Amore, Relazione e Linguaggio: Evoluzione Sociale Della Mente

Ciao,

il cervello ha bisogno di amore? con molta probabilità
la risposta è affermativa, ma per comprenderla dobbiamo
prima fare un salto immaginario dentro quella che viene
anche definita “psicologia evoluzionista”. Si tratta di
una branca della psicologia che vede la formazione del
nostro modo di pensare in base all’evoluzione della specie.
Viene da se che questa intuizione nasce dalla teoria più
famosa al mondo “l’evoluzione della specie” di Darwin.
Come ti racconto spesso il nostro meraviglioso cervello
non è tanto diverso da quello dell’Homo Sapiens apparso
circa 200.000 anni fa. Così quando schivi un ostacolo in
auto, quel batticuore che percepisci è lo stesso che
sentivano migliaia di anni fa quando si sfuggiva ad una
bestia feroce. L’uomo mette piede su questo pianeta in
modo decisamente svantaggioso, bipede, senza pelliccia
ne artigli…per evolversi dovrà fare affidamento solo sulla
sua capacità di risolvere problemi, cioè l’intelligenza.
Per comprendere le situazioni l’uomo ha dovuto
sviluppare un sistema per classificare il più rapidamente le
informazioni in categorie. Ancora oggi abbiamo lo stesso
modo di classificarle, conosciamo una persona e solo dopo
pochi secondi crediamo di averla “già capita”, ci basiamo su
stereotipi per prendere ogni decisione della nostra vita.
In pratica è come se avessimo un computer meraviglioso
ma che continua a girare con un software vecchio.
Fortunatamente gli psicologi hanno anche compreso come
con l’evolversi della cultura gli stereotipi si possano modu-
lare…ma non eliminare per sempre.
Per cui abbiamo un sistema vecchio, su cui girano programmi
obsoleti, ma anche programmi nuovi della nostra società.
Che cosa succede se fai girare un software nuovo su di una
macchina vecchia? bhe, di solito neanche s’installa 😉
Se s’installa questo significa che in qualche modo esiste una
predisposizione a modificare il nostro pensiero che è soggetto
a continui aggiornamenti, anche se noi non ce ne rendiamo
conto. Questa è la meraviglia della plasticità cerebrale.
Ok Genna è tutto molto interessante, ma cosa c’entra
tutto questo con l’amore e l’evoluzione della mente?
E’ difficile introdurre un argomento vasto come questo, dato
che io adoro questo “punto di vista psicologico” in grado di
dare un sacco di spiegazioni al nostro comportamento.
Robin Dunbar dell’Università di Liverpool ha scoperto che
la dimensione del cervello nelle scimmie antropomorfe è
direttamente proporzionale alla grandezza del gruppo in cui
vivono… o del loro clan. Più è grande questo clan è più è
estesa la loro corteccia cerebrale. Perché???
Secondo Dunbar questo fenomeno accade per due ragioni:
la prima è legata al tenere sotto controllo tutte le relazioni
sociali che intercorrono, la seconda è legata al fatto che più
si è …e più diventa facile scambiarsi effusioni. Le
scimmie lo fanno toccandosi e spluciandosi…ovviamente
il gruppo non può essere enorme altrimenti non avrebbero
il tempo materiale per pensare ad altre questioni legate
alla sopravvivenza, come procurarsi il cibo e difendersi.
Nelle scimmie il numero ideale sarebbe dai 50 ai 55
membri del clan mentre, sempre secondo Dunbar per
l’essere umano il numero è di circa 150 individui.
Ed effettivamente se pensi con quante persone stringi un
legame vero, è difficile pensare che siano più di 150. Gli
stessi social media lo dimostrano, su 2000 amici che ho
su facebook, sono sicuramente meno di 100 quelli che mi
conoscono dal vivo e con i quali ho relazioni sociali nel
mondo reale.
“Ok Genna, anche se conosco 150 persone è impossibile
che passi la giornata ad accarezzarle tutte”
Ed è (anche) per questo che, secondo il ricercatore, è nato il
linguaggio…per dare una “carezza acustica”. Grazie a
questo sistema si sono potuti creare gruppi più numerosi
ed organizzati. Se ci pensi la maggior parte delle nostre
comunicazioni con gli altri sono basate sugli altri…ed è
forse anche per questo che i giornali di gossip sono fra i
più venduti in assoluto (purtroppo;)). Perché ci piace
parlare e sentire parlare degli altri… delle relazioni che
questi hanno ecc…
Quando vieni accarezzato o quando ricevi un apprezzamento
il tuo cervello secerne serotonina, che oltre a farti sentire
bene aiuta il cervello a crescere e a generare buone idee.
E’ questo il passaggio dedicato all’amore, è probabile
che avendo letto il titolo di questo articolo tu abbia subito
pensato (rifacendoti alle categorie oggi più frequenti sul
web) a concetti mistici o spirituali… Invece l’amore di cui
volevo parlarti è legato ai gesti affettuosi che facciamo e
al perché, secondo la psicologia evoluzionista è necessario
scambiarsi amore… per far crescere il gruppo, migliorare
le relazioni sociali…e sopravvivere il più a lungo possibile.
La storia ci ha lasciato un affascinante esempio tratto da
un esperimento del XIII secolo effettuato da Federico II
il quale voleva sapere se, tenendo lontani i neonati da
una qualsiasi forma di linguaggio avrebbero preso a
parlare una specifica lingua, in questo modo si sarebbe
potuto sapere quale è la “lingua naturale”. Il suo
cronista San Salimbene da Parma (1926) ci racconta
che tutti quei bambini sono morti. Oggi sappiamo che
un bambino tenuto lontano dal linguaggio non solo
non creerà un linguaggio tutto suo, ma non ricevendo
questa forma di amore…rischia addirittura la morte.
Dal punto di vista dello sviluppo personale è molto bello
pensare che le parole che utilizzi siano come delle perle
di amore che dispensi alle altre persone. E che queste
“perle” possano accrescere le loro menti… e in sincronia
accrescere anche la tua. Ogni volta che conosci una
persona nuova dovresti tenere a mente che il tuo
cervello sta “entrando in palestra”… questo non significa
che devi stringere per forza 150 relazioni strette…ma
che cimentarsi nella socializzazione fa bene a te e agli
altri.
Ma non solo, cimentarsi nel socializzare ti permette di
scoprire come “dare amore acustico” nel modo migliore
per una persona. Forse è anche per questo che oggi
siamo così attratti dalle tecniche linguistiche… oltre al
fatto che possono proteggerci e ci danno in mano uno
strumento potente per “con-vincere” gli altri.
La capacità di creare buone relazioni è la chiave per
il successo in qualsiasi campo. Che tu faccia l’operaio
o il venditore, saper creare buone relazioni con i tuoi
clienti o con i tuoi collaboratori è di vitale importanza
per la qualità della tua vita. Ecco quattro consigli per
migliorare le tue relazioni attraverso il linguaggio:
1) Cura le relazioni: spesso diamo per scontato che
quell’amico o quel parente o addirittura il nostro partner
sia accanto a noi. Abbiamo la cattiva abitudine di pensare
che una volta conquistata una relazione questa resti
sempre uguale… e invece cambia ed è necessario curarla
se vuoi che duri a lungo.
2) Impara a comunicare: oggi esistono centinaia di
modalità per apprendere come comunicare al meglio.
Ci sono corsi audio e video, corsi dal vivo, gruppi ed
esperienze collettive…ecc. Informati e impara di più
su come dare “carezza acustiche”.
3) Non esagerare: gli studi che hai appena visto dicono
chiaramente che la grandezza ideale per le relazioni sociali
è di 150 persone… evita di cercare di stare dietro a molte
più persone. Perchè rischieresti il noto overload che oggi
è presente in ogni attività umana… cura le relazioni che
ti sono più vicine e che ritieni più importanti.
4) Socializza: conosci nuove persone, non solo per
allargare il tuo eventuale gruppo di amicizie (sempre se
non superano le 150;)) ma soprattutto per allenarti nel
farlo.
Mediamente: nasci in una famgilia, poi vai all’asilo e
poi a scuola, i gruppi dello sport…ecc. Fino almeno alla
età di 20 hai un sacco di opportunità per socializzare.
Anzi la socializzazione è quasi inevitabile, ma più
cresci e più diventa difficile questo passaggio, per
questo devi allenarti a farlo. Ricorda che meglio
riesci a creare alleanze e migliore sarà la qualità della

tua vita. Lo sanno anche gli scimpanzè 😉

Fammi sapere cosa ne pensi! vuoi aggiungere
qualche consiglio in questo senso…scrivilo qui sotto
fra i commenti.
A presto
Genna
Ps. a prposito di socializzazione il 16 e il 18 sarò a Roma
a socializzare con oltre 1000 persone per il Forum delle
Eccellenze…tu ci sarai? fammelo sapere mi piacerebbe
conoscerti 🙂

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Psicologia del Benssere: “essere felici è una scelta ed una abilità?”
Sviluppo Personale: “mens sana in corpore sano…più serotonina e meno aggresività”
Psicologia: “l’Era della Attenzione”
PNL: “maestro della comunicazione con il grande fratello?” ;))
1 Commento
  • eccellente questo post!
    Proprio del tipo che piacciono a me, di "psicologia olistica" e teorie incrociate 🙂

    Avrei tanto, forse troppo da commentare… ma mi limiterò a dire che molte cose mi sono chiare, adesso. Grazie

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK