Psicologia: “L’effetto McGurk”

Ciao,

qualche giorno fa ho trovato un video sul McGurk Effect;sai di cosa si tratta? è un effetto molto divertente checoinvolge i nostri sensi. In pratica quello che vediamo influenza la qualità di ciò che ascoltiamo… e se mi seguinon dovrebbe essere un segreto che esiste unacontinua sinestesia fra i nostri sensi…perchè è il modocon cui costruiamo…la mappa del nostro mondo 😉Hai visto il video? si tratta di un effetto bizzarro, non è necessario che tu capisca tutto il video…prendi il puntoin cui l’immagine si sdoppia ed osserva l’immagine didestra… come potrai notare il tizio dice “bar…bar..” e oraguarda quello di sinistra…anche qui sembra dire “bar”…ma in realtà dice “gar!”. Se chiudessi gli occhi ti renderestisubito conto della differenza… ma la multimodalità concui mettiamo insieme gli stimoli ci spinge a vederli comelo stesso. Forse i gestaltici direbbero che è per uneffetto di “continuità” che continuiamo ad ascoltarela stessa parola.In pratica i suoni “bar e far” si combinano e sembra chene esca un altro suono …tipo “dar”… è questo l’effetto cheaccade quando si combinano insieme più modalità. Noipotremmo chiamralo effetto “sinestesico”, perchè comenelle sinestesie c’è un’interferenza nel percepire il suonocome corretto. Ora fai la prova, chiudi gli occhi è prova adistinguere i suoni, vedrai che sarà molto più facile…lacosa difficile semmai, sarà capire l’accento inglese 😉Questa ovviamente è solo una delle tante illusioni a cuiil nostro cervello è sottoposto… perché noi crediamo divedere ed ascoltare con gli occhi e le orecchie ma inrealtà lo facciamo con il cervello. Nel tempo di 300 ms,quella che è stata chiamata P300, il nostro sistema cognitivo ha già elaborato lo stimolo e lo ha già, in unqualche modo modificato ed adattato alla propriaesperienza. Oggi, dalle 14 alle 15 sintonizzati su Radio KissKissverrò nuovamente intervistato, il tema questavolta è……… non posso dirtelo, per cui, sintonizzati e poifammi sapere che cosa ne pensi 😉 ti assicuro che l’argomento è molto interessante e, secondo me alzeràun piccolo polverone… ba ba ba….. da da da… ;-)))Fammi sapere che cosa ne pensi.. lascia uncommento qui sotto .. e se ti piace il mio blog, iscriviti ai feed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Gentilezza NON è sinonimo di debolezza!
Psicologia e cambiamento: “il modello è solo una mappa”
Psicologia del Benessere: Ridere fa bene al cuore…
psicologia sessuologia: chi tradisce è meno intelligente?
3 Commenti
  • ehm… pensavo che il refuso G al posto di F fosse anch'esso sotto effetto McGurk!
    eh eh:)

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ahaha…si Pier hai ragione 🙂
    appena posso lo correggo…
    grazie mille
    Genna

  • Ciao Gennaro, bello ed interessante questo post.
    A me sembre però che nel secondo caso non dica "gar", ma "var". Lo dico perché il modo in cui utilizza le labbra per produrre il suono è per pronuciare la V secondo me o sbaglio?
    Poi chiudendo gli occhi sembra che il suono sia uguale, ma come fa a pronunciare la G se il labbro inferiore è messo sotto le palette per pronunciare la V?

    ciao ciao
    Pier.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK