Meditazione e salute: “il paradosso del solletico e la rivalutazione cognitiva”

Ciao,

ti sei mai chiesto perchè è impossibile farsi da soli il solletico?non ci avevi mai pensato? questa impossibilità deriva dalfatto che possediamo la capacità di distinguere gli stimoliesterni da quelli interni o autogenerati. Questaabilità è d’importanza vitale per ogni essere vivente, unqualsiasi animale possiede questa capacità, ovviamente alivelli differenti. L’essere umano è immerso in un mondodi complessità straordinariamente superiore a quello deglianimali, che non necessitano un’eccessiva consapevolezzadi se stessi. Ad essere brevi possiamo dire di avere 2 tipi di conspevolezza, quella enterocettiva, che si basa sulle nostre sensazioni interiori e fisiche, e quella cognitiva che si basa sulla nostra memoria bibliografica e su tutti i meccanismi del pensiero. Entrambiquesti meccanismi creano una rappresentazione interiore dinoi stessi… è da qui che si forma la nostra auto immagine. Ecome sanno alcuni appassionati di crescita personale essa èla responsabile di come ci comportiamo. Se ad esempio mivedo grasso (come nei casi di disturbo alimentare) sarò portato a mangiare meno o a sottopormi ad enormi stressfisici, oppure a sentirmi in colpa ogni volta che mangio. Avere una rappresentazione di se stessi, diciamo realisticaè una della basi per una buona salute mentale. Questimeccanismi di distinzione fra noi e il mondo ci permettonoanche di avere un regolamento migliore delle emozioni. Ecome probabilmente saprai, essere consapevoli di comeproviamo emozioni sta alla base della intelligenza emotivae di come ci relazioniamo con il mondo, per cui è necessariaalla nostra sopravvivenza. Nel 2007 Herwing U., Ochsnere J. Gross hanno fatto un esperimento interessante sullaconsapevolezza cognitiva nella modulazione delle emozioni. Hanno preso due gruppi di soggetti, al primo hanno dettoche, mentre sarebbero stati sdraiati in una risonanzamagnetica, sarebbero state presentate loro delle immaginialcune belle ed altre no ma che comunque nulla che potessefargli del male. Mentre al secondo gruppo non hanno dettonulla, solo che avrebbero visto delle immagini. Risultato isoggetti del primo gruppo che sapevano a cosa andavanoin contro erano in grado di applicare una rivalutazionecognitiva agli stimoli. I dati hanno dimostrato che questierano maggiormente in grado di restare calmi rispettoa quelli del secondo gruppo non avvisati. La rivalutazione cognitiva funzionava funzionava anche quando i soggetti non sapevano a cosa andassero in contro, maerano stati avvisati di cercare di restare calmi. A questi datisono correlate varie zone del cervello, che per comodità nonsto a raccontarti… la cosa che invece voglio mostrarti è chesi tratta delle stesse aree del cervello implicate durante lameditazione. E sono gli stessi ricercatori a far notare comelo stato di attenzione accentuato di alcune forme di meditazione possa aumentare la capacità di rivalutarecognitivamente gli stimoli spiacevoli e, in questo modo,controllare al meglio le emozioni. I ricercatori concludono affermando che un giorno potràesistere una sorta di macchina del biofeedback in grado dimostrare quando, durante la meditazione si attivano questicentri di controllo. E con l’addestramento (come già si facon il biofeedback) apprendere come modulare l’effetto diquelle emozioni che potrebbero farci stare male. Un esempio per tutti, e noto che l’ansia e il panico accrescanol’enterocezione, cioè la consapevolezza sul corpo e sui suoi”movimenti interiori”… agendo magari sulla consapevolezzasi potrà modificare la propria autovalutazione migliorandonon solo la vita delle persone ma anche le tecniche dimeditazione.Per ora il mio consiglio è sempre lo stesso, trova unatua pratica di meditazione… anche il semplice portare allaattenzione il tuo respiro. Che non significa respirare in unqualche modo strano, ma semplicemente diventare uno”spettatore del tuo respiro”. Nella Audio Newsletter trovitanti modi diversi per farlo, ed anche nel mio libro. In pratica non hai bisogno di una risonanza magnetica perfarlo, e ti assicuro che costa tantissimo ;D A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Crescita Personale: Ma quanto bisogna crescere davvero?
Formazione On-line: “eBook Reader e Ipad per una nuova formazione”
Effetto placebo e nocebo nella qualità del sonno e non solo…
Sviluppo Personale: “paralisi isteriche e i segreti perduti della psicologia” ;-)

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK