PNL: “Modificare le convinzioni – usando un bugiardo ;-)”

Ciao,

conosci la PNL? se sei qui probabilmente si… negli anni honotato che chi si affaccia a questa materia va spesso allaricerca del “pattern più avanzato”…cioè la tecnica segretache gli permetta di ottenere ciò che vuole. Per cui quellipiù “semplici” vengono scartati perché erroneamenteritenuti “poco validi”. Oggi vediamo come uno degliesercizi base della PNL possa davvero modificare iltuo “sentire” partendo dal tuo “pensare”…

Player1

Player2

var audioTag = document.createElement(‘audio’);if (!(!!(audioTag.canPlayType) && (“no” != audioTag.canPlayType(“audio/mpeg”)) && (“” != audioTag.canPlayType(“audio/mpeg”)))) {AudioPlayer.embed(“audioplayer”, {soundFile: “http://www.psicologianeurolinguistica.com/VociPNL.mp3”});}

L’hai ascoltato? si tratta di un classico esercizio della PNLtalmente semplice da essere “molto efficace” 😉 Ma la cosache più mi piace di questo pattern è che racchiude, in unqualche modo, la filosofia che i due ragazzoni (Bandler eGrinder;-)) hanno modellato da Erickson, cioè l’attenzioneorientata alla “utilizzazione”. Che in poche parole significa”usa tutto quello che accade per ottenere il cambiamento”.In questo caso si utilizzano le tue esperienze passate opresenti per farlo…

…so che ti potrà sembrare banale come osservazione mati assicuro che non è così. Utilizzare ciò che abbiamo sottogli occhi è la cosa più difficile in assoluto 😉 Come haiascoltato nell’audio il segreto di questo esercizio èla precisione di estrazione delle sottomodalità ed il fidartidelle tue sensazioni…anche se parliamo di “auditivo” 😉

Ecco la struttura dell’esercizio:

1) Convinzione1: trova una convinzione che non vuoipiù avere… qualcosa che sai essere di intralcio allarealizzazione dei tuoi obiettivi. Ad esempio “sono pigro”o qualcosa del genere. Cerca il suo correlato auditivo,cioè la frase che ti dici quando pensi a quella vecchiaconvinzione.

2) Estrai: le sottomodalità uditive di quella voce come,direzione, posizione, volume, ritmo, tono, velocità…diquando ti dici quella frase o convinzione. Annota tuttosu un foglio…

3) Bugiardo: ora pensa ad una persona di cui non tifidi e che, in diverse occasioni ti ha mentito e tu losapevi…hai presente no? 😉 Ok..pensa a quella voltache ti ha mentito e tu te ne sei accorto e…ancora estraile sottomodalità.

4) Installa: ora immagina di ascoltare la prima frase,cioè quella di cui vuoi liberarti ma questa volta dalletutte le caratteristiche submodali della voce “bugiardo”.Fallo in modo divertente… ripetila più volte nella tuamente fino a quando senti che è “una bugia” 😉

5) Convinzione2: pensa ad una convinzione contrariaa quella precedente. Se ad esempio la prima era “nonsei in grado di fare X” pensa ad una frase opposta come”sei in grado di fare X e puoi migliorare”. Scegli conattenzione questa frase e scrivila.

6) Fiducia: pensa ad una persona di cui ti fidi e chemagari ti ha già dato buoni consigli che ti hanno fattodire “mi fido ciecamente di questa persona”. E, ripensaalla sua voce quando ti ha dato quei buoni consigli…(se non hai una persona del genere puoi inventartelafacendo si che tu senta che “ti fidi ciecamente”).Ascoltala mentre ti da buoni consigli e, sempre concarta e penna annota le sottomodalità auditive…

7) Installa: ora associa le sottomodalità della personadi cui ti fidi alla convinzione che vuoi avere oppure,semplicemente rafforzare. E ripetila almeno 10 voltenella tua mente fino a quando senti che questa”nuova convinzione” si sta radicando in te. Scrivilasu un foglietto e fai in modo di vederla il più spessopossibile per tutto questo mese 😉

Come avrai intuito è possibile modificare l’esercizioper usarlo come meglio ti pare… ma se, non haiabbastanza esperienza ti consiglio di seguire la miastruttura. Ricorda di rispettare i livelli logici, cioèevita di “credere in qualcosa che ti è impossibile”…scrivere che “puoi tutto” non è intelligente perchénon è vero 😀 ma puoi migliorare qualsiasi aspettodella tua vita … Puoi ad esempio usare la secondaparte della tecnica (quella della “2° convinzione) perrafforzare convinzioni che hai di te.

Provalo e fammi e condividi i tuoi risultati…lascia uncommento qui sotto! se ti piace il mio blog puoiseguirlo dai feed rss e/o dal tuo account di facebook.

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Psicologia: “Mentalismo e NeuroMagia”…
Psicologia: “imitarsi non è sempre funzionale”
Psicoterapia: “quanto sono acuti i terapeuti?”
Evento Club degli Autori…I Video degli Autori…
8 Commenti
  • Ciao Focky,
    si puoi farlo… ma senza esagerare 😉

  • Ciao, ho appena trovato questo esercizio che mi pare interessante… Volevo chiederti: lo posso usare allo stesso identico modo anche per modificare delle convinzioni riguardo alla salute? Cioè convincermi che sto bene e sono sana? Grazie!

  • Ciao Gianni,
    si dipende in quale periodo storico 😉 in generale le basi sono le stesse, non ne esiste uno che funziona meglio, devi solo provare.

  • Ciao volevo chiederti se c erano differenza tra il metodo che usa dilts e quello che usa bandler nel cambio delle convinzioni, e se c è quale pensi che sia migliore?

  • Ciao "anonimo" 🙂

    intanto ti ringrazio perchè hai notato i miglioramenti…cerco sempre di migliorare 😉

    Allora… alcuni esercizi hanno maggiormente bisogno del "rilassamento" o meglio di uno stato modificato di coscienza. Tuttavia funzionano bene anche nello stato ordinario di coscienza. In realtà non esiste una regola ma cambia da persona a persona…

    …se ad esempio uno è convinto che funzioni…non c'è stato di coscienza che tenga…funzionerà e viceversa…

    In pratica, le variabili in gioco sono talmente tante che è difficile stabilire una regola. Ma posso sbilanciarmi dicendoti… più l'obiettivo è già stato tentato consciamente senza riusire e più è necessario uno stato modificato di coscienza.

    Spero di averti chiarito un pò le idee in merito 😉
    Ancora
    Grazie
    Genna

  • ciao Gennaro! 🙂 bè intanto voglio farti i complimenti per l'esercizio, ma sopratutto per la tua voce! 😀 fantastica!! ora sto seguendo i primi audio dell'accademia dei miglioramenti, che credo siano stati fatti un pò di tempo fa, bè nel lasso di tempo da quegli audio ad ora hai fatto straordinari miglioramenti!! sarai un buon modello da cui imparare! 🙂
    A parte questo volevo chiederti se esercizi abbastanza veloci come questo o altri che riguardano ad esempio l'intelligenza emotiva è meglio farli durante un rilassamento profondo oppure in stati un pò più superficiali, ovviamente durante il rilassamento sono più efficaci, ma è cosi marcata la differenza tra le due modalità? perchè spesso molti esercizi tipo questo li svolgo senza dei rilassamenti, o magari solo alcuni li faccio in quel modo.
    Grazie dell'attenzione 🙂

  • Ciao Vincenzo,

    bravissimo è così che si fa… hai appena fatto tutto ciò che spero facciano i miei lettori:

    – applicare l'esercizio

    – farlo su qualcosa di semplice, senza spingersi a voler cambiare "cose più pesanti"

    – condiviso

    Grazie 1000
    Genna

  • Bello esercizio Gennaro!
    L'ho appena fatto su una "biscerata" di credenza mia, una banalità forse ma che come tutte le banalità se diventano abitudini possono limitare: stavo avendo la credenza che se "gli altri" mi toccavano l'iphone senza il mio permesso in un qualche modo ero convinto che me lo rovinassero, ho applicato e eseguito tuo esercizio e mi sono "riprogrammato ad una convizione piu utile sia per la premura verso l'oggetto sia per risultare non troppo "eccessivo" verso quesa mia premura che mi limitava un po' forse verso le altre persone !!! Grazie e direi che è un esercizio semplice ed efficace!!! Sopratutto l'immaginarsi un buguardo che tii dice la credenza a cui te proprio non vuoi credere!!!
    Fantastico!!!
    Vincenzo

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK