Psicologia: “mangiare compulsivo e auto-aiuto”

Ciao,

come hai trascorso la Pasqua? hai mangiato tanto?io si 😉 si torna a casa e fra amici e parentinon so chi mi abbia dato più “filo da torcere” …senza contare che si sposava un mio caro amico eli non so neanche descrivere quante portate equanta allegria ha solcato il mio essere 🙂

e come in tutte le ferie il tempo è poco, un pòperchè qui ad Alassio non ho una connessione aportata di mano (anzi la ho ma si trova in unaaltra casa) e un pò perchè qui…ai miei cari amici…non gliene importa una mazza del mio blog, che astento sanno di cosa si tratta…ma a volte è megliocosì ;-)))

Fatta una bella padella di “affari miei”, ho trovatoun articolo interessante apparso sullo “Archivies of General Psychiattry” dello psicologo statunitense G.Terrence Wilson e dedicato al “Binge eating disorder”.Una condizione clinica caratterizzata da frequentiabbuffate ma senza le compensazioni della bulimia.Si ha come la sensazione di perdere il controllo suse stessi e su quello che si sta ingurgitando.

Lo studio ha messo a confronto 3 trattamenti: quelloclassico comportamentale (si tratta di una forma didieta) – l’auto aiuto (leggere un manuale con lasupervisione di uno psicoterapeuta) – la psicoterapia.I risultati sono stati chiari, il metodo migliore èrisultato essere “l’auto-aiuto”, che come vedi homesso fra virgolette perché era seguito da unopsicoterapeuta.

Il metodo peggiore è risultato essere quello “classico”,insomma se la “forza di volontà non ce la fa” per qualediavolo di motivo se “me lo dice un altro” dovrebbefunzionare? 😉 Eppure ci sono ancora persone che cicredono, credono nell’intervento divino di un dietologoche con “parole magiche” fermi questa sorta dicompulsione.

La bella notizia, per chi ama questo genere di cose èche l’auto-aiuto ha vinto…seppur con la supervisionedi un terapeuta. Questo disturbo della “alimentazioneincontrollata” pare essere una delle cause maggiori diobesità in occidente. E come per l’ansia (di cui abbiamopiù volte parlato) è in dilagare.

Bhe, dopo tutto questo “bel discorso” ti saluto perchéqui fuori i miei amici stanno grigliando. E mangiareè un’attività bellissima, ma come tutte le cosebelle ha il lato oscuro della medaglia…

Fammi sapere se ti piace, lascia un commento qui sottoti piace il mio blog, seguilo dai feed rss oppure dal tuoaccount di facebook.

a prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Meditazione: e i Beatles
Benessere Psicologico: “non solo patologia ma Wellness”
Psicologia: pavoneggiarsi è indice di insicurezza?
Psicologia: la rivincita dei maschietti ;-)

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK