Creare Rapport secondo Owen Fitzpatrick

Ciao,

se sei stai leggendo queste parole è perché probabilmente sai di cosa si parla…quando si nomina il termine rapport. Si tratta della sintonia e del legame emotivo che si viene a creare fra due persone che entrano in relazione. La qualità di questo rapport determina l’efficacia di ogni aspetto delle relazioni umane, chi entra facilmente in sintonia con le altre persone ha molto più successo nella vita, nel lavoro e gode di una salute migliore.Perché, anche se molti non lo sanno, le relazioni

“fanno bene” e non solo.

Da ormai 40 anni formatori di stampo piennellistico hanno spinto sulla creazione “artificiale” di questo aspetto,insegnando il famoso “ricalco-guida“. Una tecnica molto

potente ma che può risultare inutile per diversi motivi, tutti legati alle intenzioni che hai e a come riesci a comunicarle.E, come ogni “tecnica” può essere usata bene oppure male. Guarda questo video:

Quello che hai appena visto è Owrn Fitzpatrick uno dei più giovani e preparati master trainer di PNL nominato da Bandler (con cui ha scritto diversi libri). Insomma una vera “rock star dello sviluppo personale”. In questo video, tra l’altro girato a Rimini in un suo seminario qui in Italia racconta questo concetto in modo semplice e applicativo.

Owen dice in sintesi, che tutti sappiamo che il rapport è una questione di “ricalco-guida”, nel trovare degli elementi da ricalcare che ci permettano di creare un legame inconscio con il nostro interlocutore. E fa diversi esempi, come il ricalco del respiro e del para-verbale, cioè delle inflessioni della voce. Ma dice che il modo migliore per ottenerlo è quello di avere un atteggiamento specifico “quello di aiutare in modo genuino la persona ad ottenere ciò che vuole”.

Quando hai la giusta attitudine, cioè non quella di”ricalcare e guidare per manipolare” ma per usare quella connessione per un bene comune, allora si diventa automaticamente attenti ai bisogni, ai valori e ai desideri del nostro interlocutore. Come ti dicevo in un altro post “una buona relazione è la causa diun buon rapport e non il contrario“. Owen parla di notare qualcosa che davvero ci piaccia nell’altra persona per facilitare questo “atteggiamento”.

Poi continua con gli aspetti tecnici, dicendo che una volta che hai davvero intenzione di ascoltare una persona sei attento a ciò che dice letteralmente e diventa facile così trovare le sue “parole chiave” e i suoi valori. Evitando di inserire la persona dentro a delle categorie… lui fa l’esempio dei metaprogrammi per i piennellisti, ma lo stesso capita agli psicologi con i loro “tratti” o alla gente comune con le proprie categorie e stereotipi.

Questo piccolo video ti mostra davvero una ottima chiave di lettura del rapport…che potremmo, in un modo un po’ semplicistico riassumere in...”se sei davvero interessato a ciò che sta dicendo l’altra persona non devi usare nessuna tecnica”..e aggiungo,a meno che tu non debba in seguito lavorare per il cambiamento di questa persona, un semplice e sano interesse, insieme alla consapevolezza allenata (per cui inconscia;)) di ciò a cui potresti prestare maggiore attenzione ti permettono di stabilire un rapport profondo e genuino.

Chiaramente, se il tuo scopo è utilizzare il rapport per cambiare le persone allora, devi aggiungere a questa sana attitudine di “attenzione proattiva” (così l’ha definita Owen) una serie di conoscenze tecniche e operative per “utilizzare” ciò che la persona ti sta dicendo e programmare nella tua mente la strada verso il cambiamento. Ma, prima di agire un qualsiasi cambiamento l’attitudine pro-attiva all’ascolto è la prima vera condizione, soprattutto se, come dice al termine del suo video, riusciamo a tenere lontane dal nostro “ascolto” tutte le categorie che abbiamo in testa...e questa è la sfida più ardua 😉

Fammi sapere cosa ne pensi.

A presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Richard Bandler: “come cancellare le brutte memorie”…
PNL: La Tv..Una palestra per la Calibrazione
PNL e Coaching raccontati da Claudio Belotti…
PNL: “la mappa non è davvero il territorio?”
8 Commenti
  • Ciao Genna! e' pazzesco…usando il consiglio di questo post unito all'ascolto attivo e al guardare negli occhi l'altra persona…sto notando che sono addirittura gli altri che mi ricalcano! E sto notando che entro in sintonia con gli altdi molto velocemente, senza contare che ho l'impressione che anche l'atteggiamento degli altri nei miei confronti sembra cambiato: magari e' un'impressione ma sembra quasi di essere diventato piu "piacevole"(simpatico) e quando parlo prestano piu attenzione a cio' che dico..non che prima non accadeva ma ora e'molto piu accentuato. Mi sembra quasi di avere i "super poteri" hahahaha! Grazie Genna!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ehi Nicholas meno male che qualcuno ogni tanto risponde al posto mio ;D
    Grazie Andrea 🙂

    Si concordo "PNL è libertà" è un bel libro dove Owen e Bandler chiaccherano e si rivelano vicendevolmente alcuni consigli.

    E' una sorta di chiaccherata in cui vengono toccati tutti gli aspetti della PNL, in maniera semplice e concisa.

    E' assolutamente da leggere, anche per notare come Bandler si sia ridimensionato negli anni. Cioè invece di scrivere peste e corna degli psicologi psicoterepeuti, ora che il "mondo è cambiato" utilizza altri toni…sempre in termini markettari ma sono toni più consoni.

    A tal proposito voglio farvi notare come sui recenti libri di Pnl i testimonial siano sempre psicologi. Addirittura in "scelgo la libertà", nella versione italiana, sulla copertina il testimonial è una psicoterapeuta.

    Grazie ragazzi… e continuate a rispondervi, mi fate un grandissimo piacere 🙂

  • @Nicholas Menghi
    Ciao Nicolas e tutti… scusa se rispondo al posto di Genna (Genna non me lne vlere ;)) ), se posso suggerirti un libro che Owen ha scritto con Bandler si intitola "PNL e' liberta'"… Comunque, da quel che ho letto, anche se non si parla specificamente di rapport ma generalizzando sul'uso della PNL nelle relazioni interpersonali e' assumere il giusto atteggiamento, cioe' ridere in primis di ses stssi e poi piu' in la' anche parlando di situazioni poco piacevoli. In pratica, come suggerisce Bandler, usare il "filtro per ridere".
    Tu cosa ne pensi, Genna?
    andrea

  • Molto interessante!
    Non ho mai letto nessun suo libro, hai per caso qualche titolo da consigliarmi? 🙂

  • Ciao Maiden,

    ci sono davvero molti modi per farlo, e mentre ti scrivo mi viene anche in mente che non ho ancora pensato alla ANL di questa settimana….

    …mmmm caro Maiden mi sa che utilizzerò il tuo spunto per creare un audio esercizio ad hoc per questo argomento.

    Per cui rimando la mia risposta completa a lunedì e ti ringrazio per l'idea 😉

    Genna

  • Ciao Stefano,
    sono d'accordo …anche con i "piccoli trucchetti" che sono sempre utili.

    Ps. sono stato via parecchio ora mi leggo con calma la tua proposta 😉

  • Ciao Genna, domanda un attimo offtopic.
    Come si fa ad avere la classica risposta pronta alle varie provocazioni o battute, in simpatia o in cattiveria?
    Esiste qualche metodo per sviluppare questa abilità?

  • Dopo aver passato diversi mesi a cercare di utilizzare tutta una serie di fini tecniche di PNL per creare rapport ed entrare in sintonia con le persone, sono anch'io arrivato alla stessa conclusione: avere un interesse genuino è il metodo migliore per entrare in sintonia!

    Certo però che alcuni piccoli trucchetti di PNL li utilizzo ancora, ma lungi da me il renderle parte fondamentale della mia interazione. Piuttosto mi autoconvinco di essere interessato, e il resto viene da sé!

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK