Psicologia ed etologia: “perchè siamo aggressivi?”

Ciao,

cosa leggi “sotto l’ombrellone”? io “Mente e Cervello” ;-)una delle riviste divulgative più carine… lo so non sonodel tutto normale, invece di terminare l’ultimo romanzodi Ammaniti (che mi piace tanto) mi sono messo a leggereun articolo dedicato alla “aggressività urbana”. Perché lepersone sembrano diventare sempre più aggressive? seci pensi si sente sempre più parlare di “micro gang” e diragazzini che invece, magari, di fare una bella scazzotatasi accoltellano :/….

…nell’articolo di “Pierangelo Garzia” pare esserci unaspiegazione etologica a questo. L’etologia mi ha sempreaffascinato ed il racconto che c’è sull’articolo è anche di unprofessore che ho conosciuto quando studiavo psicologiaa Padova…Andrea Campiero Ciani, il quale ha studiato peranni il comportamento delle scimmie e degli animalitraendone conclusioni davvero interessanti per chi studiail comportamento umano.

Quindi, perché si diventa aggressivi? Perché essa èaltamente adattativa…cioè permette agli animali (uominicompresi ;-)) di procurarsi il cibo, difendere la prole ed ilpartner, il territorio ed anche il rango. Ciani ci dice che lescimmie, anche quelle più reattive lo diventano sempre esolo in base al contesto e sempre per difendere quei 5reami che ti ho appena descritto. In pratica non si trattadi una indole “genetica” ma di una “indole contestuale”.

Sul finire degli anni 70 S.D. Singh ha pubblicato un articolointitolato “urban monkey” nel quale era descrtitto ilcomportamento delle scimmie indiane e dove dimostravache le scimmie che vivono in città sono più aggressive diquelle che vivono nella foresta. Ciani, partendo da questoarticolo aveva deciso di terminare la propria tesi sulloHimalaya… in pratica seguiva le scimmie che facevano da”pendolari” fra la foresta e la città per procurarsi cibo.

Ciani ha notato che quando le scimmie erano in cittàdiventavano molto più aggressive rispetto a quando esseerano nella foresta… questo proprio perché in città dovevanoprocurarsi il cibo. Riuscire a procurarsi il cibo include quasitutti i bisogni di cui abbiamo parlato prima (difendere ilproprio partner, assicurarsi che la prole viva e saperaffermare il proprio status all’interno di un gruppo). Ok,non si sta affermando che siamo “uguali alle scimmie” mache abbiamo molti comportamenti identici agli animali.

E infatti se ci pensi dov’è che le persone sono piùaggressive? guarda caso proprio in città 😉 e…guarda casoproprio per difendere quei “reami” descritti nell’ articolo.Un altro luogo dove ci “si scanna facilmente” è in auto. Nonso se te ne sei mai reso conto ma la gente in auto cambiaradicalmente. Ho alcuni amici, veri e propri “angioletti”che quando si mettono al voltante diventano dellebestie assetate di sangue. Ovviamete esagero perscherzare…ok? ;-)))

Perché ci si scalda tanto in auto? se vuoi la rispostaa questa domanda puoi fare due cose, o vai a prenderti”Mente e Cervello” di questo mese (scelta che ti consigliocomunque se sei appassionato) oppure aspetti domani ;))Nel frattempo, fammi sapere che cosa ne pensilasciando un commento qui sotto…e se ti piace il mioblog, iscriviti ai feed rss oppure seguimi dal tuoaccount di facebook.

A prestoGenna

Ps. leggendo il post di domani scoprirai come usare,parte di queste scoperte per migliorarti…in verostile PsiNeL 😉

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
PNL: “Ricordi Auditivi”
Entrare in Rapport con “uno sguardo”
Jill Bolte Taylor: una storia meravigliosa a cavallo fra neuroanatomia e trascendentale
PNL: “Guida agli Audio…allo swish cinestesico”

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK