“Apprendere per il gusto di farlo”

 

 

 

 

 

 

 

Ciao,

apprendere! passiamo tutta la vita a fare questa cosa, cioè ad imparare nuove cose.

Lo facciamo sia in modo consapevole, come quando apprendiamo una specifica competenza, sia in modo inconsapevole, come quando una determinata situazione ci impone di farlo …o più semplicemente quando la nostra mente ritiene che valga la pena ricordare quella specifica cosa.

 

Io adoro imparare nuove cose!

Fino a qualche anno fa non capivo l’importanza della cosa che sto per dirti…. credevo che molte cose le si dovessero imparare solo perché erano utili. Quindi mi limitavo ad apprendere le cose che “pensavo” in un futuro mi sarebbero state d’aiuto nel lavoro o in qualche altro ambito. Poi nel tempo, ho continuato a covare l’idea che, molte cose sono belle da imparare solo “per il gusto di impararle”…ed ho scoperto che sono anche utili…

…oggi, dopo anni di mi accorgo che uno dei piaceri più grandi dell’essere “vivi” è “apprendere”. Non importa cosa! Perdonami, continuo a parlare di me:

Come puoi immaginare faccio molte cose in un giorno (un po’ come tutti quelli che come me fanno i liberi professionisti) per lavoro…ma nonostante questo ho comprato delle palline ed ho iniziato a fare un po’ di giocoleria…tutto è iniziato guardando un filmato su youtube e mi sono incuriosito.

Poi ho scoperto delle ricerche che parlavano proprio del legame fra “sviluppo cerebrale” e apprendimento del gioco e della giocoleria.

Adesso gioco con più palline e riesco a divertirmi nel farlo. E’ chiaro che, vivendo in un modo sempre più frenetico e ultra carico di informazioni l’idea di fare qualcosa “tanto per farla” sembra bizzarra. Eppure ti assicuro che esistono 2 ottimi motivi che sono strettamente legati allo sviluppo personale…due aspetti importantissimi: la capacità di accedere ad uno stato di Flow e la plasticità neuronale:

1) Il Fusso o Flow: come ti avevo già detto il “flow” lo stato di flusso accade quando siamo completamente assorti e concentrati nel fare qualcosa. Questo crea uno stato di profonda unione con il tutto ed è l’esempio massimo di meditazione.

Chi pratica la meditazione cerca in fondo uno stato di coscienza simile a questo…completamente e totalmente presente in quello che stai facendo. L’esperienza di flusso ti permette di ricevere la maggior parte dei vantaggi di uno che pratica la meditazione da anni. Insegnare al tuo cervello a concentrarsi, centrarsi e a rilassarsi…

 

2) La plasticità neuronale: la frase più inquietante e allo stesso tempo veritiere che trovavo spesso nei miei libri di neuroscienze era “se non lo usi lo perdi”. Questa è una”regoletta” fisiologica che significa, se non “usi un determinato apparato del corpo” prima o poi questo si atrofizza… e lo stesso vale (se non di più per il cervello).

Ogni volta che impari qualcosa di nuovo questo modifica l’architettura del tuo cervello…e questo modifica tutto dentro di te … ed è come se “avessi cambiato, pulito e rinnovato”il tuo appartamento. Apprendere cose nuove, semplici e divertenti come la giocoleria, ha proprio questo effetto.

Ecco come mi sento quando faccio della “giocoleria” oppure quando “suono la mia chitarra” (anche qui cerco di scoprire periodicamente cose nuove da fare), non sento di “perdere tempo”…ma sento che sto facendo del bene a me stesso.

Chiunque abbia provato l’effetto flow-meditativo di cui parlavo prima (che si prova in tutte le attività umane) sa che cosa si prova fare qualcosa “per il gusto di farla” e non perché: bisogna restare in forma, bisogna apparire più colti,o altre cose del genere (e se nel farlo riesci anche ad ottenere dei vantaggi, ben venga).

Ho scritto questo post perché vedo sempre di più che le persone “non hanno tempo” di dedicarsi a questo genere di attività.

La nostra società cerca di spingerci verso un’efficienza sempre più alta, e molti abbandonano i propri hobby e le proprie passioni per tuffarsi nel lavoro.

Con questo articolo voglio dirti che, i tuoi hobby, possono farti allenare il cervello e che questo, se fatto nel modo giusto (senza far diventare l’hobby una ossessione) può migliorare le tue prestazioni negli altri campi della tua vita, soprattutto sul lavoro 😉

Quando ho deciso di scrivere questo articolo ne stavo parlando con un amico che mi ha fatto notare: “ma se il mio hobby e le mie passioni coincidono con il mio lavoro?”La domanda del mio collega era “faziosa” perché lui sa che per me è così. E’ chiaramente un bene prezioso quello di poter lavorare su qualcosa che ti appassiona davvero.

E se anche tu come me hai questa fortuna ti consiglio ancora più caldamente di trovare una attività alternativa. Vedrai, terminata quella attività sarai 100 volte più carico per affrontare il tuo lavoro.

Fammi sapere cosa ne pensi.

A presto
Genna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Truffe psicologiche: “dalle tecniche di memoria alla Pnl”
Auto-apprendimento: come imparare “da soli” stando a casa…
Mnemotecniche: “Come avere sempre accesso ai cassetti della memoria”
Insegnamento e giudizio
1 Commento
  • io passerei la giornata a fare "attività alternative" 🙂 ahahah
    una che ho scoperto qualche anno fa e che mi svuota completamente il cervello è giocare con l'aquilone acrobatico! mai provato? 😉

    ciao Genna, sono stata fuori una settimana e ora sto leggendomi tutti gli articoli insieme 😉

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK