Psicologia: “il transfer delle abilità – lo sport sviluppa competenze da usare nella vita di tutti i giorni?”

Ciao,

una delle sfide più interessanti nell’ambito della psicologia sperimentale è quella legata al “transfer”…”no tranquillo non intendo il transfert analitico ma quello cognitivo“, cioè la capacità di trasportare abilità da un contesto all’altro.

Ad esempioscrivere gli sms può aiutare i giovani a migliorare il loro modo di scrivere?“. Domande come questa sono di fondamentale importanza per progettare “sistemi educativi efficaci“.

Un esempio “scolastico” è quello del Latino “imparare il latino può migliorare l’apprendimento di altre lingue?”.

Il caso su cui ci siamo imbattuti più volte è quello dei videogames: giocarci può rendere davvero più abilinel mondo reale? Può rendere più intelligenti? ecc…

Il transfer è per tanto sia qualcosa di “scontato”: se sei un musicista e suoni la chitarra ti sarà di certo più semplice imparare a suonare il basso. Ma è anche qualcosa di “misterioso e complesso” – fare le parole crociate accresce realmente il tuo lessico?

In pratica spesso alcune azioni ci sembrano portare certi risultati naturalmente (correre con una certa frequenza di certo migliorerà la tua resistenza nel nuoto) mentre altri collegamenti restano un po’ “misteriosi” (leggere Dante migliorerà il mio modo di esprimermi oggi?).

Il transfer ha un ruolo decisivo nella scelta dello sport da far fare ai ragazzi e non solo. Laura Chaddock e coll. hanno svolto un’interessante ricerca chiedendosi: male abilità di un atleta sono spendibili anche “nel mondo reale?”.

Per rispondere a questa domanda hanno reclutato diciotto atleti maschi e femmine e diciotto”non atleti”.

I due gruppi sono stati scelti cercando di trovare una similitudine in quanto avessero gli stessi risultati scolastici, età, altezza, peso ed esperienze con i videogiochi (che come abbiamo visto migliorano le abilità visuo-spaziali).

I soggetti sono stati invitati ad attraversare una strada virtuale in cui vi erano mezzi che viaggiavano ad una velocità media fra i 50 e i 60 Km/h.

In tutte le prove ai soggetti era stato detto di attraversare la strada in 30 secondi scegliendo accuratamente il momento più opportuno per attraversare, tenendo conto che non sarebbero potuti tornare indietro.

A me questo compito ricorda un videogame che avevo sul Commodore 64 in cui una graziosa ranocchia doveva attraversare la strada (se non ricordo male si chiamava “Jumpin gfrog”).

Entrambi i gruppi dovevano subire due “distrattori”: una conversazione sul più e sul meno con uno sperimentatore, oppure ascoltare della musica da un riproduttore Mp3 (I-pod).

Risultato: il 72% degli atleti ha completato con successo il compito, contro il 55%dei “non atleti”, dimostrando così una superiorità in questo genere di compiti.

Tuttavia, quando erano presenti le distrazioni entrambi i gruppi facevano lo stesso numero di errori. Secondo i ricercatori questo accade perché durante una prestazione sportiva i soggetti non ascoltano musica o chiacchierano del più e del meno.

Concludendo: una delle sfide attuali della psicologia è comprendere quali attività ne favoriscano altre. Anche se a volte può sembrare palese quali possano o meno attuare un miglior “transfer”, questo non è sempre vero.

Rileggendo gli articoli sui videogiochi, la giocoleria ed altri esercizi potrai facilmente renderti conto di come “piccole attività” possano migliorarti molto. Lo sport, ad esempio, ti rende più abile nell’attraversamento delle strade!

Fammi sapere cosa ne pensi!

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Apprendimento efficace: “auto-apprendimento generativo del prof. Sugata Mitra” (video bellissimo;-))
Sviluppo Personale On-line: Robero Re e Roy Martina
Intelligenza e uso del cellulare sono legati?
Gli anziani apprendono più lentamente?
5 Commenti
  • Wow! Thank you very much indeed :))

  • What a great web log. I spend hours on the net reading blogs, about tons of various subjects. I have to first of all give praise to whoever created your theme and second of all to you for writing what i can only describe as an fabulous article. I honestly believe there is a skill to writing articles that only very few posses and honestly you got it. The combining of demonstrative and upper-class content is by all odds super rare with the astronomic amount of blogs on the cyberspace.

  • Gennaro complimenti per il tuo Blog! Incuriosito da quanto hai scritto il giorno di Pasqua ti chiedo: puoi tarttare il tema della PAURA? Ciao Alberto

  • Interessante….
    mi viene in mente che forse la "trasferibilità" non dipende solo dal tipo di attività ma anche dalla persona che "trasferisce" (cioè con quanta facilità riesce a trasferire o meno). Certo che anche laddove il transfert risultasse più difficoltoso lo si potrebbe facilitare (trasferire risorse e abilità tra contesti differenti è il succo della pnl).
    Azzardando ancora di più si potrebbe pensare persino di operare al contrario rispetto alla ricerca che citi, Genna: si potrebbero strutturare certe attività (insegnare una materia, suonare uno strumento, attraversare la strada o farla attraversare da jumping frog :-)) sul modello di certe altre, per esempio imparare la musica come fosse un videogame, la danza come fosse una seconda lingua, prlre in itlno cm fss un sms….;-)
    f.

  • Hmm, non ci avevo mai pensato ad un'abilità del genere! Ma ora che mi ci fai pensare tu, effettivamente mi vengono in mente un sacco di altri esempi sul transfer. Da quanto ho capito dalle tue parole non si è ancora trovata una regola generale da usare universalmente in tutti i casi, e questo rende complicato descrivere il transfer, giusto?

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK