Psicologia: “superare il senso di colpa”

Ciao,

sai che cosa è l’intelligenza emotiva? se stai leggendo questo blog probabilmente si… detto in poche parole è la capacità di gestire le proprie emozioni. Un essere umano con 350 di QI che non sia in grado di fare questo è un emerito imbecille 😉 Nella ANL si questa settimana ti mostro un semplice esercizio che ti permetterà di diventare più “intelligente emotivamente”. Ma non solo,anche di diminuire o debellare il “senso di colpa”.

Chiaramente non sto parlando degli “utili sensi di colpa”che possono servirti per vivere meglio in una società, ma diquelli che possono invece minare seriamente la qualità della tua vita. Per fare questo esercizio è necessario scrivere, percui se in questo momento non hai carta e penna, ascoltalo pure ma appena puoi… fai l’esercizio. Non solo, per la prima volta ho inserito nelle ANL uno splendido cortometraggio.

L’hai ascoltato? bene, mi scuso per l’esempio assurdo della auto – dopo tutto se righi la macchina di qualcuno e non fai nulla per rimediare è giusto che tu ti tenga il tuo”senso di colpa”. L’esercizio, molto semplice è qualcosa che in realtà il cervello già compie nel corso della “risoluzione del senso di colpa”. In pratica l’eserciziosi potrebbe sintetizzare in poche parole:

“trova aspetti di quell’evento che prima non avevi considerato”.Questo non solo ti permette di sentirti meglio e di essere più “intelligente emotivamente” ma ti permette anche di diventare più elastico nel ristrutturare gli eventi negativi che possono capitare nella vita di ogni persona.

Oggi, prima di mostrarti la struttura dell’esercizio ho deciso di mostrarti questo bellissimo corto metraggio fatto dal mio carissimo amico”Franco Dipietro” e dai suoi collaboratori della “due monete”:

Sei riuscito a vederlo? si tratta di un cortometraggio molto quotato (se hai ascoltato l’audio hai sentito quanto stimo Franco) ma solo per la cronaca è utile che tu sappia che questo corto è stato presentato a Cannes nel 2010 a la”Semaine de la critique” ed ha avuto una menzione speciale eolie in video per la sceneggiatura. Puoi vedere e gustarti il loro modo di lavorare su questo canale di Vimeo e a questo indirizzo contattarli in caso tu abbia bisogno di un video promozionale…sono davvero bravi e mi piace sponsorizzare chi lavora bene 😉

Ecco la struttura dell’esercizio:

1) Carta e penna: non smetterò mai di ripeterti che”scripta manent verba volant”… per cui procurati un diario da usare per gli esercizi del blog.

2) Evento: pensa all’evento che ti scatena il senso di colpa, e nota se si tratta di solo “senso di colpa” o se cisono delle altre emozioni implicate come la “pena” ola “vergogna”.

3) Rileggilo: guardalo ed analizza l’evento più e più volte in modo che la descrizione sia piuttosto precisa e sintetica.

4) Fattori: ora trova almeno 3 fattori che non avevi considerato e che possono allargare la cornice dell’evento stesso. Evita di trovare “delle scuse”, come ho fatto io nell’esempio dell’auto;)

Fammi sapere cosa ne pensi e clicca su mi piace!

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Effetto riflettore: Perché a volte ci sentiamo sotto i riflettori?
3 Mindset che Cambiano la Vita: le teorie psicologiche della crescita personale scientifica
Allenamento sensoriale: la saggezza ad un passo da te!
Come Raggiungere la Felicità
5 Commenti
  • Il mio senso di colpa è legato a qualcosa che io giudico contrario ai miei valori, ma che ho commesso per timore di deludere le aspettative altrui. Come nei personaggi di Dostoevskij vedo come unica soluzione l'ammissione della colpa e il supplizio della pena, ma la vergogna mi impedisce questo passo.Grazie dell'attenzione.
    Carlo

  • Secondo me, il senso di colpa è un'emozione che dipende molto dal luogo in cui si vive, noi Italiani per cultura lo proviamo solo quando ci beccano;D, quindi presumo non si tratti dell'emozione autentica, ma di vergogna… o qualcosa del genere;D

  • Ciao Gennaro,
    Ti ringrazio per questo tuo post e per tutti gli altri, che leggo con aattenzione ed interesse, grazie alla newsletter che ricevo periodicamente. Tuttavia, al pari di Eleonora, faccio molta fatica a trovare fattori che "mitighino" il mio senso di colpa, tuttavia sono lieta di avere almeno un punto dip artenza dal quale iniziare a lavorare. Grazie ancora.
    Emma

  • Ciao Eleonora, grazie a te per aver
    condiviso l' esperienza.

  • Ciao Gennaro, questa del risolvere i sensi di colpa è una cosa sulla quale stavo riflettendo proprio l'altro giorno.
    Per ora è emerso uno dei miei più grandi sensi di colpa facendo l'esercizio e purtroppo non trovo delle motivazioni che mi facciano stare meglio. Proverò a lavorarci un pò su, altrimenti mi farò viva in privato. Per ora ti ringrazio per i post sempre molto utili e interessanti e ti auguro buon proseguimento di lavoro. Ely

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK