Psicologia: “stress nelle relazioni di coppia”

Ciao,

hai mai sentito parlare di John Gray? è uno psicologo cheha fatto la propria fortuna analizzando le differenze frauomini e donne. Il suo libro più famoso è “gli uominivengono da Marte e le donne da Venere“. Nei suoi beiseminari, e anche nei suoi libri, il dott. Gray parla di comeutilizzare queste differenze per migliorare il rapporto dicoppia. L’esempio migliore è come uomini e donnesopportano lo stress… pare infatti che gli uomini si”scarichino” risolvendo problemi e sentendosi “capaci”,mentre le donne lo fanno “parlando”…

…per cui puoi immaginare da te “il casino che accade”…ladonna inizia a parlare dei propri problemi e gli uomini leinterrompono perché “danno soluzioni” ;-))) Un recentestudio ha dimostrato come uomini e donne abbiano un’altra differenza sotto stress. In pratica, quando sono sottostress gli uomini diventano “ciechi alle emozioni altrui”mentre le donne diventano “iper sensibili alle emozionidegli altri”. Questo è stato dimostrato attraverso studieffettuati con le più moderne apparecchiature di”neuro immagine” (risonanza magnetica).

Questa scoperta è molto interessante anche per analizzarei lavori di “aiuto” come il mio. In pratica quando i maschisono troppo sotto stress si chiudono in se stessi nonriuscendo più a prevedere le mosse altrui. Infatti se unapersona non riesce a leggere le emozioni degli altridiventa un pessimo comunicatore perché non riesce acaptare i feedback. Mentre le donne, al contrario, siaffidano subito ad un aiuto, perché vedono il lorodisagio negli occhi degli altri. Ecco perché, gli studidegli psicologi (e anche le facoltà di psicologia) sonozeppi di donne ;-))

La differenza nella gestione dello stress può aiutare lecoppie? certamente… sono sicuro che il semplice fatto disapere questa “sottile differenza” possa aiutare le coppiepiù aperte a migliorare il proprio rapporto. Infatti se luisa che quando è sotto stress non riesce a vedere lereazioni della moglie e che invece lei le vede accentuate,questa scoperta può diventare facilmente un buon”capro espiatorio” a cui addossare la colpa in caso diforti litigi.

E facile immaginare che cosa accade: lui è sotto stress percui non riesce a vedere che la moglie è insoddisfatta perun qualche motivo. Lei si arrabbia perché lui è scuro involto e non le risponde… lui non riesce a capire per beneche cosa succede e quando lei si arrabbia sul serio alloraanche lui si arrabbia. Ma l’escalation potrebbe in teorianon avere mai fine… perché più lei si arrabbia più vedeil viso di lui corrugarsi… ma lui non percepisce per benele emozioni di lei…e avanti così in un circolo devastante.

La stessa nozione è di fondamentale importanza in tuttigli ambiti della vita…e in modo particolare è importatesul lavoro. Prova ad immaginare un front-office che èstressato (non è difficile vero? ;-)) e il mio esempiopreferito sono i dipendenti delle ferrovie dello Stato :))Immagina, il dipendente è stressato e non riesce a capireche la persona che si trova davanti a lui è ultra inritardo… almeno fino a quando non gli comunicaapertamente il treno che deve prendere. Fino a quelmomento il dipendente è cieco al suo stress… e questo,immagino sarà capitato a tutti :DDD

Concludendo: questa ricerca è una di quelle che “tidanno l’informazione giusta”… sta a te utilizzarla almeglio per innalzare la qualità della tua vita e dellavita delle persone che ti circondano 😉

Fammi sapere la tua opinione fra i commentie se ti piace il blog seguilo attraverso i feed rss oppuredal tuo account di facebook.

A prestoGenna

Lo sapevi anche che…Chi tradisce è meno intelligentePerchè ti piace qualcuno?8 esercizi per amareCome far durare una coppia?Mi batte forte il cuore

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi a Distanza: Pierre Janet l’ha studiata davvero? :-O
….”io lo sapevo”..?.
Post sul Blog di Giacomo Bruno
I 10 Trend Psicologici del 2019 secondo la APA…
4 Commenti
  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    ahahahahah…si lexotan e controllo mentale 😉

    resterò l'unico uomo che "non capisce niente" 😉

  • Patrizia –
    Ciao!!!!
    Quando gli uomini danno soluzioni invece di cercare di capire lo stato di lei, mi fanno proprio venire i nervi perchè le soluzioni ce le abbiamo anche noi! Solo che spesso vorremmo essere capite…..na volta tanto……
    Ah! Ecco perchè quando di lui non si capisce niente, o tutto l'incontrario!!!! E' stressato! Ma il peggio è che stressa pure noi donne! E' verissimo, noi lo capiamo sempre, guardiamo le mosse, lo sguardo…..e lui non vede niente? Soluzione: Lexotan nella minestra.
    Rispondo ad ANONIMO: può essere che lui sbagli, è un po' antiquato.
    Ciao, saluti…..
    Patrizia.

  • Marco alias Reborn
    Rispondi

    Molto interessante, si potrebbe ipotizzare che:

    – per gli uomini funziona così perché le situazioni di stress erano inizialmente cambattimento e caccia, e in queste due attività l'empatia non serve e può perfino essere dannosa

    – per le donne stress significava problemi sociali all'interno della tribù, e non potendo risolverli con la forza cercavano "la via dolce" quindi compromessi ecc. ecc. , e per questa serve un'alta capacità sociale.

    Molto molto bello sì

  • Gennaro è troppo vero! Capire il concetto è semplice, ma il difficile è non litigare e mantenere la calma sotto stress!
    La sai l'ultima? …Ultimamente la mia ragazza sente e vuole uscire e con un vecchio amico, amico che per una serie di motivi per me non è che un corteggiatore. Io però sono convinto, come molti, che l'amicizia uomo donna sia impossibile e dal mio punto di vista non dovrebbe nemmeno sentirlo. Tu cosa ne pensi a riguardo? La vera amicizia fra un uomo e una donna è possibile o un'illusione?
    Gabriele

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK