Psicoterapia: “3 risposte sull’ EMDR”

Ciao,

sai che cosa è l’EMDR? è una tecnica terapeutica inventatada una psicologa Californiana: Francine Shapiro che ne hacertamente fatto una delle psicoterapeute più in vistadi questo decennio. Infatti questa tecnica “semplicissima”basata sulla “stimolazione dei movimenti oculari” èdiventata in breve tempo una delle metodologie piùutilizzate nel campo del PTSD (disturbo da stress post-traumatico). Ma poi è stata usata con successo anche nelcampo delle fobie, dei disturbi alimentari e nel trattamentodell’ ansia. Ne abbiamo già parlato in realtà, perché latecnica ha molte cose in comune con la PNL…

La Shapiro invece dice di averla scoperta “per caso”: ladottoressa si trovava in un bosco mentre era assalita daalcuni brutti pensieri di cui non riusciva a liberarsi.Osservando l’ambiente attorno a se ha, casualmente,iniziato a muovere gli occhi da una parte all’altra…puntandoli su due oggetti vicini a lei. Con sua sorpresasi è accorta che quei pensieri avevano smesso ditormentarla, o per lo meno avevano perso il loroimpatto iniziale”. Questa pare essere la storia delsuo caso di serendipia. Ci tengo a precisare chemolte scoperte in questo campo sono nate così …

Eppure esistevano già delle tecniche simile sviluppateda qualche “dissidente della PNL ortodossa” 😀 ahahmi piace usare questo aggettivo per descrivere la PNL,che se ci pensi alla fine è bella matura (quasi 40 anni).Ma in questo articolo non voglio parlarti della dietrologiasu chi è arrivato prima di chi…e voglio fidarmi delleparole dette dalla Shapiro. Ma c’è una cosa che non èancora chiara… migliaia di persone in tutto il mondo loutilizzano eppure… non si sa ancora come funzioni…allora ho deciso di linkarti 3 articoli che rispondono alle domande più frequenti:

1) L’EMDR funziona meglio di nulla? Si diversericerche dimostrano che l’EMDR è più efficace di nulla.Cioè confrontando persone che non vengono trattatecon quelle che vengono trattate…si dimostra che l’emdrfunziona meglio “di nulla”. Questo dato apparentementebanale è invece molto importante, infatti non sono pochii trattamenti che hanno lo stesso effetto del placebo…

2) L’EMDR funziona meglio se affiancato alcolloquio? Forse… infatti ci sono dati sufficienti perpoter dire che l’effetto del colloquio clinico può esserefondamentale per l’efficacia dell’emdr. Pare che latecnica funzioni anche senza colloqui…ma di certo ilcolloquio è un validissimo supporto.

3) L’Emdr è migliore della terapia congnitivo-comportamentale? No…pare che l’EMDR abbia avutogli stessi identici risultati della tecnica “espositiva”studiata dai congnitivisti. Risultato interessante vistoche entrambe le tecniche sono state create dalla”stessa matrice”.

Concludendo: l’EMDR è uno strumento eccezionaleche ha “tutta la sua dignità”— chi si occupa di clinicanon può non conoscere ed utilizzare questo strumento.In Italia per poterlo utilizzare bisogna essere deglipsicoterapeuti … per cui, in caso ti venisse voglia diapplicarlo nel tuo lavoro…tieni gli occhi aperti 😉

Se pensi di aver bisogno di un ciclo di EMDR evivi nella zona di Padova, contattami.

Aggiornamento: attualmente J. Grinder, uno dei dueco-creatori della PNL ha dichiarato di aver suggeritoalla Shapiro le stimolazioni bilaterali. La creatricedell’EMDR smentisce categoricamente questa  voce.

Se ti piace, lascia il tuo “mi piace” e sentiti liberodi farmi tutte le domande che vuoi fra icommenti qui sotto.

a prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Intelligenza Emotiva ??
Psicologia: avere opinioni su tutto è possibile?
Ipnosi: the mentalist
Psicoterapia: La ricerca sugli psicofarmaci è ferma…perchè?
17 Commenti
  • Ciao,
    a me è stata proprosta ieri questa terapia EMDR, non sono scettica a riguardo, potrei anche farla…il mio problema è che non ho un avvenimento particolare che ha segnato/cambiato la mia vita, può essere che non lo ricordi?

    • Ciao Giada,
      l’approccio EMDR può funzionare anche senza avere un ricordo specifico, assicurati che il terapeuta che te lo propone sia stato formato adeguatamente. Puoi vedere se è presente fra i terapisti EMDR nel loro sito. Prova, facci almeno 5/10 sedute e vedi cosa succede, so che è un investimento ma posso assicurarti che se “funziona” può realmente cambiarti la vita.

  • Ciao Claudio,
    la cassettina può essere utile ma non é certo quella a creare il cambiamento che desideri. L'emdr non é una psicoterapia ma una tecnica che unità alle abilità dello psicologo possono aiutare in determinati casi…a volte non é utile usarlo, altre volte si…altre ancora deve essere integrato con altre forme di intervento.

  • Ciao, un mio amico mi ha detto che la sua psicologa pratica l'emdr. Lui viene sottoposto a questo tipo di terapia sia quando va dalla psicologa sia a casa grazie a una cassetta audio con una musica che si alterna tra orecchio destro e orecchio sinistro e la voce registrata della psicologa. Mi ha detto che grazie alle sedute dalla psicologa e all'audio che usa 2 volte al giorno è praticamente rinato. Ora, io anche vado da uno psicologo che usa tale tecnica, ma vengo sottoposto a questa terapia di rado, con buoni risultati ma momentanei. Per questo mi chiedo, che senso ha usarla così di rado, non dovremmo essere sottoposti ogni giorno magari con un'adio come quello che ha il mo amico per avere dei benefinci?
    Grazie
    Distinti saluti
    Claudio

  • Ciao Genna, sono Danilo , un collega psicologo…. io ho una formazione di tipo ipnotico anche se non disegno un approccio integrato ….sopratutto creativo…l'emdr credo sia interessante e per questo ho iniziato una formazione….certo che osservando un pò tutto il processo di questo metodo…mi sono detto:l'ipnosi è uno strumento magnifico…………..

  • Ciao Genna,

    ti dico la mia in base al tuo articolo e alla poca conoscenza che ho in materia.

    Per quanto riguarda l'invenzione EMDR, sembra e qui ti invito a "prenderla con le pinze" che la Shapiro fosse o segretaria (non ridere 😉 o tirocinante di John Grinder, proprio nel periodo in cui insieme a Richard Bandler & co stavano analizzando i famosi "Movimenti oculari".

    Credo di aver letto questa cosa nel forum di Grinder qualche anno fa.

    Per quanto riguarda il funzionamento, anche qui non essendo un esperto, ma semplicemente un puro AMATORE, le mie ricerche mi hanno condotto alla teoria del " bilateral stimulation".

    Non a caso, la Shapiro insegna un versione cinestesica dell EMDR.

    Ovvero fa incrociare le braccia di fronte a se, e fa picchiettare con le mani i bicipiti opposti. Mano destra-bicipite sinistro e inverso.

    Questa tecnica è chiamata " butterfly hug" passatemela come "abbraccio della farfalla" 😉
    e viene impiegata principalmente con i bambini nelle zone di guerra.

    Invito chiunque fosse interessato a non prendere per vere le mie informazioni perchè sono passati molti anni da quando le ho lette, quindi provate a fare delle ricerche da soli per farvi un idea.

    Spero vi possa essere utile.

    Un abbraccio farfalla 😉
    Giovanni

  • Christian Giordano
    Rispondi

    Sì, nel mio blog ho linkato il progetto ITAPI tra le risorse utili. È un po' la filosofia di Linux e dell'Open Source: mettere le conoscenze in condivisione. Ed è un po' anche la filosofia del tuo blog, del resto 🙂

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao Christian,

    ehi…ci hai regalato una super mega dritta. Vado subito a scaricare il manuale..

    Grazie mille 🙂
    Genna

  • Christian Giordano
    Rispondi

    Ciao, Gennaro!
    Di sicuro troverai interessante questa intervista a Michele Giannatonio http://www.studio-duranti.it/documenti/emdr.pdf che mette a confronto ipnosi, EMDR e PNL.
    Nel suo manuale di psicotraumatologia c'è un intero capitolo deidicato all'ipnosi ed EMDR.

    Riguardo ai test, tungsteno, sono quasi tutti questionari che si autosomministrano. Ne trovi a centinaia su Google. Però non trovi l'interpretazione, perché presuppongono che tu conosca la psicologia (sennò non capiresti il risultato) e che tu sia iscritto all'Albo degli psicologi. Un test "free" è l'ITAPI ma al di là della quantificazione non ti spiega cosa significano i costrutti. lo trovi qui http://www.itapi.org/index.html

  • Ciao Genna,
    se attualmente per lavori di responsabilita' e' previsto un controllo dello stato di salute della mente, allora credo che con il tempo diventera' una prassi normale per tutti.
    Ognuno di noi ha sotto la propria responsabilita' la propria vita!
    La societa' oggi impone, a chi e' gravato della resposabilita' di tante vite umane, un controllo dello stato di salute mentale, ma domani divenenta' un'atto volontario messo in atto da tutti quelli che hanno a cuore la propria vita. Cosi' come oggi il controllo medico periodico e' consolidato a livello culturale come buona abitudine, domani verrano affiancati controlli sullo stato di equilibrio mentale.

    Ovviamente la frequenza consigliata per i controlli periodici sara' differente a seconda dell'esposizione al rischio.
    E chi fa un lavoro come il tuo, dovra' trovare piu' spesso un buco in agenda 😉

    E' vero, il mondo e' piendo di test psicologici!
    Ma le edicole di piu'. 🙂

    Sai consigliare qualche test di facile reperibilita' (in italiano) che abbia una valenza consolidata a livello "scientifico" ?

    Grazie.

    Buon week end

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ciao a tutti 🙂

    @ Alberto: Ottimo, ora conosci una delle tecniche più potenti in questo campo 😉

    @ Elvino: bella testimonianza! anche a me piace molto il fatto di poterlo integrare con altre metodologie. Alcune volte resto proprio sorpreso dalla sua incredibile efficacia.

    Grazie
    Genna

  • Ciao Genna,
    come psicoterapeuta uso l'EMDR dal 2003 e non mi ha mai deluso! Tra i vantaggi che trovo rilevanti oltre a efficia ed efficienza: la completa integrabilità con altri approcci e l'assoluto rispetto per l'esperienza soggettiva del cliente che ha la possibilità di elaborare i sui vissuti stressogeni mentre ne sente scemare l'impatto negativo su di sè, sino ad arrivare a rinforzare delle convinzioni positive sulla base di un terreno solido ad autentico.

  • Ehi grazie Genna non ne avevo mai sentito parlare!
    Ottimo.. Grazie!

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    *******************************
    AVVISO ai gentili commentatori:
    ho un super probelma con i commenti che da qualche tempo a questa parte non mi vengono segnalati in tempo.
    GRAZIE!
    **********************************
    Ciao Tingsteno 😉
    il tuo commento l'ho beccato subito…

    E'la documentazione che ho trovato a sottolineare la "parità di efficacia" fra emdr e psicoterapia cognitivo comportamentale. Io non lo so empiricamente perchè uso la psicoterapia ipnotica…

    Non credo che sia necessario un "controllo periodico", anche se a me come professionista farebbe comodo 😉 Di certo questo è invece importante in tutti quei casi in cui il proprio lavoro è di altissima responsabilità…piloti, contollori di volo, ecc…

    Comunque esistono dei test…ne esistono di tutti i tipi, c'è gente che non fa altro dal mattino alla sera ;-DDD

    Genna

  • Ciao Genna,
    se EMDR e terapia cognitivo comportamentale sono ugualmente efficaci mi sembra che l'efficienza sia a favore della EMDR. Parlo per ignoranza: la terapia cognitivo comportamentale mi da' l'idea di essere faticosa e un po' dolorosa per il cliente, mentre fare un po' di ginnastica con i bulbi oculari potrebbe risultare solo un po' noioso.

    Ora voglio esagerare:)
    Cosi' come e' consigliato fare delle visite mediche periodiche, non sarebbe consigliabile fare dei "controlli psicologici" periodici ?

    Cosi' come sono presenti in farmacia i test di gravidanza, non esistono test psicologici da autosomministrarsi ?

    Grazie.
    Ciao

  • Gennaro Romagnoli
    Rispondi

    Ahahah…ottimo 🙂
    Grazie Andre!

  • Ciao Genna!
    Se cerco la parola "serendipia" su google, la prima pagina in Italiano è la tua! 😉

    Buona giornata,
    Andrea

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK