Sviluppo Personale: “l’obiettivo migliore e non avere obiettivi?”

Ciao,

ti ricordi chi è Leo Babauta? è l’autore di uno deimiei blog preferiti zenhabits.com…e oltre ad averscritto numerosi bestsellers continua, con una buonafrequenza a dispensare ottimi consigli nel campo dellosviluppo personale. Uno dei suoi ultimi post è propriointitolato “l’obiettivo migliore è non avere obiettivi”.Se sei appassionato del settore forse avrai i “brividi”ad ascoltare certe cose…”ma come, tutti dicono checi vogliono gli obiettivi è questo che cavolo dice?”;)

L’idea, secondo Babauta è molto semplice, gli obiettividiventano nel tempo i tuoi “limiti”, nel senso cheguidandoti ti danno la rotta… la via verso dove vuoiandare… ma spesso non ti fanno vedere che esistonoaltre strade…magari strade migliori e più semplici. Seti organizzi “per bene” puoi vivere “senza obiettivi” ;-)”Bhe allora cosa devo fare Genna, sedermi sul divanoe guardare la Tv tutto il giorno? magari pensando chequalcosa accadrà e che me lo porterà l’universo? ;-)”.

No! semplicemente AGIRE… trova qualcosa che tiappassiona davvero e fallo. Ti assicuro che non misveglio al mattino pensando “cavolo devo scrivere unaltro post anche oggi?” ma succede questo “cavolo maquanti vorrei scriverne oggi? ma quante cavolo di cosevorrei condividere con gli altri?”. E’ la passione, undesiderio bruciante che ti spinge ad AGIRE con unaintensità tale che non hai bisogno di scrivere sul tuodiario che la farai…semplicemente…ti viene naturale.Ti è mai capitato???

Lo so, non è facile trovare quella passione! ma sonoconvinto che tutti abbiano quel piccolo motore internoche quando si attiva ti spinge con una tale forza…che…hai presente quando sei innamorato? quando fai ditutto per stare insieme a quella persona? esatto è lastessa cosa 😉 Vediamo alcuni consigli dello stessoBabauta:

1) Parti in piccolo: evita di stravolgere la tua vita,non hai bisogno di farlo tutto in un colpo. Come sidice, “un grande viaggio inizia sempre con un passo”.Fai quel piccolo passo… e magari, giorno dopo giornofanne 2 e poi 3…ma fallo tranquillamente…

2) Cresci: …poi fai 4 passi e poi 5…e appena puoiprenditi una pausa. Ogni volta che prendi una pausagodi pienamente di quel momento.

3) Non solo lavoro: applica questi consigli non solonel lavoro. Fallo per la tua salute, le tue relazioni e letue passioni (come gli hobbie). Pensaci, quantosarebbe bello morire dalla voglia di passare del tempocon la tua famiglia, invece che pensarlo come unobbligo?

4) Lascia perdere i piani: pianificare è come settaregli obiettivi. Spesso quando pianifichiamo lo facciamonel modo sbagliato, imponendoci dei paletti o…moltospesso…prefigurandoci un futuro come non lovorremmo davvero.

5) Sbagliare è umano: evita di preoccuparti per glisbagli che tutti facciamo. Hai mai suonato unostrumento musicale con qualcuno? se ogni volta cheun musicista sbaglia una nota dovesse fermarsi nonpotrebbe mai suonare dal vivo. Sarebbe come unautista che, sbagliando ad ingranare la marciaaccostasse o tornasse indietro 😉

6) E’ tutto buono: non importa quale strada scegli,tutto quello che fai e scegli nella vita è buono e tiha insegnato qualcosa.

–> ricorda…il viaggio è la destinazione 😉

Ecco i consigli di Babauta sono finiti. Sono moltod’accordo su molti di essi e su altri no… perché siamotutte persone diverse. Ma tutto sommato trovo chela sua idea sia davvero bella, quella di non averelimiti… curarsi della propria LIBERTÀ’ personale :-)E tu? sei d’accordo con i suoi consigli?

Condividi con noi ciò che pensi a riguardo, lasciaun commento qui sotto e se non lo hai ancora fattoiscriviti ai miei feed rss oppure seguimi da tuoaccount di facebook.

A prestoGenna

Vuoi organizzare la tua vita? Clicca qui 😉

Ahhh dimenticavo…se non credi al “mito degliobiettivi” Clicca Qui

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
“non è per sempre…” Come affrontare il divorzio!
Attacchi di Panico e PTSD: “Terremoto in Abruzzo…aiutati e aiuta…”
Leadership Scientifica
Sviluppo Personale: “Rilassamento rapido…un regalino per te” ;-)
Richard Bandler: “Esercizio Anti-Panico…esagerare” ;-)
Comunicazione efficace: “essere simpatici a tutti?” ;-)
Psicologia: “svelare le bugie osservando le verità”
Sviluppo Personale: la Creatività si può apprendere?
8 Commenti
  • Si, l'avevo letto.

    Se ho ben capito quanto consigli, ne deduco che, a grandi linee, sia necessario concentrarsi maggiormente:

    1) Sul trovare la propria passione e seguirla (eeeh…na' parola…);
    2) Coltivare e sostenere la motivazione;

    Questi due elementi, quando lavorano sinergicamente, dovrebbero portarci ad agire automaticamente, cioè a "settare" quasi spontaneamente le azioni da fare di volta in volta senza troppi piani e pianificazioni settimanali/mensili/annuali/decennali….

    Spero di aver capito bene…i consigli di Babauta, su questo argomento, sono un po' troppo vaghi, anche se probabilmente efficaci.
    Qualora in futuro ti capitasse di ritornare sull'argomento (con più esempi concreti e approfondimenti),è scontato che leggerei il tutto molto volentieri.

    Grazie ancora per la risposta data a tempo di record e buon lavoro.

    Alex

  • Dipende dal senso! La differenza è prima nell'obbiettivo, le tecniche sono una conseguenza se le sai usare tutte e puoi scegliere.
    Seduzione ha più significati, almeno 3 i principali:
    L'obiettivo può essere far innamorare; oppure sedurre fisicamente; o l'originale ma meno usato se-durre ovvero l'arte di darsi, vendersi, farsi apprezzare in senso lato, e con il sè fare apprezzare e accettare il proprio messaggio e quindi le proprie idee.
    Quest'ultimo significato di sedurre si sovrappone tranquillamente a quasi tutte le arti di comunicazione perchè è una impostazione generica propedeutica all'accettazione del mittente del messaggio, utile quindi qualunque sia la tecnica da usare poi nello specifico. No?

    Io però mi riferivo ai primi due sensi 😀 è stato divertente veder mischiato un pattern di seduzione sensuale ad un articolo sugli obbiettivi 😀

  • Seduzione, persuasione, copuwirting…comunicazione efficace che differenza c'è? 😉

  • ahah hai mischiato un pattern di seduzione ad un post sugli obiettivi!?

  • Ciao genna…devo dire che non sono molto d'accordo con Babauta…Vedo per esperienza troppe persone che trascorrono la vita sul divano a non far niente…Un obiettivo ha la forza di smuoverci e di farci applicare nella vita…Certo, molte persone riuscirebbero ad ottenere grandi risultati senza obiettivi, ma è anche vero che non aver un obiettivo scritto non vuol dire non avercelo in testa…

  • Buongiorno Genna 🙂

    io faccio un mix di solito… sto molto dietro alle cose che mi piace fare, anche se non hanno niente a che fare con la mia vita professionale e la maggior parte delle volte dovrebbero essere fine a sè stesse, dico dovrebbero perchè poi spesso si rivelano inspiegabili nessi per cui tutto diventa magicamente un unico insieme 🙂

    In questo non ho obiettivi, lo stesso avere un fine differente dal semplice provare piacere nel fare quella cosa, la renderebbe forse meno piacevole.

    In altri ambiti invece mi pongo obiettivi, perchè magari non seguirei spontaneamente quel percorso, sebbene il raggiungimento dell'obiettivo porterebbe dei bei vantaggi nella mia vita.
    A volte capita poi, strada facendo, che il percorso si riveli migliore di quanto pensassi e di riuscire comunque a provare piacere in qualcosa di programmato… o addirittura scoprire passioni nuove, che se non mi fossi 'imposta' quel percorso non avrei mai scoperto 🙂

  • ho l'impressione che ci siano obiettivi e obiettivi.
    se l'obiettivo è sempre solo "piu' soldi" o "successo" o … è bene restringere un po' il campo degli obiettivi, a volte. Se l'obiettivo compiere una determinata opera in un progetto, puo' essere interessante.

    sarebbe interessante qualche esempio, non credi?

    tu che ne pensi?
    Mikol

  • sono d'accordo quando si dice che l'obiettivo a volte può diventare un ostacolo…una mente creativa per essere tale non ha bisogno di schemi o regole e avere degli obiettivi a volte può soffocare la nostra spontaneità. questo succede anche in terapia: a volte il terapeuta può fare l'errore di imporre direttamente o indirettamente il suo schema ovvero la sua idea di percorso terapeutico tralasciando così la strada che potrebbe indicare il paziente, una strada del tutto personale ma che può essere quella più funzionale alla guarigione.ciao
    andrea

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK