“Apprendimento – memorizzare in tarda età”

Ciao,

l’altro giorno ti ho parlato dei “corsi di memoria” e proprio oggi mi imbatto in un interessante articolo. Da tempo gli psicologi studiano con attenzione i meccanismi della memoria e, fra le diverse scoperte che hanno fatto c’è quella legata ai “limiti della memoria”. Che ci vuoi fare, gli psicologi, soprattutto quelli di una volta erano più orientati a cercare “i limiti” delle cose piuttosto che studiare il modo per migliorare le persone…fortunatamente oggi non è più così! (ovvio, c’è sempre chi rimane nella preistoria)

Così, secondo chi studia questi meccanismi dopo una certa età la memoria, così come tutte le altre funzioni cognitive (attenzione, percezione, ecc.) diminuiscono sempre di più in un lento declino. Tuttavia, la moderna ricerca ha scoperto che, più si utilizzano queste risorse e più diventa difficile perderle. Con il classico “se non lo usi lo perdi”, gli psicologi hanno constatato, sempre di più, che esistono persone che,nonostante l’età riescono a svolgere compiti cognitivi molto complessi, anche memorizzare interi libri a 58 anni.

Questo è il caso di John Basinger, che a 58 anni ha deciso di imparare a memoria il poema “il paradiso perduto” come complemento al suo esercizio fisico. Il poema è composto da ben 12 libri e John gli ha appresi tutti, parola per parola, e dal 1993 ci ha costruito sopra uno spettacolo che porta in turnè. John Seamon psicologo e ricercatore della Universitàdi Wesleyan, dopo aver assistito allo spettacolo ha deciso di studiare i processi di memorizzazione di Basinger…per cercare di comprendere come avesse potuto memorizzare così tante cose con “così tanti anni” 😉

Il risultato è stato decisamente sorprendente…mentre la maggior parte dello staff di Seamon credeva che John si avvalesse ti mnemotecniche specifiche, la ricerca ha dimostrato che non è così. In pratica Basinger ha detto di essersi limitato ad apprendere, ogni giorno per diversi anni 7 righe al giorno a memoria. E, se conosci la famosa ricerca di Miller del “magico numero 7 + o – 2” saprai che questo…il 7… è il numero “massimo” di elementi che la nostra mente riesce a computare contemporaneamente.

Quindi, nessuna mnemotecnica esplicita ma solo una super costanza nel voler apprendere…e ovviamente una memoria allenata negli anni… perché, come sa chiunque abbia mai fatto una rappresentazione teatrale, gli attori devono per forza imparare a memoria i loro testi (o copioni) per poi riprodurli fedelmente sul palco… e chissà quanti altri attori di una certa età hanno una memoria che sfida le ricerche (vecchie e datate) sui limiti della memoria.

Sembra quasi che i limiti della memoria siano dati dalle  convinzioni che le persone, di una certa età si formano.Credenze legate al fatto che “dopo un po’ di anni non si ha più quello smalto” ecc… Bene sono convinto che questa notizia possa far ricredere molte di queste persone.

A presto
Genna

Ps. e’ chiaro che l’allenamento mentale in una qualsiasi disciplina crea da se le proprie strategie. Questo sta a significare che Basinger, nel tempo, si era certamente creato dei propri metodi personali per apprendere, come quello di farlo solo con 7 righe per volta.

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Come scegliere un corso di formazione attraverso 3 segnali
E’ possibile apprendere tutta la vita?
“Attenzione formatori – la comunicazione non verbale e la congruenza”
Apprendimento efficace: “la punizione aumenta la memoria?”
3 Commenti
  • Ciao Genna!
    Io lavoro a contatto con persone per lo più anziane in un reparto riabilitativo post-operatorio. Ora, a prescindere dall'età, non posso non notare le differenza fra le persone tendenzialmente "attive" (quelle che
    "devo tornare presto a casa in forma che ho l'orto e i nipotini che mi aspettano..)e quelle "meno attive" "chissà se tornerò quello di una volta- che brutta cosa la vecchiaia" (quest'ultima una delle frasi più gettonate :-D).

    Di conseguenza, ci sono quelli che, pur basandosi sulle proprie passate esperienze, non esitano a voler imparare qualcosa di nuovo. C'è, invece chi, getta la spugna dopo pochi o nulli tentativi.
    Questione di…? Stile di vita? Carattere? Abitudini?

    Ci sono pazienti (parlo sempre del genere maschile eh :DD) che conoscono a memoria la propria terapia da anni, ed altri che, se non hanno la "provvidenziale" moglie a portata di mano, si ricordano a malapena l'intervento che hanno fatto.
    E ci sono molti Young-old, fra questi 😉

    Buona giornata e buon lavoro!

    Doriana.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Marzio,

    si la tua è una buona ipotesi che c'entra sicuramente con i meccanismi di memoria… cioè, se non ho capito male, il fatto che quando hai a disposizione più conoscenze tendi ad utilizzarle come "mappa" per conoscere altro.

    Tuttavia, come hai giustamente detto, la memoria è qualcosa di più complesso… perchè è una funzione e non una cosa 😉 senza memoria non si potrebbe fare praticamente nulla, neanche leggere queste parole e scrivermi gentili commenti ;-)))))))

    Genna

  • ciao,
    ho l'impressione che la memoria sia qualcosa di più complesso di una semplice registrazione di un informazione. credo che riguardi il flusso del penseiro e il funzionamento della coscienza. forse la coscienza cambia il suo modo di funzionare con l'età: conosce il mondo e si basa su queste conoscenze…e smette di pensare di conoscere cose che non comprende…che ne dici?

    Marzio

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK