Come Smetterla Di Farsi Raccontare Bugie

Ciao,

di questi tempi sembra proprio un titolo “politico” ma nonlo è! Uno sconosciuto ci mente circa 3 volte dopo solipochi minuti di conversazione, noi siamo immersi nellebugie. Ti ho parlato molto di questo argomento perchéè un argomento che mi affascina, in quanto bugiardoconsapevole. Ricercando ho trovato un video davveromolto interessante su come “smetterla di farsi direbugie”. Lo so ti sembrerà strano ma è ciò che affermaPamela Meyer una brava autrice americana espertadi bugie, che ha avuto l’onore di fare unapresentazione al TED…

Se mi segui saprai in anticipo il 99% delle cose chedice, ti mostra qualche segnale da osservare…ma lacosa più bella sono i video di personaggi famosimentre mentono 🙂

Sei riuscito a vederlo? ricordo che dovrebbero esseredisponibili i sottotitoli in italiano. Hai visto i video di cuiti parlavo? sono davvero molto espliciti, e devo dirti cheè la prima volta che ne vedo di così espliciti. In modoparticolare mi riferisco a quello delle due madri, conil sorriso di compiacimento finale. Le argomentazionidella Meyer mi piacciono molto, perché partono dalpresupposto che tu sia co-responsabile delle bugie chegli altri ti raccontano. “Le bugie sono collaborative”afferma, ed effettivamente lo sono…

…l’aspetto che maggiormente mi affascina è quellolegato ai “confini” di cui abbiamo parlato qualchetempo fa. Ma prima di parlarne vediamo qualisono le informazioni interessanti che la scrittrice,autrice di un testo “Liespotting”. La Meyer ci mostracome le bugie facciano parte della nostra cultura,del nostro “tessuto sociale”… nonostante siamotutti dichiaratamente “contro le bugie” le accettiamo.Questo anche…e soprattutto perché la menzogna haun valore evolutivo, ed è uno dei primi mezzi che ilbambino scopre di poter utilizzare per manipolaregli altri.

Continua dicendo che le bugie sono accettate perchécolmano il divario che tutti, in un qualche modoproviamo, fra come siamo realmente e come invecevorremmo essere. In altre parole, un modo per evitaresia che gli altri ci raccontino bugie e sia di raccontarnetroppe noi, è quello di conoscere se stessi. E’ quello disapere “che cosa vogliamo veramente”. Questo sesegui il mio blog non sono parole “gettate al vento”perché (ad esempio) puoi iniziare a conoscerti megliocliccando qui e scoprendo quelli che vengono anchechiamati “valori”.

Poi l’autrice distingue i due grandi indizi da cui èpossibile smascherare le menzogne: quelli linguisticie quelli legati al linguaggio del corpo. E’ qui non faaltro che elencare tutti quei dettagli che puoi trovarenei miei vecchi post ma per riassumerli brevemente,chi mente nega fermamente ciò che dice, e lo fa inmodo ripetitivo; aggiunge molti dettagli inutili;non è in grado di ripetere la sequenza logica deglieventi se sottoposto a numerose domande…ecc.

Mentre per quanto riguarda quelli non verbalidice una cosa “sacrosanta” tutto nasce dal saperosservare le incongruenze fra ciò che una personadice e ciò che una persona fa. Per cui ti mostra unfilmato carino di Kennedy mentre, afferma con leparole ma fa un chiaro gesto di dissenso con latesta. Oppure, fa una battuta divertente dove timostra Obama che sembra proteggere sua moglieda Strauss-Kahn 🙂 Poi ci parla dell’importanza disaper riconoscere una singola micro espressione,il disprezzo.

Ma torniamo un attimo ai confini, in fin deiconti ciò di cui parla Pamela Meyer per evitare chegli altri ci mentano è sapersi conoscere, per cui avereben chiari i nostri confini personali…quali sono lenostre “regole morali” e saperle comunicare in modoesplicito agli altri. Lei parla proprio di schiettezza edi aumentarla per comunicare agli altri che non glipermetteremo di prenderci in giro…magari anchese lo fanno “con tutti” o sembra “accettato da tutti”.

E infine fa un bel discorso dove dice: “…in questomondo un po’ rumoroso avrebbe senso diventare piùespliciti riguardo al nostro “codice morale”. Quandosi combina la scienza del riconoscimento delloinganno con l’arte di saper guardare ed ascoltare,si riesce a smettere di diventare complici di chimente. Iniziate soltanto ad essere un po’ più esplicitiperché chi vi sta attorno se ne accorgerà, dite aglialtri “ehi mondo, il nostro mondo sarà un mondoun po’ più onesto…il mio mondo sarà un mondodove si valorizza la verità…e la falsità verràriconosciuta ed emarginata”.

A me queste parole piacciono molto, e a te? lasciaun commento qui sotto e fammi sapere che cosane pensi… puoi anche mentirmi 😉

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Sviluppo Personale: “il gusto delle cose”
Effetto placebo e nocebo nella qualità del sonno e non solo…
Sviluppo Personale: “I Griffin prendono per il naso il miglioramento personale” ;-)
“Hug Shirt” ed Emozioni Elettroniche
9 Commenti
  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao,

    come ti ho già accennato è difficile adesso trasformarsi in "investigatrice"…anzi oserei dire che è controproducente al massimo.

    Per cui…o accetti cercando di comprendere e di credere alle sue ragioni oppure andate ai "ferri stretti". Nel caso più disperato potete recarvi da qualche terapeuta della coppia che sappia darvi una mano.

    Ma di certo se insisti con il sospetto senza chiarimento le cose potrebbero andare molto male.

  • Ti ringrazio tantissimo per la tua risposta…il fatto delle bugie è terribile se non altro perchè purtroppo credo che quando mi ha detto che mi stava raccontando la "verità"….ho avuto la netta sensazione che la verità a cui si riferiva non era altro che una nuova bugia a giustificazione delle precedenti…purtroppo i miei sentimenti mi impediscono di mandare la storia all'aria, ma ho potuto verificare alcune cose, per esempio che quando dice una cosa poi stringe le labbra, quando dice una bugia e viene perdona il termine, sgamato, diventa una furia invece di ammettere di aver sbagliato, cambia proprio espressione, gli diminuisce la salivazione, poi si scortica il pollice e se mi guarda lo fa con occhi fissi…la cosa che più mi infastidisce è che dice lui di non fidarsi di me…non la capisco questa cosa…si rigira tutto…alla fine vuole far sentire a me in colpa perchè non mi fido di lui..dice sempre la stessa cosa "io ti ho detto tutto ora quindi ti devi fidare"…io gli dico che ci vuole tempo e la fiducia va riconquistata e lui risponde "anche io non so esattamente che hai fatto il giorno tot ma mi sono fidato"…io di errori ne ho commessi, ma non ho certo mentito su chi sono, al massimo su cosa avevo fatto, ma poi mi riesce difficile dire cavolate e gli ho raccontato sempre tutto.
    A te Gennaro ti sembra normale che la sua ex gli abbia regalato 13 anni fa il libro Dr. dr jekyll and mr hyde e la stessa cosa lo ha fatto il fratello nel 2003???
    Aiutooooooooooo!!!!

  • Ti ringrazio tantissimo per la tua risposta…il fatto delle bugie è terribile se non altro perchè purtroppo credo che quando mi ha detto che mi stava raccontando la "verità"….ho avuto la netta sensazione che la verità a cui si riferiva non era altro che una nuova bugia a giustificazione delle precedenti…purtroppo i miei sentimenti mi impediscono di mandare la storia all'aria, ma ho potuto verificare alcune cose, per esempio che quando dice una cosa poi stringe le labbra, quando dice una bugia e viene perdona il termine, sgamato, diventa una furia invece di ammettere di aver sbagliato, cambia proprio espressione, gli diminuisce la salivazione, poi si scortica il pollice e se mi guarda lo fa con occhi fissi…la cosa che più mi infastidisce è che dice lui di non fidarsi di me…non la capisco questa cosa…si rigira tutto…alla fine vuole far sentire a me in colpa perchè non mi fido di lui..dice sempre la stessa cosa "io ti ho detto tutto ora quindi ti devi fidare"…io gli dico che ci vuole tempo e la fiducia va riconquistata e lui risponde "anche io non so esattamente che hai fatto il giorno tot ma mi sono fidato"…io di errori ne ho commessi, ma non ho certo mentito su chi sono, al massimo su cosa avevo fatto, ma poi mi riesce difficile dire cavolate e gli ho raccontato sempre tutto.
    A te Gennaro ti sembra normale che la sua ex gli abbia regalato 13 anni fa il libro Dr. dr jekyll and mr hyde e la stessa cosa lo ha fatto il fratello nel 2003???
    Aiutooooooooooo!!!!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao,

    purtroppo è difficile darti una risposta, perchè costruiamo, delle persone accanto a noi una certa immagine e quando questa viene messa a rempetaglio da dubbi e sensazioni, una parte di noi "mente a noi stessi" facendoci sembrare tutto normale (è un fenomeno che noi psicologi chiamiamo dissonanza cognitiva).

    Se le bugie sono ormai verificate, cioè ti ha confessato determinati eventi, allora è meglio che tu metta le cose in chiaro e poi te ne DIMENTICHI… altrimenti il dubbio farà crollare la coppia.

    Puoi guardare nella "rubrica dedicata alle bugie" decine e decine di tecniche per sgamarlo… ma te lo sconsiglio per ora! primo perchè sono tecniche non facilissime da imparare e secondo perchè se hai dei dubbi, rischi di cercare di confermarli.

    Per cui, se vuoi leggiti tutti gli articoli (cosa che ti consiglio per capire come funzionano queste cose, non si tratta di guardare piccoli indizi ma di sviluppare una serie di abilità di osservazione) e poi…decidi con la tua testa.

    Fammi sapere
    Genna

  • Ciao,
    sono in crisi perchè penso che da un anno il mio fidanzato mi stia riempiendo di bugie…sul lavoro, sulla vita privata…mi ha raccontato un'altra sua identità da poco dicendomi che quello che mi diceva gli era imposto (non fa la spia però…o almeno)ma continuo ad avere la nettissima sensazione che le bugie non siano finite….inoltre prima che mi raccontasse la sua verità ha avuto degli atteggiamenti molto aggressivi…quasi violenti…non so che pensare…come faccio a capire se mente ancora? Lo fa così bene che gli viene naturale…ho difficoltà a capirlo…

  • Ciao Fede,
    si ho notato quando incorporo il video non tutti riescono a vedere i sottotitoli…

    E si, è quella discrepanza che descrive la Meyer…fra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere a spingerci a raccontare frottole 😉

  • Ciao Andrea,

    alcuni studi, che trovi tra i miei post, dicono che il canale migliore per svelare le bugie è quello aduitivo…e non quello visivo come pensano in molti.

    Comunque il principio è esattamente quello che hai ricordato…quello della coerenza. Ricordandoci sempre che ci deve essere un buon motivo per svelare una bugia 😉

  • genna ma i sottotitoli dove sono?
    un mio amico dice un sacco di bugie, e il bello è che lo capisco facilmente, ma il punto è che non capisco perche si inventa delle vere e proprie cazzate. sinceramente non gli ne ho mai fatto presente perche mi vergogno per lui che le sgamo hhehe

  • Ciao Genna,
    ottimi contenuti!
    Eccoti pero' una domanda: se dovessi avvalermi di un numero inferiore di canali sensoriali, come faccio a svelare le bugie dell'altra persona?
    Anche se sono non vedente, so che comunque un'occhiata sfugge dal controllo piuttosto che la voce.
    L'unico modo che ho per svelare le menzogne e' quello di usare il principio di coerenza, anche se neanche in questo caso bisogna generalizzare.
    Infatti attraverso questo principio riesco a confermare o smentire quello che credevo una menzogna ma dopo molto tempo…
    Tu cosa suggerisci, quindi, dal momento che non posso accedere al canale visivo, a parte ricalcare l'interlocutore, che potra', anche istintivamente, dare un messaggio subliminale a livello visivo, cosa di cui non potro' mai accorgermi, quanto meno a livello immediato?
    Grazie,
    Andrea

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK