Sviluppo Personale: “Max Formisano e la formazione”

Ciao,

grazie ad internet gli esperti di sviluppo personale nasconocome funghi… e da un mese all’altro ti ritrovi con un nuovoguru o una nuova metodologia da seguire. Ma ce ne sonoalcuni che sono in questo campo da “sempre”…uno fraquesti è Max Formisano… che sono andato a seguire inun suo piccolo evento insieme a Nicoletta Todesco, qui aPadova. Max mi è piaciuto molto, un uomo “pane al panevino al vino”…come si suol dire. Mi sono piaciute moltecosette di ciò che ha detto, ma la prima – quando ci siamostretti la mano – mi ha subito fatto capire che è un uomodecisamente interessante…

Visto il video? si li sto collezionando, dopo tutto, quandovai ad un corso è difficile che ti dicano “no non ti saluto iltuo blog” 😉 …appena mi ha stretto la mano mi ha detto:”che begli occhiali che hai”…ed effettivamente ho degliocchiali un pò particolari. Non l’ho vista come una tecnicama come un genuino interessamento verso il prossimo,dote che pochi formatori hanno. Max è ultra schietto ele sigle che lui ed il suo gruppo hanno creato per laformazione mi hanno fatto scompisciare dalle risate 😉

La sua azienda di formazione è una delle maggiori realtàitaliane nel campo della formazione. Mentre ero li sedutoad ascoltare la sua presentazione, cercavo in tutti i modidi staccarmi da ciò che conosco per godermi il suo stileformativo. E, come dice lui stesso nel video, l’importanteè crescere… cioè trovarsi ad un livello “evolutivo” nellapropria vita da cui, qualsiasi cosa possa accaderti avraisempre un modo per gestirla. Attenzione, per gestionenon s’intende, controllo di tutto…che porta a farciimpazzire… ma proprio ciò che intende Daniel Golemannella sua Intelligenza Emotiva.

Così, mentre esponeva questi 3 punti per avere”successo personale”, mi rendevo conto che appunto sitrattavano dei consigli di Goleman… e vuoi sapere unacosa? lo ha citato! caspita, lo so che ti sembra una cosada poco, ma non tutti i formatori citano le fonti e troppospesso si appropriano di teorie di altri, magari facendodei piccoli cambiamenti ai nomi e questo…lo trovoriprovevole… in qualsiasi campo.

Una delle sue massime più interessanti, e che da annicircolano sul web è: “molti iniziano e pochi..finiscono”.E lui è un esempio ottimo di chi ha iniziato ed ha, percosì dire “finito” (in realtà è in continua crescita).Personalmente sono anni che seguo corsi e questomondo, e ti assicuro che lui è uno di quelli che con ilsuo tempo… e l’impegno (per quanto possa aver vistoin modo indiretto) hanno creato una solida strutturaformativa che ad oggi è leader nel mercato della”formazione formatori”…mica “pizza e fichi”.

Non ho fatto “il figo come al solito” 😉 dicendo,”si sono un tuo collega, formatore, pissi-cologo e viadicendo… ma mi sono presentato come “blogger” anzi…come Gennaro 😉 La sua presentazione è stata bella,dinamica, semplice ed utile. E, come ogni buon formatoreha terminato l’esposizione con una metafora che vogliocondividere con te… (“Max, mi prendo la licenza poeticadi raccontarla come me la ricordo…ok? “;))):

“Max racconta che trascorre l’estate in una località delsud Italia (Diamante).. un giorno un suo amico lo invitaad andare a funghi insieme. Era Agosto, una delle miglioristagione per i funghi (così ha detto, io non ci capisco unaemerita…) e lui ed il suo amico iniziano a raccoglierli. Altermine della giornata entrambi tornano a casa con unsacco zeppo di funghi. Qualche mese dopo Max torna inquel luogo e chiede all’amico (esperto fungarolo) ditornare in quei luoghi e ripetere la fungata…

… l’amico esperto lo mette in guardia dicendogli che nonera il periodo adatto. Ma nonostante questo Max loconvince e vanno a funghi. Al termine della giornataperò, Max ha raccolto pochi funghetti mentre il suoamico ha nuovamente un sacco pieno. Non pieno comead Agosto ma comunque dignitoso… e allora Max glichiede come avesse fatto e lui gli risponde: “vedi Max,quando è periodo di funghi tutti sono bravi a trovarli”.

Questa storiella in realtà è molto importante in questoperiodo di…. vorrei che mi dicessi tu, perché è una storiacosì importante in questo periodo. Come sempre ti invitoa scriverlo qui sotto fra i commenti 😉

A prestoGenna

Ps. “perché non hai parlato di Nicoletta Todesco?”perché non sono riuscito a vederla, sono dovutoandare via 🙁 ecco perché 😉

Ps. hai fatto un training con Max e vuoi dirci la tua?scrivila qui sotto fra i commenti…

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Mindfulness: Un report personale – dalla teoria alla pratica
Il Bivio – Pittrice in “trance” – trance medianica ed estatica
Smascherare le bugie: “3 indizi delle false emozioni”
Ipnosi Strategica…il mio primo maestro…
2 Commenti
  • sono stato ad un incontro dove Max Formisano successivamente a 40/50 minuti di "sviluppo personale" ha illustrato in cosa consistono i suoi corsi ed i loro relativi costi.
    Essendo un amante più della Psicologia e della Pnl, forse non ho trovato particolarmente interessante ciò che proponeva, almeno per ciò che ho visto in 50 minuti mi sembrava tutto impostato su una serie di anedotti e aforismi, più che consigli "concreti" che può contenere un corso di PNL.
    Considerando il salatissimo costo dei corsi, penso personalmente valga più la pena comprarsi una vagonata di libri più settoriali e dedicarsi allo studio…

    Christian

  • Ciao Genna,
    sono d'accordo con te, con il diffondersi di internet stiamo assistendo a un continuo nascere di siti/blog/forum di sviluppo personale gestiti da persone che si autodefiniscono "esperti del settore".
    Come ci si può orientare in questa selva? Secondo me, dobbiamo prenderci il giusto tempo di valutare e "pesare" il trainer in base a quello che ha da proporre e soprattutto di COME lo propone (che quasi sempre fa la differenza tra un trainer efficace e uno perditempo :). Pertanto, iniziamo a valutare lo spessore degli articoli che scrive, delle tecniche che suggerisce e della qualità che offre.
    La citazione delle fonti, soprattutto quando si offrono corsi di formazione, è certamente qualificante e, distingue, i veri esperti dai markettari (nel mio ebook gratuito ci sono altre considerazioni in merito).
    La storiella che hai riferito io la interpreto cosi: "se non sei davvero esperto prima o poi vieni buttato fuori (da notare in internet i blog che oramai sono veri e propri cadaveri).
    In questo periodo di crisi economica, politica, esistenziale a 360° è facile impressionare qualcuno magari con qualche tecnica di pnl a buon mercato, ma poi se non sei un vero esperto rischi di ritrovarti con al cesta vuota :, oltre, cosa più importante creare alle persone più problemi di quanto non ne risolvi.

    Un caro saluto
    Richard

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK