Comunicazione Efficace: “l’arte del copywriting”

Ciao,

qualche tempo fa sono andato in libreria e ho acquistato unpo’ di testi newage, della serie “Zero Limits“…you know ;-)Mentre mi aggiravo per la “bottega” il titolare inizia a nonfarsi gli affari suoi e mi incalza con battutine e domandevarie del tipo: ” ah si vuole vedere anche questo testo..hihihi”. E mi fa un po’ di domande ficcanaso…”ok, ma lei checosa cerca di ottenere da questi libri?”. E io lo guardo e glidico: “vedere il loro copy”, lui resta un po’ basito, finge dicapire e mi lascia perdere 😉

Con il termine “copy” intendevo “copywriting” cioè l’artedi scrivere un testo che persuade e, di conseguenza, vende.E tanto che volevo scrivere un pò di articoli su questo tipodi argomento, visto che la maggior parte della gente che misegue è interessatissima al mondo del web e in modoparticolare a come utilizzare questo meraviglioso strumentoper sostenersi. Ma tranquillo non voglio farti una lezione sulcopywriting, anche se penso che potrei farlo, ma solofare alcune piccole considerazioni.

Perché studiare il copywriting? perché è uno dei pochi modial mondo per, applicare qualcosa e vederne i risultati. Cioè,mi spiego meglio: sappiamo tutti che “scrivere bene è unavera e propria arte” ma non tutti sanno che (benedetteparole crociate ;-)) nel copywriting è possibile mescolareinsieme, arte e scienza. Si… hai capito bene “scienza”…infatti con il copywriting è possibile testare se un certotipo di scrittura – persuade o meno – e non si tratta solodi comprendere se viene apprezzato o letto!

Ti faccio un esempio: se sei iscritto alla mia newsletter saiche ogni lunedì (circa) ti invio una mail personalizzata incui ti invito a venire a dare un’occhiata al mio blog. Oggi houna lista considerevole ed il mio software di “invio mail” mipermette di fare una cosa che si chiama “split test”. Inpratica mi permette di mandare due email differenti insiemee confrontare quante persone la leggono. E in tempo, quasireale, farmi capire quale è delle due quella più aperta e quellapiù cliccata. Così, magari, posso modificare di poco il mio copye vedere… ad esempio … quale è “l’oggetto email” cheha più piglio! 🙂

Questo è straordinario per chi si occupa di comunicazioneefficace, non trovi? sapere in tempo reale se quello che diciha o meno appeal sul tuo pubblico. Ho molti amici che, inpassato, hanno fatto i copywriters per grandi agenziepubblicitarie, e se c’è una cosa che ho imparato da loro èche: se vuoi diventare bravo a scrivere in quel modo, devi”vedere tutto”. Dalla sitcom che in realtà non ti piace (se tioccupi di quel genere di scrittura) al libro in cui “non credi”.Ho iniziato parlandoti di “Zero Limits” un libro davveroassurdo che parla del famoso ho’ oponopono…

…se mi leggi, sai già come la penso su queste cose – seinvece è la prima volta che atterri sul mio blog, sappi chea me le cose legate alla “legge di attrazione” e compagniabella, non piacciono! (per un milione e mezzo di motividiversi ;-)) eppure mi compro i loro libri … proprio perchévoglio vedere e studiare da vicino il loro modo di scrivere,e quali chiavi utilizzano per arrivare dritto al cuore deilettori, in pratica per persuadere 😉 e devo proprioammettere che “Zero Limits” è scritto benissimo 🙂

Non per nulla il suo scrittore “Joe Vitali” è diventatofamoso proprio scrivendo un libro su questo argomento:”Hypnotic Copywriting”. Un libro che applica l’ipnosi, cheoggi chiamiamo conversazionale, alla scrittura di testi.Concludendo: se vuoi saperne di più su qualsiasi cosaè corretto acquistare materiale dei più bravi e i piùesperti … ma è anche giusto leggere e studiare le coseche “non ti piacciono”, perché potresti sempre trovarciqualcosa di utile…oltre al semplice fatto che se poi, haiintenzione di criticarli, è giusto che tu li abbia letti 😉

Fammi sapere che cosa ne pensi. Anche tu come mela pensi così? lascia un commento qui sotto e se non lohai ancora fatto, iscriviti ai miei feed rss oppure seguiil blog dal tuo account di facebook.

A prestoGenna

Ps. alla fine il libraio mi ha guardato e ha detto: “ahhhora ho capito, si tratta del marketing giusto?”…e io “siesatto”… al termine della nostra “transazione” il tiziomi ha detto “ehi…ma sei un genio” :DDDDD(come si chiama questa tecnica di storytelling???)

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Il Futuro della Psicologia e della Crescita Personale…le macchine sostituiranno l’uomo?
Benessere Psicologico: “non solo patologia ma Wellness”
“non è per sempre…” Come affrontare il divorzio!
Secondo Video Post…
12 Commenti
  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Anonimo,

    Non è "imparare a gabbare la gente" e imparare a comunicare bene. Per di più, conoscere le tecniche ti permette di difenderti…

    …con un coltello ci puoi tagliare il pane o ammazzare una persona. Per questo motivo non è degno di essere conosciuto se è utile per fare ottimi manicaretti? 😉

  • Ciao Genna,
    non conosco il libro di cui stai paralando, ma spesso mi capita di sfogliare libri che sono fatti per raggranellare soldi, piuttosto che insegnare realmente qualcosa. A me sembrano solo delle fregature come i telefoni cellulari finti che vendono agli sprovveduti ai semafori o i videoregistratori con il mattone incorporato che tanto andavano di moda qualche anno fa 🙂
    Spesso questi testi si rivolgono a persone di cultura medio bassa bisognose di aiuto: come sparare sulla croce rossa.
    Fanno tante parole senza arrivare mai al dunque. Riempiono capitoli interi di "success storyes" e come un disco rotto ripetono sempre le stesse cose.
    Alcuni sono proprio ridicoli anche nel layout: caratteri giganteschi, margini spropositati, interlinea improbabili, immagini e disegni privi di utilita'…

    Perche' voler imparare a gabbare la gente ?
    Personalmente se fossi costretto ad un'operazione del genere, mi guarderei bene dal utilizzare il mio vero nome.

    Poi non credo che tranne rari casi, gli autori di libri di questo tipo riescano a trarne un vero vantaggio economico.
    I veri beneficiari credo che siano le case editrici.
    Ecco perche' non prendo in considerazione testi pubblicati da alcuni editori che ritengo poco seri e quasi mai compro un libro senza poterlo sfogliare !

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Salvo,
    potrebbe essere un primo passo…ma prima ancora ti consiglierei di guardarti attorno per capire dove vorresti andare a vivere, al tuo ritorno 😉

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Giomarketer,

    non ho testi precisi sull'utilizzo dei modelli linguistici della PNL per il copywriting. Però ci sono esempi interessanti in "persausion engineering"…

    …la cosa più interessante è prendere tutte le categorie linguistiche della PNL e scriverle. Produrre a più non posso i modelli linguistici 😉

  • Grazie, grazie dei consigli.
    Andare a vivere per le vacanze estive (1-2 mesi) in una città estera sarebbe d'aiuto secondo te? O solo un'evasione? L'idea è già in cantiere da un po..
    Forse potrebbe essere un primo inizio. Si potrebbe far fruttare quel periodo studiando la lingua del luogo ad es. e migliorando i rapporti interpersonali, che altro? 🙂
    Salvo.

  • Bel Post come al solito….

    anch'io ultimamente sono molto interessato al copywriting, ma quello leggermente più ipnotico.

    Quello più farcito di presupposizioni, insomma più ricco di milton model.

    Hai qualche testo da consigliare magari un po' più tecnico? Un po più "How to"?

    Prova a leggere qualcosa di Christopher Tomasulo o Dan Kennedy

    Ciao
    Giovanni

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Anonimo 😉
    prima di farmi la "mia opinione" mi sono tuffato a capofitto nella meccanica quantistica, fino a chiedere a veri fisici che lavorano in quel campo.

    Le teorie di Penrose e altri genialoidi della nostra epoca sono più che interessanti, ma questo non significa che se stai chiuso nella tua stanzetta a "pensare" che il futuro sarà come te lo immagini accadrà sul serio 😉

    Quindi quello che contesto non è la teoria ma l'applicazione newage…creata solo per fare soldi 😉 la teoria è fighissima ;-)))

    Genna

  • Se non credi al libro The Secret, allora non credi neanche a tutto quello che riguarda la fisica quantistica, dato che mi pare che il libro si basi da essa. O sbaglio.

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Rino,

    si il libro è una vera e propria "lettera di vendita" con tanto di noiosissime testimonianze 😉

    …ma il copy è molto carino ed interessante, ha una struttura invidiabile… la storia (questo fantomatico guru) – la rottura dei vecchi schemi (qualcosa di nuovo da vendere) -il distacco dal vecchio metodo Huna -…insomma è un prodotto ben fatto – mai come "the secret"- ma ben fatto.

    Genna

    Ps. spero sia chiaro che non credo a nulla di quello che c'è scritto :DDD

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Salvo,
    credo proprio che il tuo "problema" sia qualcosa di molto comune quando ci sono "generazioni che si scontrano". Quando parlo ai miei colleghi più vecchi della mia attività di publishing (scrivere questo blog) pensano che stia parlando di cavolate senza senso…mentre chiaramente io penso sia il futuro…anzi il presente 😉

    Bisogna rispettare chi è arrivato prima di noi ed anche il fatto che non accettino il nostro progredire. Il modo migliore per farlo è renderti indipendente da loro, magari andare a vivere da solo – lo so che sono tempi durissimi per fare questo, ma se vuoi puoi..- se tieni davvero al tuo sviluppo personale esci di casa e vivi la tua vita…rispettando la loro 😉

    Mi auguro di esserti stato d'aiuto

    Genna

  • Ciao Genna,
    io l'ho letto il libro e non mi e' sembrato scritto chissa' come, forse perche' l'argomento era talmente banale che poteva essere trattato in poche righe. Mi annoiava tanto che non sono riuscito a leggere tutte le testimonianze contenute nel libro, nonostante sia uno che legge con interesse quasi tutto.
    Complimenti per la qualita' e la frequenza degli articoli 😉

    Rino

  • Ciao Genna, parli spesso di crescita personale, e ti seguo già da qualche mese ormai, ma cosa consigli di fare quando si ha la sensazione che le persone a te vicine ti stiano limitando nella tua crescita? Cioè vivo in casa coi miei, ai tempi della scuola mi motivavano un sacco, erano dei veri e propri coach, anche perchè entrambi laureati e professori, ma ora finita l'università (io sono alla specialistica, loro in pensione), quando parlo del fatto che oltre a ciò che studio nel mio settore (ing.), mi piacerebbe un giorno scrivere libri, migliorare il mio modo di parlare facendo qualche corso, insomma prepararmi a 360 gradi, a loro sembra quasi assurdo. Penso che coloro con cui si vive (chiunque essi siano) vadano naturalmente ad in fluenzare il tuo modo di essere e ciò che fai, questo credo che lo pensi anche tu no? 🙂
    La domanda che ti faccio non è quella di risolvere la mia situazione, se potessi fare così tanto con un messaggio non saresti umano 🙂 Ciò che mi chiedo e se mi Sai Consigliare Come Trovare Nuovi Stimoli, mi accorgo che fare scelte di crescita è più difficile quando nascono solo da te, senza l'appoggio di amici e parenti che ti sostengono. Magari mi consigli qualche libro, ultimamente leggo molto, grazie anche al tuo blog.

    Grazie al web scopro quanto studiano e si preparano certe persone…leggendo anche libri che non gli piacciono, semplicemente per capire come sono stati scritti :p questo sicuramente mi motiva!
    Grazie, Salvo

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK