Psicologia: “umorismo donne e uomini”

Ciao,

ti ricordi i post dedicati all’umorismo di Richard Wiseman?oggi ti mostro alcuni studi che mettono l’accento sulladifferenza fra “uomo e donna” nello umorismo. Differenzeche possono tornarti molto utili se ti ritrovi nelle tipichesituazioni sociali con l’altro sesso e che, ti danno unachiara direzione su come ci si dovrebbe comportare inalcuni frangenti della vita 😉

Lo sanno tutti ormai, gli “uomini vengono da Martementre le donne da Venere” 😉 Come ti raccontavo ledonne e gli uomini hanno delle differenze anatomiche efisiologiche che li fanno comportare in modo diversi…Mary Crawford della Università del Connetticut hastudiato la tendenza degli uomini a “vedere le cose inmodo assurdo”, come nelle barzellette e nelle donnedi “chiaccherare” di cose divertenti accaduterealmente.

L’autrice porta ad esempio una scena di “Sex on theCity” dove la protagonista racconta come un suo exl’abbia mollata lasciandogli un post-it:-). Un modoparticolare di fare auto-ironia che permetterebbealle donne di gestire meglio lo stress…che se ricordiper loro è più forte (presupponendo che anche tu,caro lettore sia un uomo 😉 Ma soprattutto questasorta di ironia sosterrebbe la “solidarietà di gruppo”.

Jennifer Hay, psicologa della Northwestern Universityha studiato in laboratorio decine di conversazione frai vari gruppi. Al contrario delle donne gli uominipreferiscono “canzonare” e “denigrare”…come giàdescritto negli studi di Wiseman…ma pare che quandouomini e donne stanno insieme in gruppo la tendenzasi ribalti…mentre gli uomini diminuivano il lorocanzonarsi, questo effetto aumentava nelle donne.

E, mentre gli uomini diventavano più autoironici ledonne, in un gruppo misto, sembrano perdere questotipo di capacità. Nonostante tutto, entrambi uomini edonne hanno molto in comune, ad esempio ridonomolto di più quando sono interessati/e ad unapersona, per alleggerire lo stress nelle situazionidi tensione e per, dimostare la loro intelligenza e…a volte…superiorità nei confronti degli altri.

Fammi sapere che cosa ne pensi lascia un commentoqui sotto e se ti piace il mio blog iscriviti ai mieifeed rss oppure seguimi dal tuo account di facebook.

A prestoGenna

Ps. oggi torno dalla Sardegna e il blog tornerà adavere articoli più curati…parola di lupetto ;-)anche se …tutto sommato anche questi diquest’ultima settimana sono stati apprezzati…grazie 🙂

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: “Come NON entrare in rapport” ;-)
psicologia clinica: parlare dei traumi fa bene?
“Remote Viewing”…
Ipnosi non verbale…Vol. 2
4 Commenti
  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Marco,

    ehhh bhe…se non lo "pensi" tu chi altro potrebbe pensarlo? ;-))))

    bravo Marco seguo sempre il tuo lavoro 😉

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Anonimo,

    ti ringrazio per la critica, ma è anche giusto che tu sappia che scrivo TUTTI i giorni da 3 anni…e …a differenza di repubblica io sono "l'unico editorialista"…

    …senza pensare che… è estate e mi prendo un mesetto di vacanza dove registro i miei articoli.

    Su 1000 articoli scritti è ovvio che ce ne siano di brutti o di già visti.

    Comunque, se decidi di non leggermi più per questo motivo ti capisco. Ognuno è libero di scegliere quale in-formazione scegliere.

    Genna

    Ps. per tutti quelli che la pensano come te… ci sono tanti siti in giro che parlano dei miei stessi argomenti…andate a leggerli e confrontate. Non sono così borioso da credere che il mio sia il migliore, ma di certo ci sono "molti messaggi"…

  • Ciao. Mi piaceva il tuo blog ma i tuoi articoli peggiorano sempre di più.
    Non trovo nessun messaggio.
    Vedi l'esempio su questo sito http://www.repubblica.it/

  • Marco alias Reborn
    Rispondi

    Ho sempre pensato che lo "sdrammatizzare" maschile sia molto ….. strategico 🙂

    Mentre l'approccio femminile ai problemi è più "parliamone, mi devo sfogare" 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK