“Francesco Tesei e la psicologia in azione”

Ciao,

forse non tutti sanno che (mi piace questo inizio in stile settimana enigmistica;) la psicologia è una delle materie più giovani che esistano. La professione di psicologo esiste ufficialmente da una trentina di anni… e la maggior parte delle persone quando sentono parlare di “psicologo” hanno una sola immagine in mente: un lettino ed un tizio seduto dietro (magari con l’I-pad) che ascolta i “problemi”dei suoi pazienti.

Ma la psicologia è molto molto più estesa…ti basta infatti dare una rapidissima occhiata agli ambiti di questa materia per scoprire quante branche affascinanti ci sono ( sperimentale – sociale – del lavoro – dello sport -ambientale ecc.).

In questo video, ad esempio, hai visto Francesco Tesei,il nostro più bravo mentalista mentre racconta in modo magistrale e romanzata la storia di Rorschach una delle persone più importanti nella storia della psichiatria e della psicologia con il suo ben noto test della personalità.Se non sei riuscito a vedere il video in pratica si tratta del famoso “test delle macchie”. Detto in parole povere Rorschach aveva intuito, partendo da teorie freudiane,che le persone tendono a proiettare la propria realtà difronte a stimoli ambigui dando loro un significato dal quale si può dedurre la personalità. E’ un po’ come quando guardando le nuvole ognuno ci vede una propria immagine personale.

Ma in realtà lo scopo di questo post non è parlarti dei famosi “test proiettivi” ma mostrarti quanto è vasto il reame della psicologia… che è presente in ogni comportamento umano. Senza addentrarci troppo nei dettagli storici ti basta tenere in considerazione che oggi si sente sempre più parlare di questa materia non perché “siamo tutti impazziti” 😉 ma perché sono “solo pochi anni” che si è compresa l’importanza dei nostri pensieri, emozioni, comportamenti e atteggiamenti..(siamo anche un po’ “impazziti” nel senso che la nostra società ha raggiunto un livello tale di complessità da essere difficile da affrontare “psicologicamente”).

Uno dei modi per osservare da vicino la psicologia delle persone non è solo quello di “studiare la psicologia” ma anche quello di notare dove le persone utilizzano già da tempo i meccanismi psicologici nel loro lavoro…una sorta di “psicologia naturalistica” perché osserva la natura.E credo che vi siano pochi mestieri che ne mettano in risalto le virtù e i vizi come quello dell’ illusionista e, oggi, ancor di più con quello del mentalista. Se mi segui saprai che nella prossima audio newsletter posterò una bellissima intervista fatta proprio a Francesco Tesei in cui cercherò di”estrapolare” alcuni “fattori psicologici” che gli permettono di fare al meglio il suo lavoro.

La psicologia è una “nuova materia” che è stata per anni appannaggio solo di classi accademiche. Ed è per questo che ho creato PsiNeL (questo blog) per estrapolarne le metodologie più pratiche e renderle alla portata di tutti.Un po’ come Robin Hood che rubava ai ricchi per dare ai poveri…con questo blog voglio “rubare agli accademici per dare al popolo” la conoscenza di una psicologia pratica da utilizzare nella vita di tutti i giorni 🙂

Fammi sapere che cosa ne pensi. Lasciami un commento qui sotto e se ti piace il mio blog iscriviti ai miei feed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.

A presto
Genna

 

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Stereotipi e pregiudizio nella crescita personale
Videogiochi e intelligenza: “giocare a Tetris aumenta la materia grigia?”:-O
Parapsicologia: “l’importante è crederci” ;-)
Capire gli altri… con 1 sola domanda!
4 Commenti
  • Ciao Elisa,

    ho linkato l'articolo precedente in cui c'è il sito di Francesco Tesei, ma visto che me lo dici, ho inserito alla fine del post…

    Appena ho un'attimo di respiro ti invio tutto…ma è un segreto ssssssss ;-DDDDD

  • Ciao Totocl,
    si è esattamente così, le categorie di interpretazione del test si basano su vari standard, come quelli che hai menzionato tu (animale, umano, in movimento, ecc.).

    In base a chi ha trovato il modo per "siglare" le tavole ci sono parametri differenti. Se non ricordo male vedere più cose "non è buono" 😉 o meglio mi pare che il top sia il vedere una figura intera. Ma non sono assolutamente esperto di questo test, anche se l'ho studiato in 1000 salse diverse non mi è mai piaciuto 😉

    Genna

  • Ciao Genna!
    Anch'io sono molto interessato alla psicologia, e ovviamente se seguo questo blog un po si capisce :).
    Volevo farti una domanda che riguarda un po la prima parte del tuo post di oggi: anche se so che non è possibile trovare tutte le immagini del "test delle macchie", mi è capitato qualche volta di osservare una o due delle immagini di Rorschach.
    Ho letto che il test si basava sulle categorie di cose che le persone "vedevano" in una immagine (cose appartenenti al mondo animale,umano,astratto,naturale).
    Il fatto è che anche a primo impatto, non vedevo "qualcosa" in quelle immagini, bensì più cose, tra l'altro appartenenti a più classi diverse (anche più di una per ogni classe).
    Per questo mi chiedevo se questo era normale,magari per la mia capacita di immaginare facilmente, o se poteva essere segno di altro…
    Aspetto il tuo nuovo post con il video su Tensei, grazie per la tua risposta, Ciao!

  • Aspettavo questo articolo 🙂 e non vedo l'ora di leggere e ascoltare il prossimo 🙂

    Da te mi aspettavo un link al suo sito …e invece dovrò cercarlo da sola… uff 😉 mi piacerebbe proprio andare a vederlo… chissà che non sia l'occasione di programmare un week end nella capitale 😉

    Buona giornata Genna,
    appena hai tempo………. 😉

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK