non funzia! 🙁

  • Mi piace! Anche perchè mi è già capitato di farlo. Intendo ascoltare il metronomo e concentrarmi sui click. Ad un certo punto sembra che tra un click e l'altro il tempo si allunghi..

  • ciao genna, volevo sapere sui post che fai per fare bene l'esercizio si deve ascoltare anche l'audio oppure va bene solo leggere? perche sinceramente preferisco leggere 🙂
    genna cosa mi consigli quando succedono situazioni stressanti per calarmi, per esempio mi è capitato di litigare con la direttrice del bar, mi stavo arrabbiando di brutto e non ragionavo bene, quindi non riuscivo a essere logico al 100%
    grazie 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK