PNL Strategica: “Come interrompere i…Giochi di Potere…nelle relazioni”

Ciao,

la oggi parliamo di un argomento di grande interesse, i “giochi di potere” nelle coppie e in generale in tutti i contesti di relazione.

Ti sei mai accorto che quando frequenti una persona possono scattare dei “giochi di potere”?

Cioè dei comportamenti consci o inconsci che determinano uno squilibrio di “potere”?

In una relazione”sana” il “potere” dovrebbe slittare in modo dinamico fra le parti. Ma questo spesso non accade creando veri e propri circoli viziosi – la ANL di questa settimana ti mostra un esercizio per sbloccarli.

Sei riuscito ad ascoltarlo? Adesso magari ti starai chiedendo – “ma sti esercizi dove li prende Genna?”

Dato che mi piace citare le fonti, l’ho peso nuovamente dal libro di Steve Andreas “La costruzionedel significato” davvero un bel testo moderno e ben documentato (pensa che viene citato anche il nostro italiano Nardone). Un mix intelligente di “fuzzy logic“(modello logico moderno nella teoria della Rosch), psicologia e PNL.

 

Ecco la struttura dell’esercizio:

 

1) Relazione: ripensa ad una relazione che ritieni essere stata (o essere) squilibrata… quando l’hai trovata vedila nella tua mente come se fosse un filmato.

2) Diseguaglianza: scoprire chi si trova in stato di diseguaglianza, cioè chi nella relazione è inferiore o superiore…ecc… non è un compito semplicissimo dato che entrambe le parti “si tengono” in un circolo vizioso.

Nonostante questo è utile chiedersi “chi si trova in questo stato? Io o l’altro? Tu, ti senti superiore o inferiore? in quali contesti ti senti in quel modo?

3) Come: nota materialmente quali sono le azioni che permettono allo stato di disequilibrio di mantenersi. Che cosa fai tu per permettere questo? che cosa fa l’altra persona?

E’ utile creare un filmato dove tu guardi le cose accadere in seconda posizione, cioè come se tu stessi guardando il film della tua vita e tu sei uno dei protagonisti. Stai bene attento soprattutto al non verbale dell’interazione.

4) Obiettivo: la disuguaglianza è una scelta congeniale oppure preferiresti che ci fosse maggiore equilibrio?

Stabilisci in questo modo la direzione, cioè se vuoi che la relazione sia più o meno equilibrata e immagina, facendo un filmato nella tua mente, come sarebbe la relazione se vi fosse più o meno equilibrio. Questo ti permette di stabilire l’obiettivo delle tue azioni future, su come comportarti.

5) Opzioni e ricalco nel futuro: pensa a diverse opzioni, cioè combinazioni di modifiche che potresti apportare al tuo comportamento per equilibrare la situazione.

Quando hai almeno 3 opzioni diverse, immagina come sarebbe la relazione nel futuro se applicassi questi nuovi comportamenti o modi di vedere la situazione.

6) Testa: ora è il momento della pratica; vai fuori e attua i comportamenti che hai stabilito e nota se questo migliora o peggiora l’equilibrio nella relazione.

Molto probabilmente avrai riconosciuto uno dei pattern più noti della PNL: osservarsi e generare nuove opzioni nel comportamento…ma c’è qualcosa di più… c’è la capacità di osservare in modo sistemico la relazione dove entrambi gli attori si influenzano vicendevolmente in un circolo vizioso o virtuoso. Unendo insieme le metodologie del cambiamento della PNL con le teorie cibernetiche.

Fammi sapere cosa ne pensi e se ti piace il mio blog, iscriviti ai miei feed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Aiutarsi a superare il lutto con la PNL
PNL: I sistemi rappresentazionali
PNL: Robert Dilts e il “Segreto del Carisma”…
PNL: Rapport e rispecchiamento uno studio “scientifico”
6 Commenti
  • Ciao
    mi chiamo Lea
    sono completamente ignorante riguardo a tutti questi argomenti, solo curiosa e per questo trovo questo blog interessante e vorrei continuare ad approfondire certi argomenti.
    Forse questa domanda è stupida ma
    Mi chiedevo se in un rapporto percepissi una disuguaglianza dovuta ad un atteggiamento di sottomissione dell'altra persona come posso testare cambiamenti.. cioè non dipende da me in questo caso. Non posso io modificare le tendenze dell'altra persona… sbaglio?

  • Grazie Genna!Molto interessante…e' chiaro che in rapporti sani ed armonici, la superiorita' e l'inferiorita' siano da bandire….

    Andrea

  • Grazie per questo post meraviglioso. Ammirando il tempo e l'impegno che mettete nel vostro blog e dettagliate informazioni vi offrono.

  • Dici una grandissima verità Genna, praticamente tutti i rapporto sociali sono fortemente influenzati da questa dinamica che hai descritto: non solo quelli individuali, ma anche quelli sociali. Il fatto è che questa impronta è così forte che liberarsene è estremamente difficile, e farlo richiede veramente una fatica degna di nota e un esercizio costante. 🙂

  • Ciao Gennaro
    mi sono stupita della sincronicità con cui hai proposto questo esercizio, e io ho scelto di ascoltarlo ora, dopo un corso di comunicazione sana e uno sguardo all'impostazione dei rapporti… grazie, mi è piaciuto usare l'immaginazione, e tra un po' quando uscirò di casa… vedrò cosa succede!

  • Ciao, trovo l'esercizio interessante, se fatto con sincerità 😉 specialmente nel caso in cui, come me, gli attori quotidiani siano tre: genitori e figlia. Lo squilibrio di potere fra due influisce inesorabilmente sulla terza… Mi ricorda inoltre un capitolo de "La profezia di Celestino". Grazie, un saluto, Milena

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK