Psicologia e PNL di Nuova Generazione

Ciao,

da tempo mi stai chiedendo che cosa ne penso della ormai nota “L’Evoluzione della PNL“, infatti da quando è uscito il libro c’è un vero continuo vociferare.

Come ti ho già detto è un testo davvero molto carino e completo, che parte dalla storia della PNL per srotolarsi fino al presente e dare un piccolo sguardo al futuro.

Gli autori fanno notare come la PNL si sia evoluta seguendo quelli che loro chiamano le tre “menti”: la mente cognitiva, la mente somatica e quella di campo.

Una teoria molto affascinante, tripartita come tante altre (psicoanalisi, psicosintesi, analisi transazionale, ecc.). Che rende la PNL di Nuova Generazione sempre più una forma di “studio psicologico“… seguimi e capirai perché…

Probabilmente sai cosa penso della PNL, e nonostante nel libro ci siano tanti bei rifermenti ad Aristotele e ad altri autori, per dare alla PNL una sorta di epistemologia assestante dalle altre discipline, continuo a ritenerla una “branca della psicologia“.

Primo perché è innegabile che si tratti di una teoria psicologica di come funziona la mente e secondo perché ha attinto a piene mani dalla psicoterapia prima e dalla psicologia “in generale” dopo.

Nel testo “Levoluzione della PNL” si fa riferimento a come sia passata dalla psicologia individuale a quella sociale.

E’ esattamente quello che ha fatto la psicologia e la psicoterapia. Ma non è una scoperta recente, fra i veri pionieri in questo campo ci sono di certo i famosi esponenti del M.R.I. di Palo Alto.

Watzlawick lo rappresenta in un modo sublime attraverso una analogia…dicendo:

Se do un calcio ad una pietra, questa prende la mia forza cinetica e si sposta in base ad essa. Ma se do un calcio ad un cane, questo si gira e mi morde“.

Con questa affermazione Watzlawick voleva intendere che è impossibile studiare l’uomo senza analizzarne le persone ed il contesto d’interazioni che lo circondano.

Il suo era un non troppo velato attacco alla psicoanalisi e ai comportamentisti di quell’epoca. Per cui, tornando alla PNL, la psicologia e con essa la psicoterapia si era già spostata verso l’aspetto psicosociale.

Ed è per questo che oggi uno psicologo non può non conoscere gli affascinanti studi che ogni giorno vengono proposti dalla psicologia sociale e sperimentale.

Nel libro si trova è anche una candida dichiarazione: “Non a caso le persone inizialmente prese a a modello […] erano i fondatori del movimento sistemico nel campo della psicologia e della terapia: Gragory Bateson, Virginia Satir e Milton Erickson” (p. 153).


E il cervello nel cuore? è una gran bella scoperta che insieme a quella del “secondo cervello enterico” dice in pratica come il cervello sia esteso in tutto il corpo e guarda caso in quei luoghi che da sempre indichiamo come fonte di risorse e di disagi.

Poi la PNL, con la “mente di campo” prende una piega un po’ esoterica. Una mente globale che trascende e unisce tutte le altre.

Qualcosa di molto simile alla trascendenza mistica e agli studi di Jung sull’ inconscio collettivo. Qualcosa che è provato a livello subatomico (per una qualche misura) ma non ancora nel “nostro mondo”.

Questa derivazione la possiamo trovare, nuovamente anche in psicologia con la psicologia transpersonale.

Che attinge a diverse conoscenze tratte dalla spiritualità e dalle tradizioni orientali. Tanto che oggi la chiamano anche come “psicologia orientale”.

Ma ciò che mi piace della PNL in questo senso (e ti faccio presente che mi sono sciroppato più di un corso dove, “quasi a sorpresa” mi parlavano di aurea e compagnia bella, compreso uno con Dilts;)) e che si occupa di modellare “come una persona genera quello stato” piuttosto che abbracciarne le convinzioni (come ad esempio: “è un dio azteco che ci dona la forza” ;)).

Come vedi la PNL non ha fatto altro che seguire le diverse epoche della psicologia. E ti assicuro che volendo potrei andare ancora più nello specifico e mostrarti come anche i suoi albori siano stati caratterizzati da una prima fase per così dire “cognitivo-comportamentale” per poi passare a quella più “cognitiva-sociale”.

L ‘intento non è mostrare che fosse già presente in psicologia, per cui dire che erano tutte “cose già viste”. Ma mostrare che la PNL sta un po’ recuperando terreno …

…quando la PNL ha iniziato ad essere meno sul clinico e più sul lavoro, che corrisponde con la maggiore attenzione al lavoro con i gruppi nella sua seconda fase. Ha anche

assunto un aspetto da “formazione per vendere pentole”, con tutto il rispetto per chi fa la nobile professione del venditore. Credo che tu abbia capito che cosa intendo 😉

Attraverso la moda iniziale per la spiritualità, un misto di newage che a me poco è piaciuto, la PNL è riuscita ad allontanarsi da quello che stava diventando…

Il libro poi ci parla di come vi siano “interventi lunghi”ed è la prima volta che in un libro di PNL non si afferma che “attraverso le tecniche è possibile guarire una fobia in 5 minuti e gli attacchi di panico in 10!”.

Anche perché, lascia che te lo dica una persona che lo fa davvero con i propri pazienti, non è affatto vero 😉

Si è possibile alleviare dolori e superare piccole paure in pochi istanti, ma risolvere problemi annosi di ansia e attacchi di panico non è così rapido e semplice come vogliono farci credere.

Altre cose che ho notato che mi hanno spinto ad intitolare questo post “psicologia e PNL” è il suo evidente avvicinamento agli psicologi, almeno qui in Italia: se prendi gli ultimi libri di Bandler su tutte le copertine troverai testimonianze di psicologi e psicoterapeuti.

Robbins si è messo a lavorare con la Madanes, una delle esponenti più importanti della psicoterapia breve. La time-line e Tad James stanno svolgendo sempre più studi clinici, insieme ad altri come gli Andreas (che sono psicologi) ed altri … perché???

Perché la PNL è psicologia e poi perché se vuoi far evolvere qualsiasi campo della conoscenza devi per forza confrontarti con chi fa già quel mestiere. E tu per primo, “praticante della PNL”, devi conoscere le teorie della psicologia clinica e sociale, altrimenti si rischia di scoprire sempre qualcosa che era già stato scoperto.

Oppure, nel momento in cui ci si imbatte in qualche scoperta interessante non si hanno glistrumenti per comprenderne il significato. In Italia abbiamo anche una scuola di psicoterapiache utilizza la PNL come modello di cambiamento.

Questo non è un dato da sottovalutare, perché per essere riconosciuti dal MIUR come scuola è necessario presentare le “evidenze” dell’efficacia del metodo.

Il modello di riferimento è Europeo è prende il nome di PNL terapeutica o NLPt… insomma un bel “restauro” per la bistrattata PNL da piazzista 😉 

L’Evoluzione della PNL dà modelli innovativi e davvero poco conosciuti, come il modello PNL-Soar che mi è parso molto interessante anche se complesso.

Neanche nel primo libro a cui s’ispirano gli autori, si arriva a tanto e se hai mai letto “Programmazione Neurolinguistica” sai a cosa mi riferisco 😉 .

Ho apprezzato il tentativo di creare una “teoria del campo unificato della PNL“, ma nella sua descrizione esiste già…è la psicologia …anzi, è psicologia neurolinguistica :

Degli autori scrivonoRecenti sviluppi nelle scienze cognitive, quali la teoria dell’informazione, la psicologia cognitiva, la psiconeuroimmunologia, le neuroscienze e la PNL stanno solo cominciando a svelare alcuni dei misteri della mente.

Una buona parte della mission della next generation è quella di espandere le frontiere della nostra comprensione per trarne applicazioni pratiche“. (p.178 il grassetto e corsivo sono miei).

In pratica utilizzare le ricerche scientifiche per allargare il “campo della PNL” – che se guardi bene è stato infilate in mezzo a cose che si trovano su livelli logici differenti (se capisci perché scrivilo fra i commenti) – La “PNL” deve essere per forza”psicologica” per questo “scherzando” gioco con sul nome del blog.

Concludendo: L’evoluzione della PNL è davvero un bel libro che ti consiglio anche e forse soprattutto se sei alle prime armi. E tu l’hai letto? fammi sapere che cosa ne pensi lasciando un commento.

Credo proprio che gli interessanti argomenti che solleva il testo saranno oggetto di molti altri post,visto che il new code e la next generetion sanno molto di ericksoniano 😉

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
La PNL è una bufala?
I Segreti del Metamodello della PNL…”moderna”
Certificazioni e Competenze
PNL: “New Code – il Nuovo Codice di John Grinder” Vol. 1
11 Commenti
  • È la prima volta che ti leggo e con ogni probabilità ti leggerò in futuro. Sono una laureanda in psicologia studiosa di PNL e crescita del potenziale umano. Trovo il tuo articolo interessante e con tanti spunti di riflessione. Interseca bene gli aspetti principali e spesso confusi di ogni approccio da te menzionato. Mi piacerebbe leggere altro di quello che scrivi (lo farò sicuramente) e avere occasione in futuro di poter dialogare con te di queste tematiche. Grazie

    • Grazie Lara, cerca qui su Psinel PNL e troverai tanti altri post e podcast su questo argomento che seguo con interesse da anni.

  • Ho trovato questo articolo veramente interessante..perché mi ha dato la possibilità di estrapolare concetti miei , eh direi anche che la psicologia neuro linguistica in genere è fondamentale, semplice, e soprattutto mi appassiona, per quanto potrebbe sembrare strano o ridicolo, vera..!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Bhe, Saturday, pregare per qualcuno è una buona strategia …

    a parte gli scherzi, quindi tu e palude siete la stessa persona oppure tu e Roberta? 😉

  • Saturday night fever
    Rispondi

    Beh: prego.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ah dimenticavo Palude…
    grazie 🙂

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Palude,
    finalmente qualcuno che se ne è accorto 😉 scherzo…so che è difficile mettersi a leggere un post così lungo, ma credo davvero che ci sia bisogno di maggiore CHIAREZZA nel panorama italiano dello sviluppo personale..e anche in quello delle torri d'avorio dei nostri "vecchi e vetusti" psicologi 😉

  • Questo post è una bomba. Serve davvero a incorniciare le cose e collegare i puntini.

    Per una volta nessun esercizio, ma posso dire che è un post motivante: non per nulla mi ha fatto venire voglia di saperne di più!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Grazie Roberta:)

  • Ciao! Ho appena scoperto il tuo blog e lo trovo molto interessante, dinamico, "fresco" e ricco di informazioni utili. Complimenti!

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK