Vantaggi meditazione: la pratica può renderti il 50% più “sveglio”?

Ciao

hai ascoltato l’Audio su come “meditare camminando”?

Da tempo si conoscono i numerosi vantaggi della meditazione, dagli studi già citati in questo blog, quelli di Zimmermanne quelli del dr. Jha, si sa quanto fa bene praticare una qualsiasi forma di meditazione.

Per valutare “quanto fa bene una pratica meditativa e necessario” indagare gli aspetti più “oggettivi”* della psicologia, come la memoria di lavoro, il sistema esecutivo, e le abilità visuo-spaziali.

*Intendo “oggettive” nel senso che tutte queste funzioni cognitive possono essere misurate facilmente, e sono quelle che in psicologia sperimentale si chiamano: funzioni cognitive.

L’oggettività deriva dal fatto che si può realmente sapere, ad esempio, quante cose si possono tenere a memoria, o i tempi di reazione di fronte ad uno stimolo oppure la capacità di operare con oggetti nello spazio.

(Ad esempio si sa che le donne sono meno brave ad orientarsi nello spazio, ecco spiegato lo stereotipo della “donna al volante”).

Fino a quando Zeidan e collaboratori non hanno dato il loro contributo allo studio della meditazione, pareva chele prove a favore non fossero così rilevanti soprattutto dal punto di vista delle “funzioni cognitive”.

Invece oggi,grazie a questo studio abbiamo una serie di dati molto interessanti che documentano, ancora una volta, i vantaggi di chi utilizza questa pratica. Meditando si ottiene una migliore performance cognitiva che arriva sino al 50% di rapidità in più rispetto ad un non meditante.

Prima di dare un’occhiata più da vicino all’esperimento e alla metodologia, voglio farti ragionare su questo dato: dal 15 al 50% di velocità e accuratezza in più! Non so se ti “rendi conto”.

Significa che se prima ti servivano 10 giorni per prendere una decisione importante, meditando è possibile prenderla in metà del tempo…per cui 5 giorni. Questo è chiaramente una esagerazione, ma credo che sia molto chiara.

 

Lo studio è apparso su Consciousness and Cognition e si svolgeva in questo modo:

 

Ad un gruppo veniva fatta fare una meditazione della durata di 15 minuti per 4 giorni mentre al secondo gruppo (di controllo) veniva fatto ascoltare, per lo stesso lasso di tempo, un audio libro di Tolkien (lo Hobbit…per chi non lo sapesse il libro che precede il famoso “signore degli anelli”.

Nonostante la poca pratica (4 giorni sono pochissimi) i soggetti del primo gruppo hanno, sia migliorato le loro performance cognitive e sia superato quelli del gruppo di controllo.

Questi risultati confermano la veridicità della ipotesi iniziale, cioè che la meditazione permetta un vero e proprio incremento delle facoltà cognitive. Per essere più chiari, è come se potessi costantemente tenere aggiornato sia il software che l’hardware del tuo Pc.

Sappiamo tutti che cosa succede se, di tanto in tanto non pulisci il tuo pc…oppure se dopo qualche anno non lo cambi…no? La stessa cosa succede a noi!

Ok…ok…questo è il lato della pulizia…ma non accade solo questo, infatti visto che la “cognizione aumenta”sarebbe anche come se tu acquistassi delle espansioni per aumentare la memoria, la velocità di calcolo e la utilizzabilità del tuo Pc.

Beh… ho usato questa analogia perché ho pensato “se mi stai leggendo su un pc è molto probabile che tu sappia di cosa sto parlando”.

Concludendo: attraverso la meditazione puoi rendere la tua auto più bella e veloce, senza stare li a cambiare, neanche un pezzo. Tutto quello cheti serve è la disciplina per praticare 😉

Come sempre fammi sapere se ti piace, lasciando un commento qui sotto e se ti piace il blog, seguilo dai feed rss oppure dal tuo account di facebook.

a presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Meditazione e Flow: similutidini e differenze fra presenza e stati di flusso
Il Testimone: una chiave per il miglioramento personale
Un esercizio che “migliora il mondo” :)
L’Ascolto Attivo e la “Meditazione Linguistica”
Le 3 dimensioni della meditazione di consapevolezza
La meditazione come laboratorio mentale
Meditazione: “Diventare se stessi…il Sè Junghiano”
Intelligenza Emotiva: meditare per gestire le emozioni
7 Commenti
  • Grazie mille!

  • Ciao Giacomo, se non sbaglio l'ho linkato,
    dovrebbe essere questo : Mindfulness meditation improves cognition: Evidence of brief mental training ☆

  • Ciao Genna,
    mi puoi dire il titolo originale dell'articolo a cui ti riferisci?
    Vorrei cercarlo nell'indice articoli della mia università.

    Grazie Mille

  • il 50% più rapido vuol dire impiegarci 2/3 del tempo (perché vai a una velocità di 3/2), no?

    cmq non male 😀

    Ale

  • Mooolto interessante, da profano… 😉

    Forse questo non c'entra nulla – con il post di "oggi" almeno – ma l'informazione che mi ha colpito di più è quella su "Donna al volante…"… 😛

    Tutte queste "differenze" – ad esempio tra uomo e donna, mi hanno sempre incuriosito, con le loro motivazioni: che ne so, l'uomo era abituato a cacciare nell'età della pietra, da cui il vantaggio nello spazio, la donna a raccogliere i frutti, da cui l'abilità nello shopping, magari. Ora, mi rendo conto di ridurre la vostra Scienza Sociale a una serie di aneddoti e fatti curiosi, ma, se potresti approfondire queste "differenze", nei tuoi post – o se già l'hai fatto, non ti seguo da molto… 😉

    Per l'articolo di oggi… Mi ha fatto venire voglia di provare più a fondo questa strada della meditazione anche se, per esperienza personale, credo di averlo sempre fatto, con conseguenze non sempre felici, del tipo: perdersi in montagna a 2000 m dopo essere usciti da un sentiero battuto e dover tornare indietro per km sotto la pioggia… 😀

    Eugenio

  • Ahahah…ciao Patrizia 🙂

    ho un sacco di fonti… e di tasche 😉 eh già…proprio di volontà si tratta, di motivazione verso qualcosa che ci piace. Se vuoi ardentemente migliorare, inizia a farlo… comportati "come se"…you know 😉

    Grazie
    Genna

    Ps. approfitto del tuo commento per rispondere ad un anonimo che mi ha criticato con troppa violenza…gli ho bannato il commento: in pratica mi diceva: "perchè vendo cose sul blog"… "scrivo dando in-formazione utile…e non ci trovo nulla di male a mettere qualche ads (pubblicità) qui e la…visto che impiego ore ed ore per scrivere un post e mi piacerebbe poterci dedicare sempre più tempo. Ma poi chi lo paga l'affitto? ;-)"

  • Patrizia –
    Ciao Genna quante tasche hai per riporre tutte le notizie inedite che scrivi?
    Anche questo post mi piace molto e soprattutto mi dà un input a "meditare" sulla DISCIPLINA PER PRATICARE.
    Non è che possiedi in una di queste tasche l'uovo di Colombo per ritrovare in fretta, nei periodi di nebbia, questa disciplina? … non dirmi che è la volontà, lo so già, qualcosa di magico!!!!!!!!!! in più c'è?
    Mi è piaciuto tantooooo il paragone della pulizia del pc.
    Basta se no scrivo altre cretinate………… Grazie..
    Patrizia.

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK