PNL: “New Code – il Nuovo Codice di John Grinder” Vol. 1

Ciao,

qualche tempo fa avevo scritto un post sugli “errori della PNL o meglio su di un “errore della PNL”. Fra i commenti di quel post un preparato lettore, Francesco, mi aveva fatto notare come quel punto di vista fosse simile al “New Code” di John Grinder il co-creatore della PNL. Incuriosito dalla sua preparazione e dal fatto che di “new code” so poco o nulla ho chiesto a Francesco se aveva voglia di illustrarlo ai lettori di PsiNeL. Con mia grande soddisfazione Francesco ha accettato e mi ha inviato un articolo oceanico sul New Code…pertanto ho deciso di spezzettarlo e creare una serie di post sull’argomento.

Editerò l’articolo inserendo qui e la qualche link che aiuti a chiarire alcuni termini utilizzati e al termine di ogni post inserirò un piccolo commento su “cosa ne penso” delle innovazioni inserite da Grinder…ringraziando ancora una volta Francesco ti auguro una buona lettura 🙂

*************************************************

Credo che tutti ricordiamo Mr. Miyagi ed il suo “metti lacera, togli la cera”. Ciò che stava facendo era predisporre per Daniel un contesto ed un’attività in cui le abilità che questi desiderava potessero svilupparsi ed emergere mentre l’attenzione cosciente era interamente altrove. Miyagi sapeva che, nel contesto appropriato, le nuove abilità sarebbero entrate in azione senza che la“mente conscia” dell’ allievo dovesse valutare la situazione, decidere come agire ecc…

Qualche tempo fa mi sono ritrovato tra le mani, dopo che per anni ed anni era rimasto nel dimenticatoio, un cubo di Rubick. Non ricordavo le regole e le fasi e così, nel tentativo di risolverlo continuavo a bloccarmi. Ad un certo punto però mi sono “distratto” parlando con qualcuno e,preso dalla conversazione e giocherellando col cubo, ho notato che le mie mani “ricordavano” alla perfezione le procedure per la soluzione.

Da adolescente ero uno skater. Ricordo la frustrazione del provare e riprovare un trick (una figura, una tecnica con lo skate board) e non riuscirci. E ricordo ancora meglio la sorpresa e la gioia che provavo quando, pensando a tutt’altro e scherzando con gli amici, improvvisamente il trick tanto esercitato riusciva naturalmente, con la spontaneità e l’eleganza tipiche della maestria. Provando a riprodurlo a volontà, ahimè, io ed i miei amici scoprivamo che le difficoltà riemergevano.

Questi tre esempi (e sono sicuro che ciascuno di voi ne potrebbe citare tantissimi altri tratti dalla propria esperienza) ricordano la nota storia del millepiedi cui fu chiesto dispiegare, nel modo più specifico possibile, come riuscisse a camminare coordinando così tanti piedi insieme e lui,tentando di rendersi consapevole di come effettivamente facesse, si bloccò e non riuscì più a muoversi.

Cosa c’entra tutto questo col New Code e la Pnl? Stiamo per arrivarci, assecondatemi ancora per un attimo.

In un interessantissimo articolo/intervista dal titolo “The sins of the fathers” (letteralmente: I peccati dei padri,ma sarebbe più appropriato dire Gli errori dei padri), John Grinder sostiene che lui e Richard Bandler avrebbero commesso degli “errori” nel tradurre la loro competenza, la loro conoscenza tacita (ciò che avevano imparato modellando terapeuti eccellenti) in conoscenza esplicita e trasmissibile.

New Code significa appunto “nuovo modo di codificare”o “nuova codifica”. Il New Code nasce infatti come tentativodi correggere quegli errori ed integra le esperienze e leevoluzioni ulteriori dei suoi autori. Naturalmente, come perla Pnl in generale, al giorno d’oggi non è possibile parlare di New Code tout court. Esistono infatti diverse interpretazionia seconda degli autori. Tuttavia possiamo dire che il New Coding nasce dalla collaborazione tra John Grinder e Judith DeLozier nei primi anni ottanta.

Grinder continuerà poi a sviluppare la sua idea di New Coding insieme a Carmen Bostick St. Clair, mentreJudith DeLozier darà vita ad una versione sua, leggermentediversa da quella di Grinder. Aggiungerò anche (rischiando una tirata di orecchie da John Grinder in persona) che il New Coding oggi si sovrappone parzialmente alle proposte più recenti di Robert Dilts e, non a caso, Dilts e DeLozier non hanno mai smesso di lavorare insieme sin dagli esordi della Pnl.

Nonostante le diverse versioni ed orientamenti, il New Coding nasce da una serie di osservazioni e riflessioni e possiede, diciamo così, un’anima e dei tratti comuni e trasversali a tutti gli autori ed è di questo che si occupa questo articolo: lo scopo è presentare una sintesi delle principali differenze tra Classic Code e New Code, in modo da poter avere un primo assaggio e poter insieme capire ed esplorare se e come il New Code possa aumentare e migliorare le scelte di cui dispone chi si interessa di Pnl.Vediamo più da vicino di che si tratta.

Uno degli aspetti del New Code in cui si evidenzia maggiormente la differenza con la Pnl “classica”, nonché uno degli aspetti più rilevanti, è il coinvolgimento della mente inconscia. Generalmente in un intervento di Pnl gli aspetti critici della situazione vengono identificati e definiti dalla mente cosciente. Si lascia cioè che sia laparte cosciente ad identificare quale sia l’aspetto dacambiare, quale debba essere l’obiettivo dell’interventoe, soprattutto, quali saranno le risorse da utilizzare e seci siano o meno implicazioni ecologiche da affrontare.

Ebbene, nel New Code questa tendenza si inverte. La mente cosciente viene considerata la parte meno adatta a trattare questi temi. Così il New Code propone una serie di aggiustamenti al Classic Code affinché si possa correggere operativamente questo “errore”. Un modo per farlo (per coinvolgere attivamente la mente inconscia e far sì che sia questa ad assumersi la responsabilità di selezionare i cambiamenti da fare, le risorse da utilizzare ecc.) è quello di stabilire dei segnali ideomotori…

…in modo che, durante le fasi critiche di un intervento l’operatore ed il cliente possano verificare il modo in cui si sta procedendo. Il modello di riferimento in questo caso èil 6 Steps Reframing, tecnica che Grinder considera l’esempio rappresentativo ideale del New Code. Infatti in questa tecnica la parte cosciente non fa altro che identificare ciò di cui la persona è insoddisfatta o da cui è disturbata. Mentre il modo in cui viene effettuato il cambiamento, grazie a quali risorse, con quali tempi ecc.sono tutte aree di competenza della mente inconscia.

Un altro modo per ottenere lo stesso risultato è fare in modo che nel contesto in cui si desidera operare un cambiamento si attivi quello che Grinder chiama “:content free high performance state”. Uno “stato di alta performance senza contenuto” è uno stato in cuila mente inconscia è libera di utilizzare le risorse di cui dispone. Le occasioni in cui le nostre prestazioni sono eccellenti in modo naturale…

…quelle occasioni in cui sentiamo che diamo il nostro

meglio senza nemmeno pensarci, in cui magari dopo non riusciamo a spiegare chiaramente, nemmeno a noi stessi, come abbiamo fatto e tutto ciò che sappiamo è che ci sentivamo bene e che tutto ci sembrava fluire in modo naturale e privo di sforzo, sono tutti esempi di situazioni in cui abbiamo avuto un accesso naturale, spontaneo alle nostre risorse inconsce.Nel New Code si fa ampio uso di “giochi”, di attivitàche hanno il preciso scopo di stimolare ed attivare un similestato. Questo stato-risorsa poi viene integrato nella situazione che si desidera influenzare.

Uno schema tipico del New Code prevede l’uso di ancore spaziali, l’identificazione di specifici Indicatori di Contesto (ancore contestuali per poi disporre un’operazione di future pacing), l’uso di “new code games”per l’accesso allo stato-risorsa ed infine l’integrazione delle risorse, che verranno associate agli indicatori di contesto.Lo scopo è rendere accessibili le risorse inconscenella situazione da modificare. Ancora una volta, proprio come nel 6 Steps Reframing, la persona non sa qualisaranno i cambiamenti, quali i nuovi comportamenti messi in atto ecc.

***************************************************L’articolo è molto bello e vedrai che si svilupperà ancora meglio, tuttavia per ora posso solo affermare che la differenza fra “vecchio codice” e “nuovo codice” è l’ipnosi. O meglio dare la libertà all’inconscio di scegliere, cose che solitamente chiamo “ipnosi” ;-))

Qui trovi la seconda parte dell’articolo

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: studi e storia della Cura Veloce delle Fobie…
Comunicazione Non Verbale: come individuare il leader…
Le Sottomodalità della PNL nella crescita personale moderna
John Grinder vs. Judit De Lozier: “Il Nuovo Codice Vol 3”
11 Commenti
  • "Modella" pure tranquillamente Genna…mi casa es tu casa

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Francesco
    e ciao Pablo,

    sono d'accordo con Francesco che, tra l'altro mi ha fatto ribaltare dal ridere con la metafora della prostituta 😀 che non mancherò di copiare…ops pardon…modellare ;))

    Dopodomani pubblicherò il secondo articolo di Francesco che sarà ancora più interessante 😉

    Grazie ancora a
    tutti per i preziosi
    feedback
    Genna

    Ps. qualcuno ha linkato il sito di purenlp che è una delle rappresentanze italiane di Grinder. Ok fare pubblicità a chi sto già facendo pubblicità, però invece di mandarmi il singolo link, scrivete un commento interessante e vi allegherò il corrispettivo link, che messo così (come me lo avete inviato) è solo spam 😉

  • Io penso che "la pnl" non faccia nè male nè bene. Allo stesso modo, un martello di per sè non fa nè male nè bene: però ci puoi costruire una casa per senzatetto oppure ci puoi picchiare chi è più debole di te.

    Quanto alle motivazioni economice, Pablo, hai ragione: bisogna stare molto molto attenti. Ma questo non significa generalizzare.
    Certo, in parte sono d'asccordo con te.
    Per come la vedo io, se la pnl fosse una bella donna, c'è chi la vuole mettere sul marciapiede mentre io me la vorrei sposare…a te la scelta.

  • Le motivazioni che hanno portato alla nascita della New Code e del Dhe sono solo economiche. Da un punto di vista logico il modello rimane lo stesso. Vedo tante persone in gamba che continuano a sprecare soldi e tempo sulle solite 4 idee, ormai trite e ritrite da una trenina di anni a questa parte, la cosa mi rammarica. Ormai mi sono convinto che la pnl faccia più male che bene.

  • OH yes…it really seems like it….e anche nientepopòdimeno che Franco Granone, nel suo Trattato di Ipnosi, analizzando la pnl dal punto di vista dell'ipnosi non si allontana troppo da quanto sostiene Grinder. Per esempio descrivendo diversi tipi di "trance" (da quello in cui si dispone Robbins per il firewalking allo stato di "concentrazione" di atleti durante una top performance ec..) in modo molto simile a come Grinder parla di High Performance State.

    A proposito…vi segnalo un articolo di Richard Bolstad (http://www.transformations.net.nz/trancescript/nlp-brain-healing.html) in cui parla di una persona che ha perso gran parte dell'emisfero sinistro e racconta come sia diventato possibile e facile per lei fare cose che normalmente una persona non riesce a fare.

    ATTENZIONE però: ci sono tutta una serie di cose che invece nn riesce a fare più!!!! E questo lo dico sia per riabilitare la mente cosciente, troppo spesso trattata quasi come fosse d'intralcio, sia per quelli che stavano già pensando di farsela asportare chirurgicamente per aumentare il loro potere……. ;-D

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    You'r right man 😉
    Ciao Manuel che figata averti ospite sul blog da San Diego dove, bidibin bidiban, state proprio parlando di ipnosi.

    Ero proprio curioso di vedere un tuo intervento e anche poi, di incontrarci dal vivo 😉

    Un abbraccio a te e a
    Mauro.
    Genna

  • Ipnosi Strategica
    Rispondi

    It's seems like Hypnosis;-)
    Saluti da San Diego!
    Manuel

  • Sono d'accordo. Infatti Grinder sottolinea che col new code intendeva proprio recuperare al massimo il contributo di erickson, non creare qlcs di nuovo.
    E anche riguardo al "solcare il mare all'insaputa del cielo": approccio strategico, ipnoterapia, pnl sono tutte scuole derivate da M. Erickson.
    Anzi peccato che questa attenzione all'intervento strategico – molto presente nel lavoro di Grinder e Bandler inizialmente – sia andato scemando, almeno ufficialmente, in pnl.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Marco,

    si si… e prendo la palla al balzo per rispondere salutare e ripsondere anche ad Amelio:

    "usare l'inconscio per prendere decisioni", "solcare il mare all'insaputa del cielo" (cioè utilizzare strategie psicologiche in grado di "non far mangiare la foglia" in vista di una risposta emozionale correttiva… tutte queste cose mi riportano sempre alla stessa persona… Milton Erickson, per ora non ci vedo ancora nulla di "new".

    Lo stesso vale per Bandler con il NHR o il DHE… che non sono altro che applicazioni differenti dell'ipnosi.

    Ma d'altronde si sà "non c'è nulla di nuovo sotto il cielo" 😉
    Grazie
    Genna

  • Ciao Genna,
    beh il tuo intervento finale ha confermato ciò che avevo gia intuito nel leggere l'articolo….soprattutto grazie ad un libro di Guerrero "Trasformazione Profonda" dove si parla molto di ipnosi….però a questo punto anche Bandler ha aggiornato la sua PNL con l'altra disciplina da lui creata (di cui non ricordo il nome adesso) e che fa proprio uso di ipnosi …. quindi il N.Code non è poi nulla di nuovo….chi segue Bandler avrà comunque a che fare con la sua versione di New Code no?

  • Marco alias Reborn
    Rispondi

    Molto "solcare il mare all'insaputa del cielo" 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK