PNL: “Il cervello del batterista”

Ciao,

nel mondo tutto ha un ritmo, dal tuo battito cardiaco allo scorrere dei fiumi sino alla regolazione dei tuoi geni. Come ti ho già detto il libro che mi sono letto”sotto l’ombrellone” è stato “Diesegnando il tuo destino” di Gabriel Guerrero.

Davvero un bel testo che contiene sia informazioni datate, ma molto ben riformulate sulla PNL e sia informazioni inedite.

Da molto si sa che i movimenti incrociati del corpo facilitano la connessione fra i due emisferi. Non chei due emisferi siano “due cervelli diversi” ma è provato che una loro migliore innervazione ha molteplici vantaggi.

Fare “movimenti incrociati”significa fare cose diverse con le due parti delcorpo. Camminare, gattonare, nuotare, ecc…inmolti sport queste sono abilità necessarie.

Guerrero a proposito descrive un esercizio che fa fare un suo “assistente” e amico, Leonel. Si tratta diesercizi di cordinazione fra mani e piedi…ed aversti dovuto vedere la mia faccia quando ho lettoil titolo dell’esercizio: “paradiddle”??? ma è unesercizio che ho fatto milioni di volte…perchého suonato per 12 anni la batteria. E se anche tusei un batterista lo conosci alla perfezione.

Quando suoni un “ritmo” con entrambe le mani la prima cosa che succede è…indovina? te ne vai in uno stato modificato di coscienza, ecco perché ho deciso di spiegarti come funziona il paradiddle, nelmodo più semplice possibile e…magari più avantilo complicherò leggermente per fare in modo chela cosa sia “più divertente per tutti” 😉 Ricorda cheil semplice farlo ti permette di raggiungere quellostato che spesso abbiamo chiamato mindfulness.

Ecco l’esercizio:

1) Siediti con la schiena ben eretta e appoggia lemani sulle ginocchia. Dovrai colpirle leggermentesenza farti del male…ok?

2) Prima di muovere le mani pronuncia la frase”paradiddle” spezzettandola in questo modo…pa—ra—diddle.

3) Fai corrispondere il movimento della manodestra (D) con la prima parte della frase (pa). Lamano sinistra con la seconda parte (ra) e infinela mano destra con 2 colpi su l’ultima partedella frase. Incrocia il movimento in questomodo….

Pa(D) —-ra(S)—-diddle(D-D) e poi di seguitoPa(S) —-ra(D)—-diddle(S-S) …per poiriiniziare con la destra, viene fuori una sequenzacontinua di colpi. Evita di preoccparti se subitonon riesci ad andare a tempo, lentamente tirenderai conto della sequenza.

Nel video hai appena visto un esempio estremodi bravura…ma almeno così hai le idee più chiare.Quando l’avevo studiato mi facevano pronunciarela frase, ma non è necessario…e in caso non sicapisca la pronuncia è “pa- ra- di- dol”…e con la”nomenclatura precedente” viene… “pa (D) ra (S)di (D) dol (D)…pa (S) …ra (D) …di…(S)…dol (S).

Bhe…se sei un batterista spero perdonerai lamancanza di maggiori informazioni e le eventualievoluzioni dell’esercizio.

Non voglio insegnare a suonare la batteria, voglio solo dare un modonuovo e interessante di incrociare gli emisferi e acquisire maggiori capacità ritmiche…che, detto fra noi sono utili in TUTTI i campi della vita, dalla guida alla comunicazione umana.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Intelligenza: la teoria delle intelligenze multiple…e la PNL…
PNL: “Le Ancore funzionano davvero?”
Distorsione temporale: “Come viaggiare nel tempo con la mente”
PNL: Nuovo Codice e modellamento … Intervista ad Andrea Frausin
4 Commenti
  • Non ci credo! Finalmente un pò di batteria e sviluppo personale 😉

  • ehehehe… quanti "paradidol" sui tavolini del pub!!!….
    😉

    Comunque, l'ho appena rifatto e mi ha assolutamente "sflesciato": disteso e attivato insieme!

  • Semplicemente fantastico quest'esercizio!!! 😀
    Inizialmente sembra semplice (addirittura banale) ma appena inizi ad aumentare velocità perdi completamente il controllo finchè non sbagli! (un pò come succede quando giochi a guitar hero per citare un tuo predìcedente articolo! 😉 )
    Io non sono un batterista, però ho un fratello che se la cava abbastanza bene e l'altro giorno avevo proprio chiesto a lui di insegnarmi qualche ritmo dei suoi. Come è successo adesso con il "paradiddle" inizialmente sembrava facile, poi aumentando la velocità è diventato impossibile, mentre continuando a provare si è di nuovo semplificato quasi come se le mani facessero tutto da sole!!Impressionante 🙂
    Ciao!!

  • Interessante articolo, da un pò sto riflettendo se è il caso di assecondare mio figlio quando dice che vorrebbe studiare batteria (senza grande entusiasmo) perchè preferirei che imparasse un'altro strumento musicale e questo articolo è stato illuminante sui vantaggi che avrebbe anche studiando batteria, grazie. Ely

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK