Psicologia dei social media: “7 studi psicologici su facebook”

Ciao,

chi non ha un account facebook “scagli la prima pietra”. I social media stanno modificando il nostro modo di comunicare, anzi lo hanno ormai già modificato, e come sanno gli appassionati di queste materie, come comunichi influenza la nostra vita. Prova a pensare quando i cellulari non esistevano? sei hai un certo numero di anni di certo sarà una questione che ti ha fatto pensare più volte…lo stesso sta accedendo grazie a strumenti come facebook… e chi si occupa di psicologia non può fare a meno di studiare da vicino questo “fenomeno mediatico moderno”.

Spesso sento dire: “gli studi di psicologia sono fatti da vecchi che vogliono confermare le loro teorie”…non è vero! ci sono talmente tanti bravi ricercatori che ci vorrebbe una vita anche solo per dare un’occhiata a tutti i loro interessantissimi lavori. Fra questi ho selezionato da Psyblog un articolo che eccezionale che parla delle 7 migliori abitudini da avere per trarre il massimo da facebook e in generale dai social media.

1) Le relazioni sociali: diversi studi antropologici hanno messo in risalto che le relazioni significative della nostra vita non sono più di 100/150. Per questo motivo Tong e colleghi hanno scoperto che la stessa cosa accade su facebook. Puoi chiaramente avere tutti i contatti che vuoi, ma se puoi, usa le funzioni della privacy e crea delle liste differenti, in modo da averei contatti che contano sotto mano.

2) Amicizie carine: fai in modo che chi può postare sul tuo “muro” sia attraente e carino 😉 secondo Walther e collaboratori avere amici attraenti aumenta la tua l’attrattività del tuo profilo. E’ come quando esci con il tuo amico/a figo e tutte guardano anche te.

3) Sette motivazioni: Joinson ha estrapolato le 7 fonti motivazionali per usare facebook e sarebbe bene tenerle a mente…1-2 restare in contatto con amici vecchie distanti 3- sorveglianza sociale (non è molto bello ma..)4- capire meglio la gente che conosci offline 5- osservare la gente nel mondo virtuale 6- vedere gli aggiornamenti 7- spiare i contenuti (foto ecc.).

4) Vieta facebook al tuo partnerJoinson e coll. hanno scoperto che chi passa più tempo su Fb è anche più geloso. Questo accade perché, probabilmente,sono alla ricerca di indizi di tradimento… e in caso lo faccia lo stesso…stai all’occhio alle tue mosse! E, forse ancora meglio conoscere che cosa da dispiacere al tuo partner…se anche un semplice “like” lo fa arrabbiare…allora disdici l’adsl o lascialo!

5) Attento alla privacy: Fb è una giungla da questo punto di vista, oggi esistono applicazioni che ti rubano ogni forma di dati sensibili. Nosko e collaboratori hanno scoperto che le persone giovani e single tendono con più facilità a scrivere i propri dati sensibili…forse per fare amicizia… state attenti, soprattutto se siete “giovani”e “assetati di relazioni”. Puoi facilmente risolvere questo problema moderando la tua privacy…creando,come ti dicevo prima, delle liste differenti a cui assegnare “permessi differenti”…io lo faccio!

6) Mostra chi sei: gli studi hanno dimostrato che in Fb, così come in altri social la gente mostra chi è realmente. Evita di nasconderti dietro a pseudo anonimato, prima o poi chi sei viene a galla da quello che scrivi e che uplodi. Attenzione, non sto dicendo che devi per forza presentarti con il tuo CV… ma attento a non “strafare”.

7) Trovare un lavoro: Ellison e collaboratori hanno scoperto che il tuo profilo di facebook veicola, nel tempo un “capitale sociale”…cioè la possibilità di utilizzare i social per promuovere e creare relazioni che possono esserti utili sul lavoro.

Come ti avevo pre-annunciato “ci ho messo lo zampino, è più forte di me! Anche perché prendere un articolo e “copiarlo” se pur tradotto mi sembra un po’ un furto legalizzato e sono certo che i contenuti piacciano a chi ha già un pizzico di dimestichezza con Fb, ma so che possono essere utili anche a chi ci “bazzica poco” e a chi, magari non ha ancora aperto il suo account. Come sempre lasciami un commento, sai quanto è importante il tuo parere 😉 e se ti piace il blog iscriviti ai feed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.

A presto
Genna
Link all’articolo “originale”

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Psicologia: “metti in circolo il tuo amore” ;-)
Esperimenti Psico-pratici: il priming nella crescita personale
Neuroni Specchio: Sviluppare abilità cognitive per modulare la natura ;-)
“Trucchi” Per Test e Quiz: Perchè E’ Meglio Cambiare Idea? ;)
7 Commenti
  • speravo di trovare un articolo serio e invece trovo faccine sorridenti e frasi da quindicenne. Tutto ciò non me lo aspetto proprio da un sito di psicologia anche se è stato pubblicato 6 anni fa. Non è vero che ciò che pubblichi è ciò che sei e uno psicologo questo lo dovrebbe sapere perchè nelle pubblicazioni delle persone influiscono variabili sociali e personali che hanno un forte peso nella scelta degli argomenti da trattare all’interno del proprio diario. trovo illuminante a tal proposito la teoria proposta da Benjamin Grosser, il quale, pur non avendola sperimentata empiricamente, a mio avviso è riuscito ad inquadrare perfettamente il mondo di facebook e dei social in generale. Poi uno si chiede perchè gli psicologi in Italia non vengono presi sul serio.

    • Grazie per il tuo feedback

    • Eccomi Claudia,
      allora come vedei ho tolto un pò di faccine, visto che sono davvero passati anni da quando ho scritto questo post.

      Ora ti chiedo, quali sono le frasi da quindicenne? Sui contenuti spero non ci sia altro da aggiungere visto che li ho presi da un altro blog, se vuoi puoi sempre criticare anche quel blog.

      Poi non ho ben capito che cosa intendi, cioè uno che fa lo psicologo non può essere leggero su questi temi? Non può scrivere un blog sulla psicologia in modo divertente, e forse da quindicenne (per chi la vede in questo modo)? Da dove trai queste conclusioni? Ed in che modo questo post può danneggiare il modo di vedere la mia professione?

      Sono davvero curioso di vedere se mi risponderai.

  • Facebook e tutti i social in generale non posso essere sottovalutati nella societa' moderna, visto che con 500 milioni di account attivi sono una realta'. Detto questo ci sono anche altri risvolti negativi:
    1)Sicurezza dati inesistente
    2)Se fai una cazz…ta potresti portartela dietro a vita e in America non e' una novita' che datori di lavoro prima di assumere vadano a sbirciare i profili facebook..
    3) Non essendo uno psicologo non do accezioni alla cosa, ma e' indubbio che come per tutte le cose anche l'eccesso di Facebook porta ad asocialita' nella vita reale

  • Ho letto sinceramente non credevo che c'era altra gente simile a me.
    Ho 16 anni, e fino a 4 mesi fa ho resistito 2 anni senza iscrivermi a facebook.. e credimi quei due anni erano il periodo in cui anche i telegiornali ne parlavano.. oltre a tutti i tuoi amici che in ogni discorso ormai c'era sempre facebook.

    Tengo tantissimo alla mia privacy, sono invisibile nelle ricerche, sono visibile nelle ricerche a "Solo amici", non permetto a nessuno di vedere la mia lista amici (ne ho 160, tutti contatti che conosco di persona), Non permetto a nessuno di vedere le mie foto (Il mio profilo ha soltanto Bacheca, Info), e tantomeno i video. Soltanto io posso vedere tutto ciò.

    Non ho nessuna applicazione installata sul profilo che non siano le standard di facebook ma ovviamente se anche le installerei ho settato che nessuna applicazione può prendere i miei dati.

    I miei contatti sono divisi in gruppi, e decido io chi può vedere cosa e chi non. Anche in chat decido io chi può vedermi online e chi no. Anche se comunico principalmente via messaggi.

    Quasi tutti i miei amici di classe o della mia età tranne i più stretti hanno migliaia di amici che neanche conoscono.. permettono di vedere il proprio profilo a tutto il social network, pazzesco.

    Questo non vuol dire che se vedi il mio profilo diresti che non lo uso.. non condivido niente è vero.. ma mi scrivono all'incirca 3 persone al giorno in bacheca.. sarà perché come hai detto tu un profilo ben sistemato e fuori dal comune può attrarre.

    Ciao a tutti.

  • pensierino di qualche tempo fa: visto che il 70% dei selezionatori professionisti negli Stati Uniti usa info trovate in rete (non ricordo la fonte,ma era una percentuale alta), come faccio a far convivere il mio profilo "pubblico" con quello pro??
    Mumble mumble, forse è il caso di che mi metta a studiare un sistema di filtraggio, ma alla fine il profilo è quello.
    Cmq ottimo articolo (come sempre) che fornisce spunti di riflessione

  • Assolutamente d'accordo con lei. Ottima idea, condivido.
    Condivido pienamente il suo punto di vista. Credo che sia una buona idea. Sono d'accordo con te.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK