Ipnosi: “chi è più facilmente ipnotizzabile?”

Ciao,

molto tempo fa ti avevo raccontato che cosa sono i test diipnotizzabilità…poi ho lasciato un po’ perdere l’argomento soprattutto perché ad un livello clinico non servono proprio a nulla.

Da Erickson in poi si è capito che sapere quanto una persona è in grado di entrare in trance è ininfluente per un trattamento psicoterapico.

Però, per chi studia l’ipnosi sperimentale, cioè lo stato di coscienza che si viene a creare

al solo scopo di “analizzarlo” è un argomento molto interessante.

La cosa più interessante di tutte è cercare di capire se le persone che sono “maggiormente ipnotizzabili” sono diverse da quelle che non lo sono.

Nel pensiero comune, che ovviamente non ha la più pallida idea di che cosa sia realmente l’ipnosi (tutta colpa della tv?

Si pensa che le persone maggiormente ipnotizzabili siano “deboli”… come se l’ipnosi fosse un gioco di forza fra la forza di volontà dell’ipnotista è quella del soggetto e chiaramente non è così.

Ultimamente mi sono imbattuto in una serie di studi molto interessanti al proposito. E, guardando un po’ più da vicino questi studi sono finito in un labirinto magico zeppo di analisi interessanti ed ho deciso di condividerne qualcuno con te.

Quello che mi ha maggiormente affascinato è stato svolto da Crawford (1989) che dimostra che le persone maggiormente ipnotizzabili sono anche quelle che hanno una maggiore flessibilità cognitiva, una maggiore capacità di concentrarsi ed una attivazione emotiva più spiccata.

Queste sono state tutte analizzate attraverso tecniche moderne di “osservazione”del cervello durante lo stato di trance.

 

Ma guardiamole ancora più da vicino:

 

1) Flessibilità cognitiva: è la capacità di modificare le proprie categorie mentali per risolvere problemi. E’qualcosa di molto simile al famoso pensiero divergente e vengono utilizzati dei compiti creativi per testarla.

2) Concentrazione: questa si spiega da se…ed è noto che l’ipnosi è stata vista per anni come la capacità di concertarsi su una singola idea (da qui il noto monoideismo plastico). Chi entra in trance più facilmente è in grado distare per più tempo concentrato su qualcosa. E questo è emerso non solo dai compiti che i ricercatori hanno dato ai soggetti ma anche dalla attivazione dei lobi frontali del cervello.

3) Attivazione emozionale: ognuno di noi quando si emoziona attiva il proprio sistema cognitivo. Non solo quando ci emozioniamo, questo è stato chiamato “aurosal” (o livello di attivazione) chi è maggiormente ipnotizzabile è anche più bravo nel controllo di questa attività. In pratica è emotivamente più intelligente.

Ti sembra poco? 😉 da tempo gli ipnotisti dicono ai loro soggetti che chi entra facilmente in trance è più intelligente… e, come dimostrano gli esperimenti hanno sempre avuto ragione!

Fammi sapere che cosa ne pensi, lascia un commento qui sotto e se ti piace il mio blog, iscriviti alla community di psinel, scarica il report.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Ipnosi: rapimenti alieni e ipnosi regressiva
Ipnosi-terapia: Cosa distingue l’approccio di Erickson da tutte le altre “ipnosi”?
Ipnosi: intervista a Jeffrie Zeig
ipnosi: crescere di altezza è possibile? :-O
5 Commenti
  • a scanso di equivoci

    prenditi il tempo che ti serve, e rientra nel tuo stato vigile, qui e ora, e ti sentirai riposato e tranquillo, pronto per il nuovo giorno, quando il tuo subconscio si sentirà pronto tu tornerai adesso vigile e presente

    🙂

    bye

  • L'ipnosi è una manovra o serie di manovre per indurre la trance…uno stato naturale della mente.

    Uno stato in cui entri ed esci ogni volta che la tua mente ha bisogno di riposarsi o…al contrario ha bisogno di concentrarsi. Questa è l'ipnosi… una tecnica per generare uno stato naturale nel momento opportuno.

    Chi entra in trance è perfettamente in grado di intendere e di volere…

    Sappi che esistono ccentinaia di definizioni di ipnosi…e quella che intendi tu (un gesto e il tizio cade in trance in balia dei tuoi comandi) non esiste 😉

    Alassio mi rapisce il cuore…e mi fa abbandonare il mezzo elettronico per prediligere il mare, il sole e la collina…

  • non capisco quale sia la tua idea di ipnosi, sembra che ogni definizione classica di ipnosi non ti soddisfi. Cos'è secondo te l'ipnosi? (Alassio che effetto ti fa?)

  • Ciao Anonimo,
    quella di cui parli tu NON è ipnosi 😉

    buon Natale anche a te…

    Ps. Ne approfitto per scusarmi…con tutti i meravigliosi commentatori del blog a cui non ho ancora risposto… Alassio mi fa quest'effetto ;-))

  • non ci credo che chi cade ipnotizzato per un gesto qualunque è "più intelligente". E' un eufemismo. E' lo zuccherino dell'ipnotizzatore. Forse ha un subconscio più disponibile e performante, ma la coscienza di una patata.

    facciamo una prova: Gennaro, a me gli occhi, guardami, guardami, nei miei occhi, guardami, non ti distrarre, sei molto rilassato…molto…r.i.l.a.s.s.a.t.o…dimmi subconscio di Gennaro, come ti senti ora? :+D

    🙂 ciao, buon natale

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK