Psicologia: “perchè siamo più aggressivi al volante?”

Ciao,

hai letto il post di ieri sulla aggressività? in pratica abbiamocercato di unire l’etologia (cioè lo studio del comportamentoanimale) e la psicologia per spiegare come mai, pare che lanostra società stia diventando “sempre più aggressiva”. Laspiegazione migliore ci arriva dalla osservazione dellescimmie e su come, quelle che “stanno in città” sono moltopiù aggressive di quelle che “stanno ” nella foresta. Nellouomo ci sono molti comportamenti aggressivi ma in modoparticolare questi vengono a galla quando si trova inspecifiche situazioni.

La più classica delle “situazioni” è quando si guida! non sose te ne sei accorto ma la gente al volante è ultra “tesa”…non per nulla chi “guida per mestiere” è zeppo di malannicausati dallo stress. Nella mia vita ho assistito davvero amolte cose, ma mai assurde quanto i litigi che capitano inauto. Giusto per raccontarne una: sto guidando sullaModena-Brennero al massimo della velocità consentita;)sono sulla corsia di sorpasso perché a destra è zeppo dicamion…

…un tizio con una focus blu inizia a farmi i fari da lontano,lo vedo ma non posso fisicamente immettermi sullacorsia di destra. Fino a qui… tutto normale…finalmentesupero tutta la colonna di tir e posso buttarmi a desta.Il tizio si accosta alla mia auto ed inizia ad inidicarmi confaccia cattivissima, urlando come un pazzo. Io, che nonsono un angioletto…accosto… e gli chiedo che cosa vuole.E lui mi dice che: “tu devi stare sulla corsia di destra…ecc…ecc…perchè vai veloce come i camion”…

…bhe, fortunatamente non è successo nulla. Gli ho solospiegato che andare a 130 sulla corsia di destra è quasiimpossibile, soprattutto sulla “Modena Brennero” cheha solo due corsie 😉 Ma devi sapere che in alcune partidel mondo la gente “si spara” per queste cavolate e lacronaca, anche in Italia, è zeppa di cose del genere. Maperché succede proprio in macchina? La migliorspiegazione è di un italiano… Antonio Preti psichiatrae psicoterapeuta della Università di Cagliari.

Il dott. Preti parla di “sovraccarico cognitivo”. Tutti sannoche guidare è una delle attività più complesse che lamaggior parte delle persone apprende “automaticamente”.Mentre guidi fai migliaia di cose contemporaneamente.Visto che per “tenere a bada l’aggressività” è necessariauna forte “cognizione” durante la guida questa ha unasoglia decisamente più bassa. Visto che gran parte deltuo cervello sta facendo altro… altri studi, in oltrehanno dimostrato che l’auto, facendoci sentire protettici permette comportamenti molto più aggressivi.

Interessante l’ipotesi di Preti perché potremmo in qualchemodo generalizzarla a tutti quei comportamenti che, in unmodo o nell’altro sovraccaricano il nostro sistema cognitivo.Ad esempio, non è raro che liti violente scattino sul lavoro.Oppure durante una partita di pallone, dove i calciatorisono intenti a vincere… Ovviamente questa è una rabbia”multifattoriale” dove scatta la protezione e la promozionedi quei reami di cui abbiamo parlato nello scorso post.

Concludendo: queste ipotesi possono essere davveropreziose per chiunque gestisca, ad esempio, un’attivitàlavorativa ad alto carico cognitivo. Scrivilo e spiegalo,magari, attaccando un biglietto su una parete… in questomodo potrai evitare molte liti. Fammi sapere come va…e come sempre, se ti piace il mio blog…sai cosa puoifare per aiutarmi a farlo crescere 😉

A prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Sviluppo Professionale: “il Pulitzer online”
Sviluppo Personale: “tutta la verità sul Neuromarketing”
Sviluppo Personale: “I Griffin prendono per il naso il miglioramento personale” ;-)
PNL: metaprogrammi e linguaggio di influenza…
2 Commenti
  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ahahah…grazie per il
    commento Elisa e mi
    raccomando…stai lontana dai negozi di armi :DDD

  • Prima per andare in ufficio mi facevo 13 km di traffico selvaggio all'andata e al ritorno, quasi ogni giorno ringraziavo Dio di non essere armata :)))

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK