Comunicazione non verbale: “Training per le microespressioni”

Ciao,

sai che cosa sono le microespressioni? no? allora primadi leggere questo articolo – clicca qui – e poi prosegui conla lettura 😉 Il viso è la fonte principale per poter capire,dalla comunicazione non verbale, le emozioni che staprovando una persona. Questo non significa che si possa”leggere dentro la persona” perché è sempre necessariocomprendere il “perché” sta provando quella specificaemozione. Tuttavia con “poco allenamento” si possonorealmente migliorare le proprie abilità nel leggerequesti segnali.

Questa “notizia” ci arriva dritta dritta da Paul Ekman,lo scienziato a cui è ispirata la famosa serie “lie to me“e dicui abbiamo parlato un sacco di volte;-) Ekman studia lemicro-esperssioni (cioè espressioni complete di unaemozione che durano solo 1/25 di secondo) dal 1988 e leemozioni dal 1978. Racconta che la scoperta delle microespressioni è nato dalle osservazioni di una pazientepsichiatrica Mary, la quale è riusciuta ad ingannare lui,e tutto il suo staff…mascherando una microespressione ditristezza.

Mary si è suicidata ma durante il colloquio dicevaapertamente di stare bene, per cui ha mentito in modovolontario per poter ottenere il suo obiettivo auto-distruttivo. Questo caso è talmente noto che anche gliautori di “lie to me” lo hanno ripreso come esempio perla finzione. Infatti pare che “Lightman”, il protagonistainterpretato dal bravissimo Tim Roth, sia ossessionatoda questo suo errore di valutazione. E’ chiaro che nonsia stata una “cosa bella” neanche per il team diprofessionisti che la seguiva nella realtà.

Ekman riferisce di aver fatto osservare quello stessofilmato a diverse persone, sia a volontari incosapevoliche a “clinici esperti”. Chiedendo loro di valutare leemozioni della paziente… Solo i clinici esperti riuscironoad “intravedere” la tristezza sul volto della donna.Rallentando il filmato, tutti i soggetti erano in grado divedere quella microespressione di tristezza che sitramutava in un sorriso (l’emozione con la quale simascherano più facilmente altre emozioni).

La notizia interessante è che, successivamente i soggetti”inesperti” sono stati sottoposti ad un training e nel girodi appena un’ora, tutti erano in grado di vedere lemicroespressioni. Al punto che, la maggior parte di loroera convinta che i ricercatori avessero rallentato lavelocità di esposizione. Invece capita proprio così, quandoti alleni ad osservarle sembra quasi che queste “piccoleespressioni” si rallentino a dismisura…

Ekaman ha stimato che per un training efficace sianecessario visionare circa un centinaio di facce. Se ti mettiad allenarti con il suo training ti basta giocarci 5 minutial giorno e nel giro di 2 settimane avrai completato iltraining secondo i dettami del professore 😉 E se proprionon ti piace farlo attraverso il Pc, oppure non conoscil’inglese puoi farlo acquistando il libro “Giù la maschera“di Ekman e Fiesen. Oppure attendere il mio prossimocorso dedicato esclusivamente alla “lettura correttadella comunicazione non verbale” 😉

Come sempre fammi sapere se ti piace, lasciandoun commento qui sotto e se ti piace il blog, seguilo daifeed rss oppure dal tuo account di facebook.

a prestoGenna

Iscriviti! Riceverai le nuove puntate del podcast. Subito in regalo 237 audio per la tua crescita personale!

Articoli Correlati:
Il sogno paradosso…e l’interpretazione dei sogni
Intelligenza Emotiva: “il primo passo è riconoscerle”
Intelligenza Emotiva: “il lato oscuro delle emozioni positive”
Migliorare La Comunicazione Non Verbale: Allineare Soma e Psiche
10 Commenti
  • La tecnica che è alla base del riconoscimento è Facial Action Coding System. Date un occhiata al sito del Centro di Ricerca di Trieste http://www.facsitaly.it

  • ciao Gennaro,
    guarda ho trovato il mett interessante, e posso esser soddisfatto di aver raggiunto il 100% nel test al 4o tentativo 🙂 (primo 92%) ma sai com'è, dopo ho iniziato ad allenarmi ogni tanto per tenermi in forma ed è bastato per memorizzare le facce di tutti e adesso è diventato inutile….a parte ovviamente testate tutto nella reale comunicazione (cosa che faccio sempre a volte per il "dispiacere" dei miei interlocutori hahah) hai da consigliare qualche altro training da fare comodamente a casa o davanti al pc?
    Grazie in anticipo 🙂

    Franco

    P.S. : grazie dei contenuti che gratuitamente condividi, ho imparato tante cose interessanti qui 🙂

  • Ciao Anonimo,
    tutti i training hanno l'aspettod del videogame, in particolare ce ne è uno che puoi scaricare e giocarci esattamente come un videogame…

  • Ciao Genna.
    Nel titolo parli di Training.

    Esiste un programma che permette di fare determinate esercitazioni, anche solo per gioco?

    Grazie mille

    Giovanni

  • Ciao Felix,
    il meglio è leggere "giù la maschera" e poi fare il training online 😉

  • Ho letto "Giù la maschera" ed è davvero interessante la spiegazione delle varie espressioni facciali!! Anche quando spiega la loro combinazione che nel training on line non c'è.

    Felix

  • allora, ti scrivo velocemente fra un cliente e l'altro 😉

    allora… il mio consiglio non è quello di leggere libri ma di esercitarsi e frequentare corsi da vivo. Un altro modo è quello di leggere tutti i miei articoli nei quali trovi un sacco di riferimenti bibliografici.

    Così a memoria, un libro molto carino (da prendere un pò con le pinze) è "perchè mentiamo con gli occhi e ci vergognamo con i piedi"…

    Fammi sapere
    Genna

  • Ho appena finito di leggere "Non mi freghi!" di Joe Navarro. Non so se lo conosci ma l'ho trovato delizioso! Hai da consigliarmi qualche testo in particolare sul linguaggio non verbale oltre quelli di Ekman?

    Volevo approfondire lo studio del linguaggio non verbale il più possibile e non ho la più pallida idea su quali possano essere i testi più adatti.

  • Ciao Andrea,
    no va benissimo, tanto in tutti i suoi testi (non accademici) Ekman spiega più o meno sempre le stesse cose. Questa non è una critica, anzi è una lode, perchè riesce a dire gli stessi concetti permettendo alle persone di "recuperare il filo del discorso" ma adattandolo sempre al nuovo contenuto che propone.

    Grazie 🙂

  • Ho ordinato di Ekman il libro "Te lo leggo in faccia". Me lo consigli? Oppure dovrei iniziare con la lettura di quello che hai consigliato tu?

    Complimenti vivissimi per il blog, è molto interessante! 🙂

Lascia il tuo commento

Il tuo Commento*

Nome*
Sito Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie e consente l'invio di cookie di terze parti. Premendo il tasto OK o compiendo una qualunque azione all’interno del sito web accetterai l'utilizzo dei cookie. Per saperne di più su come modificare o negare l'utilizzo dei cookie consulta la nostra: Privacy Policy

OK